Ecco come eliminare i pesticidi da frutta e verdura

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 17/09/2015 Aggiornato il 17/09/2015

I pesticidi sono in grado di nuocere all’organismo a vari livelli. Per questo, è importante eliminarli il più possibile dai cibi. Vediamo come fare

Ecco come eliminare i pesticidi da frutta e verdura

Sono sostanze molto diffuse nell’ambiente in cui viviamo, tanto da essere presenti addirittura nei cibi più consumati in assoluto: la frutta e la verdura. Questo non significa che i pesticidi siano innocui. Al contrario, si tratta di sostanze che possono causare vari danni all’organismo. Ecco perché è importante imparare a proteggersi. In che modo? Innanzitutto, imparando a eliminarne la maggior quantità possibile dai vegetali che si mangiano ogni giorno. Quella della “depurazione” degli alimenti, infatti, non è una missione impossibile.

Perché sono nocivi

I pesticidi sono sostanze largamente utilizzate in agricoltura per uccidere i parassiti che possono danneggiare le piante coltivate, oltre a compromettere la produttività del terreno e la qualità del raccolto. Ne esistono di vari tipi, sia di sintesi sia di derivazione organica, come gli insetticidi, gli acaricidi, i diserbanti. Sono molto efficaci per lo scopo per il quale sono impiegati. Tuttavia, se penetrano nell’organismo, possono causare vari danni, come alterazioni del sistema endocrino, diminuzione della fertilità, maggior rischio di tumori, effetti neurotossici. Purtroppo, non si tratta di un’eventualità rara: infatti, questi “nemici” possono facilmente contaminare frutta, verdura, cereali, legumi e anche l’acqua potabile.

3 regole d’oro

Alla luce di questa situazione, lo Stato italiano e la Comunità europea hanno regolamentato la quantità, la qualità e la modalità d’impiego dei pesticidi. Tuttavia, non è impossibile che la frutta e la verdura che arrivano sulle nostre tavole ne presentino piccole tracce. Per tutelare la propria salute e la salute dei propri cari, dunque, è importante imparare a lavare correttamente questi cibi, in modo da pulirli il più possibile

  1. Innanzitutto, al lavaggio in bacinella sarebbe da preferire quello sotto l’acqua corrente, nello scolapasta o nel colino. Secondo il tossicologo Dave Stone, direttore del National Pesticide Information Center, progetto nato dalla collaborazione tra Oregon State University ed Environmental Protection Agency, infatti, si tratta del miglior modo per pulire la buccia. Anche se, va detto, che i lavaggi non possono eliminare completamente i pesticidi che vengono assorbiti attraverso le radici.
  2. Per maggiore sicurezza, è utile pulire le bucce con una spazzola. In alternativa, toglierle.
  3. Prestare particolare attenzione ai prodotti più esposti ai pesticidi: fragole, uva, mele, pesche, sedano, spinaci, peperoni, cocomeri, pomodori, patate, peperoncini, lattuga. Il consiglio? Comprarli bio e non metterli a contatto con gli altri alimenti.

 

 

 
 
 

In breve

I DETERGENTI SONO POCO UTILI

Secondo gli esperti, i detergenti liquidi da spuzzare su frutta e verdura non sono da considerare “miracolosi”: la loro capacità di eliminare i pesticidi è del tutto simile a quella dei lavaggi sotto l’acqua corrente che durino almeno un minuto.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Vaccino anti-CoVid-19: non è vero che ostacola la fertilità. Anzi.

21/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Professor Matteo Bassetti

Non ci sono dati che autorizzino a sostenere che la vaccinazione contro l'infezione da Sars-CoV-2 interferisca sulla fertilità.   »

Fontanella anteriore chiusa in una bimba di 4 mesi: è preoccupante?

20/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Carlo Efisio Marras

Se l'accrescimento della circonferenza cranica è regolare e se lo sviluppo neuropsicologico è adeguato all'età, la chiusura precoce della fontanella non deve destare alcuna preoccupazione.   »

Come togliere il seno a un bimbo di 18 mesi (difficile da gestire)?

15/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Banale eppure risolutivo: per smettere di allattare, quando diventa un peso insostenibile, basta non offrire più il seno e passare alla tazza.   »

Bimbo di 4 mesi con fossette nella piega interglutea: c’è da preoccuparsi?

12/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Alessia Bertocchini

E' davvero raro che una piccola anomalia in prossimità dell'ano che vari specialisti hanno considerao priva di significato dal punto di vista medico possa essere la spia di spina bifida.   »

Bimbo con dolore forte al lato sinistro dell’addome

05/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Professoressa Annamaria Staiano

La causa più frequente di un dolore intenso nella parte alta e sinistra dell'addome è quella che i pediatri americani definiscono "stitichezza occulta".  »

Camera gestazionale piccola: c’è da preoccuparsi?

16/08/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se le dimensioni dell'embrione sono giuste per l'epoca, possono non essere significative quelle della camera gestazionale.  »

Fai la tua domanda agli specialisti