Il bimbo ha paura dell’acqua? Mamme fate così

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 09/08/2013 Aggiornato il 09/08/2013

A volte ne sono irresistibilmente attratti, altre invece i bambini hanno paura dell’acqua: ecco come alcune mamme hanno risolto il problema

Il bimbo ha paura dell’acqua? Mamme fate così

Quando arriva il momento per il bambino di fare il primo bagno in mare o in piscina e scoprire così se ha paura dell’acqua? Una mamma domanda: “La mia bimba di cinque mesi può fare il bagno in mare?”; un’altra più “preparata” risponde: “Non nelle ore più calde e non troppo a lungo, magari con un salvagente o canottino… il puericultore inglese di una mia amica glielo ha consigliato… che dite?”. Sono tante le domande e diverse le risposte. Secondo alcune mamme “non esistono regole precise sull’età in cui immergere i piccoli in acqua, e le reazioni possono essere molto diverse tra loro”… dall’entusiasmo alla paura, ma qualche linea guida generale si può tracciare.

Da mamma a mamma

“Per i neonati con meno di 3 mesi – dice una mamma – esiste la controindicazione della temperatura dell’acqua: nulla impedisce di bagnargli i piedini, ma sempre in zone dove l’acqua è piuttosto calda, come le calette”.

Interviene un’altra neomamma: “Una buona idea per fargli prendere confidenza con il mare e vedere se ha paura dell’acqua, è portare una piccola piscina gonfiabile, riempirla, aspettare un’oretta o due perché si scaldi e poi immergere il piccolo… Io ho fatto così… e ha funzionato”.

“Intorno ai 5-6 mesi si può provare a fargli il bagno completo in mare, ma bisogna sempre evitare lo shock dell’immersione improvvisa”. Dunque, come fare? “Giocare un pochino in riva al mare, fargli bagnare piedini e manine, lasciare che prenda confidenza con gli spruzzi delle onde. Se arriva l’acqua in faccia è molto probabile che si spaventi e scoppi a piangere, ma siccome è quasi inevitabile, mamme non fatevi impressionare… fate un sorriso… lo prenderà come un gioco e sorriderà anche lui”.

“Prendete il bimbo in braccio e piano piano cominciate a immergervi insieme a lui, bagnandolo fino al pancino o al massimo alle ascelle. Probabilmente all’inizio la temperatura lo sorprenderà e lo irrigidirà, ma un pochino alla volta, dimostrandovi divertite e rilassate, potete bagnarlo tutto”.

Altri trucchi per superare la paura dell’acqua

La paura dell’acqua è una fobia comune. Per aiutare il bimbo a superarla è importante l’approccio corretto.

– Non insistere per fare entrare in acqua il piccolo, se si mostra impaurito.

– Giocare con le onde: facendo così il bambino si rilasserà e la sua percezione dell’acqua diventerà positiva.

– Iscrivere il piccolo a un corso di acquaticità.

– Riempire d’acqua la vasca di casa, immergere qualche gioco di plastica in modo che il piccolo sia invogliato a entrarvi.

In breve

NON RIMPROVERARE IL PICCOLO NÉ PRENDERLO IN GIRO

Prendere in giro il bambino o rimproverarlo non gli permetterà certo di superare la paura dell’acqua e, quindi, è un atteggiamento assolutamente da evitare: rischia solo di peggiorare la situazione in futuro.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

L’amore per la mamma è “automatico”?

01/03/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

L'amore che un piccolissimo prova per la madre è legato al fatto che è la madre a prendersi principalmente cura di lui.  »

Sull’intervallo tra due vaccini vivi attenuati

22/02/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

La somministrazione di due vaccini vivi attenuati a una distanza inferiore alle 4 settimane può compromettere l'efficacia del secondo vaccino.  »

Iperattivita e prodotti omeopatici

16/02/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

L'iperattività (se di iperattività si tratta davvero) è segno di una malattia seria, non si può pensare di affrontarla con il fai-da-te.   »

Fai la tua domanda agli specialisti