Figlio unico: le regole da rispettare per una buona educazione

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 08/03/2013 Aggiornato il 08/03/2013

Ecco quali norme dare a un figlio unico per non viziarlo e insegnargli il rispetto delle cose e degli altri

Figlio unico: le regole da rispettare per una buona educazione

È il figlio unico quello che più rischia di subire gli

errori dei genitori. Essendo solo, è su di loro che si concentrano ansie, aspettative e frustrazioni. Per crescerlo in maniera equilibrata è consigliabile seguire alcune indicazioni di ordine pratico. Niente di straordinario, le stesse regole da impartire a chi ha fratelli e sorelle, ma da applicare con maggiore attenzione.

Mettere in ordine i giocattoli

Quando il bimbo ha finito di giocare, è bene insegnargli a rimettere il giocattolo al suo posto subito, prima di prenderne un altro. Se il bambino è ancora piccolo lo fa la mamma, mostrandoglielo. Già a partire dai due anni, invece, può imparare a farlo da solo. La mamma può convincerlo con dolcezza, senza alzare la voce, spiegandogli per esempio che l’orsacchiotto è stanco e vuole andare a nanna o che la macchinina ha bisogno di essere riportata in garage.

Non lasciare in giro i vestiti

È impossibile pretendere che un bambino piccolo pieghi i propri indumenti. Quando, però, a quattro o cinque anni, impara a cambiarsi da solo, deve iniziare a non lasciare gli abiti dove capita, sul pavimento o in giro per la casa. È sufficiente che li raccolga e che li raduni su una sedia. Con il tempo, imparerà a fare lo sforzo di metterli in ordine e piegarli.

Aspettare il proprio turno per parlare

Un figlio unico è al centro dell’attenzione, soprattutto nelle riunioni di famiglia quando genitori nonni e zii pendono in genere dalle due labbra. Questo comportamento va, però, evitato perché a scuola avviene l’esatto contrario: i bambini sono in tanti e tutti alla pari e sono loro a dover stare zitti e ascoltare le parole dell’insegnante. È quindi importante valorizzare le qualità del proprio figlio, senza esaltarle eccessivamente. Soprattutto già in famiglia è indispensabile insegnargli il rispetto per gli altri. È giusto ascoltarlo se deve parlare, è sbagliato evitare di conversare tra adulti per ascoltare sempre e solo lui. In questo modo gli si insegna a essere assertivo, in caso contrario a scuola si sentirà un frustrato e sarà capace di farsi ascoltare solo alzando la voce.

Rispettare quello che è di tutti

Può capitare che il piccolo rompa il giocattolo di un altro bambino, ma se lo ha fatto di proposito andrebbe punito, anche solo non vedendosene comprare subito un altro. Al bambino va fatto capire, infatti, gli oggetti che sono di tutti vanno rispettati ancora più che i propri. Non sempre è un’impresa facile, perché il bimbo è abituato ad avere tutto per sé. Anche in questo caso è essenziale l’esempio dei genitori (o dei nonni o della baby-sitter): queste figure, nelle occasioni quotidiane possono insegnare al bimbo a non essere prepotente, a chiedere un giocattolo senza sottrarlo con la forza, a essere generoso con i propri e a richiederli con gentilezza.

In breve

Figli unici: le indicazioni perché si comportino bene

Per crescere un figlio unico in maniera equilibrata è importante dargli delle regole precise di comportamento: insegnargli a mettere a posto i giocattoli e i suoi vestiti, aspettare il proprio turno prima di parlare e rispettare le cose altrui.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Come togliere il seno a un bimbo di 18 mesi (difficile da gestire)?

15/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Banale eppure risolutivo: per smettere di allattare, quando diventa un peso insostenibile, basta non offrire più il seno e passare alla tazza.   »

Bimba di due anni che al nido non mangia nulla

13/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Luisa Vaselli

Può capitare che un bambino si rifiuti di mangiare al nido. Ma è solo questione di tempo: a mano a mano che impara ad accettare di buon grado il distacco, perché comprende che la mamma torna sempre, tutto si risolve.   »

Quarto cesareo: ci saranno problemi?

13/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Un quarto cesareo è sempre un intervento difficile per i medici, perché è possibile che i precedenti abbiano lasciato aderenze tra i tessuti uterini e gli organi circostanti, ma questo non significa che non possa andare comunque tutto per il meglio.  »

Bimbo di 4 mesi con fossette nella piega interglutea: c’è da preoccuparsi?

12/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Alessia Bertocchini

E' davvero raro che una piccola anomalia in prossimità dell'ano che vari specialisti hanno considerao priva di significato dal punto di vista medico possa essere la spia di spina bifida.   »

Bimbo con dolore forte al lato sinistro dell’addome

05/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Professoressa Annamaria Staiano

La causa più frequente di un dolore intenso nella parte alta e sinistra dell'addome è quella che i pediatri americani definiscono "stitichezza occulta".  »

Camera gestazionale piccola: c’è da preoccuparsi?

16/08/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se le dimensioni dell'embrione sono giuste per l'epoca, possono non essere significative quelle della camera gestazionale.  »

Fai la tua domanda agli specialisti