Disturbi da aria condizionata? Curali con l’omeopatia

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 05/07/2019 Aggiornato il 09/07/2019

Con le alte temperature e l'afa aria condizionata e ventilatori sono spesso inevitabili. Possono però dare vari disturbi, dal torcicollo al raffreddore. Ecco come attenuarli con l'omeopatia

Disturbi da aria condizionata? Curali con l’omeopatia

Quando caldo e afa si fanno sentire, si ricorre all’aria condizionata. Ma attenzione: raffreddore, torcicollo e congiuntiviti sono in agguato. Il problema non è solo l’aria condizionata, ma anche i ventilatori e gli sbalzi termici da un posto a un altro. L’uso eccessivo di questi dispositivi può essere, infatti, controindicato e provocare fastidi quali mal di gola, raffreddore, naso che cola, tosse: sono i classici disturbi da aria condizionata che in estate sono più frequenti di quanto si pensi.  Anche in questi casi l’omeopatia può essere un valido aiuto. 

Colpa dello sbalzo termico

Spesso il passaggio da un ambiente all’altro, con temperature diverse, per esempio l’uscire di casa o dall’ufficio climatizzati a mezzogiorno può determinare una situazione di squilibrio della temperatura corporea con conseguente indebolimento delle difese immunitarie. Bisogna avere un occhio di riguardo soprattutto per i più piccoli che subiscono maggiormente l’influenza degli sbalzi di temperatura e possono quindi essere i primi ad accusare alcuni sintomi. Per questi disturbi da raffreddamento, l’omeopatia può essere particolarmente indicata; permette di alleviare rapidamente febbre e mal di gola, senza il rischio, in linea generale, di effetti indesiderati o di interazioni con altri farmaci.

I rimedi più efficaci

Il dottor Dario Vicenzi, medico di famiglia esperto in omeopatia a Modena, per naso che cola e raffreddore consiglia, di ricorrere a una dose di oscillococcinum ai primi sintomi. Questo medicinale omeopatico aiuta a velocizzare il decorso della malattia, riducendo la portata dei sintomi. È importante, però, intervenire per tempo, non appena si avvertono i primi campanelli di allarme: in questo modo sarà più facile avere una guarigione veloce. Utili anche Allium cepa 5 CH, e, in presenza di muco denso e di color giallo Cinnabaris 5 CH, 5 granuli 4 volte al giorno, mentre Sticta pulmonaria 9 CH, nella posologia di 5 granuli ogni ora, è indicato per il naso chiuso. Infine, quando la respirazione è difficile a causa delle narici intasate, il consiglio del medico è Nux vomica 9 CH, 5 granuli 4 volte al giorno.

Per la tosse

Per tutti i tipi di tosse si consiglia uno sciroppo omeopatico, adatto anche ai bimbi. Se la tosse è secca, il medicinale più adatto è Spongia tosta 9 CH, mentre se alla tosse si accompagna un bruciore allo sterno è suggerito Bryonia 9 CH.

Per il mal di gola

Il rimedio più adatto è l’Aconitum 9 CH, e, in caso di infiammazione estesa della gola con dolore laringeo, Phytolacca 7 CH. Per la prevenzione si può assumere Sambucus 5 CH, 5 granuli la sera prima di coricarsi.

 

 

 
 
 

ATTENZIONE

VA USATA CON MODERAZIONE

È importante mantenere la temperatura dei locali interni tra i 25 e i 27 gradi e regolare il condizionare al minimo di notte, quando anche il calore corporeo e la temperatura esterna diminuiscono.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Voglio un figlio (a 44 anni) ma ho paura che non sia sano: che fare?

27/07/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La scelta di avere un figlio in età avanzata è personalissima: nessuno specialista può dare consigli al riguardo, solo indicare i rischi a cui si potrebbe andare incontro, in modo da permettere di decidere con consapevolezza.  »

Quarto cesareo a 30 anni: sono proprio tanti i rischi?

26/07/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Un quarto cesareo espone la donna a vari rischi che è bene valutare attentamente anche con l'aiuto del ginecologo curante.  »

Paura di aver contratto la toxoplasmosi

28/06/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Per sapere se malauguratamente si è state contagiate dal Toxoplasma gondii si può fare il toxo test, a partire da 20 giorni dopo l'ingestione dell'alimento che si teme fosse contaminato.   »

Fai la tua domanda agli specialisti