Imparare nel sonno una lingua straniera è possibile

Laura Raimondi A cura di Laura Raimondi Pubblicato il 21/03/2019 Aggiornato il 21/03/2019

Uno studio dell’Università di Berna ha scoperto la capacità dell’ippocampo di imparare nel sonno alcune parole straniere durante la fase profonda. Ecco come

Imparare nel sonno una lingua straniera è possibile

Imparare nel sonno una lingua straniera, come succede nel celebre film “Matrix”, è oggi possibile e lo dice la scienza. Per la prima volta è stato dimostrato da un’equipe di studiosi dell’Università di Berna (Svizzera) che nuove parole straniere e le relative traduzioni possono essere memorizzate durante il pisolino dopo aver pranzato. Sarebbe proprio questo il periodo migliore per apprendere le associazioni delle parole straniere e il loro significato.

L’ippocampo, centro della memoria

La ricerca, pubblicata su Current Biology, ha rilevato l’importanza del ruolo dell’ippocampo, quella struttura cerebrale deputata all’apprendimento durante la veglia. Durante il sonno profondo, infatti, le cellule del cervello gestiscono alternandosi la loro attività di memorizzazione. Si susseguono quindi periodi di attività cellulare a brevi stati di inattività. Lo stato di attività viene detto “Stato up”, mentre il momento di inattività “Stato down” e si alternano ogni mezzo secondo. Ai 76 partecipanti di madrelingua tedesca è stato imposto di dormire solo 4 ore la notte prima dell’esperimento, in modo che fossero più propensi al riposino diurno.

L’alta reattività dello “Stato Up”

Nel corso della sperimentazione i ricercatori hanno rilevato che durante il sonno le associazioni semantiche tra parole sentite di una lingua artificiale e le corrispettive parole della traduzione tedesca (lingua madre) sono state indicizzate e ricordate nei momenti di “Stato Up”, con una ripetizione dalle 2 alle 3 volte per coppia di parole.

La stanchezza non incide

È stato inoltre dimostrato che la stanchezza, misurata su due scale scientifiche (la Stanford Tiredness Scale e la Tiredness Symptoms Scale), non aveva alcun effetto sulla capacità di memorizzazione.

L’esperimento è stato condotto per mezzo di elettrodi per verificare gli effetti sull’attività cerebrale, isolando i partecipanti con delle cuffie in una stanza schermata da stimolazioni di tipo elettrico e acustico.

 

In pratica

Ancora non è chiaro come sfruttare questa capacità di memorizzazione durante il riposo e nel concreto non si sa ancora come si può imparare nel sonno una lingua straniera. Ma la ricerca prosegue…

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Dubbio sull’intervallo di somministrazione dei vaccini

11/11/2019 Gli Specialisti Rispondono di Professore Alberto Villani

Per ogni vaccino, compreso l'anti-meningococco B, è stato individuato l'intervallo tra la somministrazione delle dosi che assicura la migliore risposta del sistema di difesa naturale e, quindi, la migliore protezione.   »

Ovulazione: può verificarsi anche se si prende la pillola?

31/10/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Ci sono casi in cui, nonostante l'assunzione del contraccettivo orale, la donna continua a essere fertile: accade, per esempio, se è in sovrappeso.   »

Svezzamento: quali regole seguire?

30/10/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

le linee guida relative allo svezzamento sono molto cambiate rispetto ad alcuni anni fa: oggi vi è molta più libertà d'azione, da usare però secondo i criteri dettati dal buon senso. Ma se si vuole andare "alla vecchia", nulla lo vieta.   »

Fai la tua domanda agli specialisti