Il junk food è come una droga: crea dipendenza!

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 07/05/2015 Aggiornato il 07/05/2015

I cibi spazzatura, chiamati junk food, innescano nel cervello gli stessi meccanismi prodotti dagli stupefacenti, determinando dipendenza e crisi di astinenza

Il junk food è come una droga: crea dipendenza!

Alcuni cibi, in particolare quelli più amati dai golosi, come la pizza stra-ricca, le patatine fritte, le merende di cioccolato o i vari tipi di snack, i cosiddetti cibi spazzatura o junk food, sono come una droga, ovvero innescano nel cervello gli stessi meccanismi di ricompensa prodotti dagli stupefacenti,  sviluppando quindi una vera dipendenza. In pratica più si consumano questi cibi spazzatura e più il cervello induce a consumarne ancora e ancora. Lo ha ipotizzato uno studio dell’Università del Michigan proprio sul junk food.

A rischio i prodotti raffinati

Secondo la ricerca americana tutti gli alimenti che hanno subito un lungo processo di trasformazione inducono il nostro cervello a provare piacere e a volerne ancora, creando quindi una forma di dipendenza e contribuendo ad aggravare il già troppo diffuso problema dell’obesità. In laboratorio gli scienziati hanno dimostrato che gli alimenti con aggiunta di sali, zuccheri o grassi, agiscono sui recettori della dopamina, come accade con l’assunzione di droghe. Alimenti particolarmente gustosi innescherebbero quindi fenomeni celebrali molto simili a fumo, alcol e stupefacenti. Questo effetto non si crea con prodotti alimentari non raffinati che non sono stati associati a comportamenti a tavola simili alla dipendenza.

Le stesse reazioni degli animali

Alcune precedenti ricerche condotte sugli animali avevano già rilevato come alcuni alimenti lavorati o con aggiunta di carboidrati e grassi raffinati, come farina bianca e zucchero, siano in grado di innescare dei comportamenti simile alla dipendenza. Secondo i ricercatori, questo fenomeno può avvenire anche nell’uomo; alcuni cibi altamente lavorati inducono il cervello a provare piacere, stimolandolo a chiederne ancora.

Diete su misura

Lo studio potrebbe aprire una nuova frontiera per diete maggiormente personalizzate contro l’obesità e il sovrappeso. Secondo Nicole Avena, farmacologa dell’Icahn School of Medicine al Mount Sinai  di New York e co-autrice della ricerca, possiamo modificare il nostro approccio per il trattamento all’obesità, rendendolo più simile a quello che già si usa per chi è dipendente da droghe e alcol invece di ricorrere soltanto a diete ferree.

Danni alla salute

Consumare assiduamente junk food non fa soltanto ingrassare, ma può comportare una serie di danni per la salute: problemi cardiovascolari, obesità, diabete, diminuzione delle capacità cerebrali, squilibri emotivi e psicologici.

Forse non sai che…

Junk food

L’espressione cibo spazzatura (junk food), comunemente riferito ad alimenti ricchi di calorie ma con scarso valore nutritivo, fu utilizzata per la prima volta nel 1972 da Michael Jacobson, direttore del Center for Science in the Public Interest di Washington.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Dubbio sull’intervallo di somministrazione dei vaccini

11/11/2019 Gli Specialisti Rispondono di Professore Alberto Villani

Per ogni vaccino, compreso l'anti-meningococco B, è stato individuato l'intervallo tra la somministrazione delle dosi che assicura la migliore risposta del sistema di difesa naturale e, quindi, la migliore protezione.   »

Ovulazione: può verificarsi anche se si prende la pillola?

31/10/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Ci sono casi in cui, nonostante l'assunzione del contraccettivo orale, la donna continua a essere fertile: accade, per esempio, se è in sovrappeso.   »

Svezzamento: quali regole seguire?

30/10/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

le linee guida relative allo svezzamento sono molto cambiate rispetto ad alcuni anni fa: oggi vi è molta più libertà d'azione, da usare però secondo i criteri dettati dal buon senso. Ma se si vuole andare "alla vecchia", nulla lo vieta.   »

Fai la tua domanda agli specialisti