Dipendenza da sms: i ragazzi usano il cellulare anche in bagno!

I nostri ragazzi non riescono a evitare di scrivere continuamente sms, anche nei momenti meno opportuni

Dipendenza da sms: i ragazzi usano il cellulare anche in bagno!

Le nuove dipendenze non coinvolgono più soltanto l’abuso di una sostanza stupefacente. Spesso si tratta dell’esasperazione di un comportamento socialmente accettato. È quanto emerge da uno studio pubblicato sulla rivista Social Science Journal dai ricercatori della Pennsylvania State University, secondo cui, nonostante sappiano che è sbagliato, i ragazzi non riescono a resistere alla tentazione di scrivere messaggi continuamente.

Situazioni inopportune

La ricerca per delineare meglio la dipendenza da messaggio è stata realizzata su un campione giovanile di 152 studenti universitari cui è stato sottoposto un questionario per comprendere se inviassero sms anche in situazioni socialmente inopportune o imbarazzanti come durante i funerali, di rapporti sessuali e mentre erano in bagno. Dall’analisi è emerso che nonostante la maggior parte dei partecipanti ritenesse che fosse sbagliato, il 34% degli intervistati ha ammesso di mandare sms mentre face la doccia, più del 22% durante le cerimonie religiose, l’11% nel corso del giuramento di fedeltà e circa il 7,4% durante i rapporti sessuali. Per la maggior parte degli studenti scrivere messaggi quando si è in bagno o mentre si mangia è del tutto normale.

Una nuova selezione naturale

La professoressa Marissa Harrison, che ha condotto lo studio, ritiene che l’incapacità di resistere alla tentazione di rispondere agli sms si fonderebbe sui principi della selezione naturale: il lampeggio e il suono degli sms indicherebbero possibili minacce oppure nuove opportunità, che inducono la persona a prestare meno attenzione a ciò che succede intorno e concentrarsi soltanto sul messaggio. L’impulso irrefrenabile a rispondere o a controllare il cellulare sarebbe, quindi, un modo per proteggersi dai pericoli del mondo esterno. Secondo la Harrison, siamo tutti programmati per notare i movimenti e i cambiamenti, pertanto i ronzii e i suoni degli sms potrebbero determinare la necessità di capire cosa stia accadendo, proprio come in passato certi rumori segnalavano la presenza dei predatori.

 

 

 

 

In breve

IN AUMENTO I DROGATI DA TECNOLOGIA

Il fenomeno sociale della dipendenza dal cellulare è un problema che colpisce principalmente giovani e giovanissimi, ma non sono soltanto loro le uniche vittime. Secondo una ricerca del portale Flurry, gli “addicted” nel mondo sarebbero stati ben 176 milioni nel 2014. Con un aumento del 123% rispetto al 2013.

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Si ammala spesso: è normale che accada?

Febbre, tosse, raffreddore frequenti sono lo scotto che i bambini pagano alla socializzazione. Non sono preoccupanti: alla fine, nonostante questo, crescono tutti forti e sani. L'unica condizione che deve preoccupare davvero perché espone a pericoli è l'obesità: il resto passa senza conseguenze.   »

Anti pneumococco e anti rotavirus: sono importanti?

E' una fortuna per i nostri bambini poter essere vaccinati contro malattie che potrebbero avere conseguenze gravissime. E il timore che fare più vaccinazioni insieme possa non essere opportuno è infondato, come lo è ritenere qualche vaccinazione meno utile di altre.  »

Ma cos’è l’autosvezzamento?

Il neologismo "autosvezzamento" è spesso fonte di fraintendimenti o, comunque, confonde le mamme che devono iniziare a proporre le prime pappe. In realtà è una pratica molto più semplice rispetto a quello che in genere si pensa (ma anche un po' utopistica).   »

Fai la tua domanda agli specialisti