Dipendenza da sms: i ragazzi usano il cellulare anche in bagno!

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 03/06/2015 Aggiornato il 03/06/2015

I nostri ragazzi non riescono a evitare di scrivere continuamente sms, anche nei momenti meno opportuni

Dipendenza da sms: i ragazzi usano il cellulare anche in bagno!

Le nuove dipendenze non coinvolgono più soltanto l’abuso di una sostanza stupefacente. Spesso si tratta dell’esasperazione di un comportamento socialmente accettato. È quanto emerge da uno studio pubblicato sulla rivista Social Science Journal dai ricercatori della Pennsylvania State University, secondo cui, nonostante sappiano che è sbagliato, i ragazzi non riescono a resistere alla tentazione di scrivere messaggi continuamente.

Situazioni inopportune

La ricerca per delineare meglio la dipendenza da messaggio è stata realizzata su un campione giovanile di 152 studenti universitari cui è stato sottoposto un questionario per comprendere se inviassero sms anche in situazioni socialmente inopportune o imbarazzanti come durante i funerali, di rapporti sessuali e mentre erano in bagno. Dall’analisi è emerso che nonostante la maggior parte dei partecipanti ritenesse che fosse sbagliato, il 34% degli intervistati ha ammesso di mandare sms mentre face la doccia, più del 22% durante le cerimonie religiose, l’11% nel corso del giuramento di fedeltà e circa il 7,4% durante i rapporti sessuali. Per la maggior parte degli studenti scrivere messaggi quando si è in bagno o mentre si mangia è del tutto normale.

Una nuova selezione naturale

La professoressa Marissa Harrison, che ha condotto lo studio, ritiene che l’incapacità di resistere alla tentazione di rispondere agli sms si fonderebbe sui principi della selezione naturale: il lampeggio e il suono degli sms indicherebbero possibili minacce oppure nuove opportunità, che inducono la persona a prestare meno attenzione a ciò che succede intorno e concentrarsi soltanto sul messaggio. L’impulso irrefrenabile a rispondere o a controllare il cellulare sarebbe, quindi, un modo per proteggersi dai pericoli del mondo esterno. Secondo la Harrison, siamo tutti programmati per notare i movimenti e i cambiamenti, pertanto i ronzii e i suoni degli sms potrebbero determinare la necessità di capire cosa stia accadendo, proprio come in passato certi rumori segnalavano la presenza dei predatori.

 

 

 

 

In breve

IN AUMENTO I DROGATI DA TECNOLOGIA

Il fenomeno sociale della dipendenza dal cellulare è un problema che colpisce principalmente giovani e giovanissimi, ma non sono soltanto loro le uniche vittime. Secondo una ricerca del portale Flurry, gli “addicted” nel mondo sarebbero stati ben 176 milioni nel 2014. Con un aumento del 123% rispetto al 2013.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Gambe sollevate in gravidanza: possono aver danneggiato il bambino?

08/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Durante la gravidanza, quando preoccupazioni che oggettivamente non hanno ragione di sussistere non danno tregua, mantenendo la futura mamma in uno stato ansioso costante, può senz'altro essere opportuno ricorrere all'aiuto di uno psicoterapeuta. Le continue paure ingiustificate possono, infatti, essere...  »

Tosse violenta che non passa in una bimba di 4 anni: qual è la causa?

02/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

Anche se di rado, una tosse secca, insistente, che nulla calma può essere dovuta al tappo di cerume: per escludere questa possibilità basta che il pediatra ispezioni accuratamente i condotti uditivi del bambino.  »

Collo dell’utero raccorciato in 25^ settimana: è possibile che torni a posto?

01/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

In effetti la cervice può recuperare qualche millimetro, in assenza di contrazioni uterine, quindi non è detto che una minaccia di parto prematuro comporti con certezza la nascita del bambino molte settimane prima rispetto alla data prevista.  »

Si può ridatare la gravidanza una seconda volta?

14/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La ridatazione ecografica può essere eseguita una volta sola nel primo trimestre (quando c'è più di una settimana di differenza tra il calendario ostetrico e le dimensioni effettive del feto), dopodiché se il bambino risulta più piccolo dell'atteso non si può più attribuire il dato a un concepimento...  »

Fai la tua domanda agli specialisti