La tua casa è sana?

Stefania Lupi A cura di Stefania Lupi Pubblicato il 22/01/2019 Aggiornato il 22/01/2019

Una casa salubre può migliorare la qualità di vita ed evitare varie malattie. L’Organizzazione Mondiale per la Sanità ha diffuso le linee guida per mantenere alta la qualità ambientale della propria abitazione

La tua casa è sana?

Dimmi come vivi e ti dirò come stai…. Parafrasando, potrebbe essere questo il senso di una recente indagine condotta dall’Oms, l’Organizzazione mondiale della sanità, che ha pubblicato le linee guida per ridurre i rischi di salute legati alle abitazioni. La casa o il posto dove si vive, dunque, ha un impatto importante sulla salute: se le condizioni e la qualità sono scarse, possono insorgere malattie respiratorie come asma, patologie cardiovascolari, lesioni, malattie mentali e infettive, come tubercolosi, influenza e diarrea.

Un problema in crescita nelle città

Se migliorano le condizione dell’ambiente in cui si abita si possono salvare vite, prevenire malattie, ridurre la povertà e aiutare a mitigare l’impatto del cambiamento climatico. Interventi ancora più importanti se si considera che la popolazione nelle città è destinata a raddoppiare entro il 2050, in particolare gli anziani, che trascorrono più tempo a casa. Chi è più a rischio degli effetti negativi di una scarsa qualità dell’ambiente domestico sono gli individui più deboli e che al suo interno ci trascorrono più tempo, proprio come anziani, bambini e disabili.

Attenzione alla temperatura interna

Le raccomandazioni contenute nel documento pubblicato dall’Oms spiegano come agire su spazi inadeguati e affollati, temperature interne troppo basse o alte, i pericoli di lesione e l’accessibilità alle persone con disabilità. Ad esempio nelle zone dai climi freddi una temperatura interna sicura per proteggere dagli effetti del freddo dovrebbe essere almeno di 18° C, mentre nelle aree dai climi caldi vanno adottate strategie per evitare un eccesso di calore.

Consigli mirati

Come migliorare le condizioni di vita dell’ambiente domestico? Per esempio installando isolanti termici efficienti e sicuri per rendere più confortevole la temperatura interna, ridurre il consumo di energia e le emissioni di carbonio. Le linee guida danno indicazioni anche sulla qualità dell’acqua e dell’aria, il rumore nel vicinato, amianto, piombo, fumo di sigaretta e radon.

 

Una curiosità

In casa è meglio  scegliere pitture green per decorare le pareti. In questo modo si può salvaguardare l’aria indoor.

 

Fonti / Bibliografia
  • WHO | Housing impacts health: New WHO Guidelines on Housing and HealthThe quality of housing has major implications for people’s health. Poor housing is associated with a wide range of health conditions such as respiratory diseases including asthma, cardiovascular diseases, injuries, mental health and infectious diseases including tuberculosis, influenza and diarrhoea. .
Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Coronavirus: è pericoloso per la fertilità maschile?

30/03/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Mario Mancini

Non c'è alcuna evidenza scientifica a supporto dell'ipotesi che il SARS-CoV-2 causi infertilità nell'uomo: si tratta dunque di una bufala.   »

Va bene questo valore delle beta?

30/03/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

In sesta settimana, un valore dell'ormone beta-hCG superiore a 10.000 esprime che la gravidanza è in evoluzione, quindi è un ottimo segno.   »

Bimba di tre anni che fa sempre le stesse domande

26/03/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dott. Leonardo Zoccante

E' normale che un bambino di tre anni chieda e richieda spesso le stesse cose: le risposte che ottiene (e che ci devono sempre essere) gli servono per consolidare le sue conoscenze.   »

Fai la tua domanda agli specialisti