Foto dei bambini sui social: ecco le regole

Redazione
A cura di “La Redazione”
Pubblicato il 22/12/2016 Aggiornato il 22/12/2016

Esistono alcune regole d'oro da seguire prima di postare le foto dei bambini e altre informazioni sui social network

Foto dei bambini sui social: ecco le regole

Sono sempre più numerosi i genitori che postano le foto dei bambini sui social network. Ma non solo, sono altrettanto numerosi le mamme e i papà che forniscono inconsapevolmente informazioni sui propri figli, fruibili da chiunque soprattutto se il profilo social è pubblico. Esistono, però, alcune regole da seguire se si condividono le informazioni e le foto dei bambini sui social.

Sharenting

Il fenomeno che spinge i genitori a postare le foto dei bambini sui social network si chiama sharenting. Un recente studio americano, presentato a San Francisco in occasione della conferenza annuale dell’American Academy of Pediatrics, elenca le regole d’oro per tutelare i bambini nell’uso dei social network. La prima cosa da fare è imparare alla perfezione gli strumenti relativi alla privacy dei social network e le diverse policies.

Indicazioni per la sicurezza

Al fine di tutelare i minori sui social network, è necessario selezionare il pubblico di condivisione delle immagini e lesinare sulle informazioni che riguardano, per esempio, il comportamento dei bambini oppure la localizzazione. Ma non sono solo le conseguenze a breve termine a essere importanti, è fondamentale anche pensare alle conseguenze sul lungo termine che alcune condivisioni possono provocare nella vita di un bambino. Altrettanto importante è evitare di postare foto dei minori in un qualsiasi stato di nudità, nemmeno se vengono condivise solo tra “amici” virtuali.

 

In breve

MEGLIO SOLO AGLI AMICI “VERI”

Le foto dei bambini sui social network dovrebbero poter essere visualizzate solo dalla cerchia di amici ristretta e, soprattutto, reale. Da evitare, sempre: localizzazione, informazioni sulle abitudini del bambino, dettagli che potrebbero risultare imbarazzanti per il minore e forme di nudità anche parziali.

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Vaccino antivaricella: va fatto agli altri bimbi se c’è in casa un piccolissimo
14/10/2019 Gli Specialisti Rispondono

I bambini che frequentano l'asilo dovrebbero essere vaccinati (anche) contro la varicella, per scongiurare il rischio di ammalarsi e contagiare un fratellino nato da poco.   »

Fattore Rh negativo: l’immunoprofilassi anti-D va fatta in gravidanza?
11/10/2019 Gli Specialisti Rispondono

E' più che opportuno che le donne con fattore Rh negativo che aspettano un bambino eseguano l'immunoprofilassi specifica già durante la gravidanza. L'iniezione (intramuscolare) dovrebbe essere effettuata da personale sanitario.  »

Vertigini a 13 anni: cosa può essere?
10/10/2019 Gli Specialisti Rispondono

Le vertigini potrebbero essere espressione di un problema che riguarda l'orecchio interno: solo la visita otoneurologica può escluderlo o confermarlo.   »

Fai la tua domanda agli specialisti