Malattie respiratorie? Fatti baciare dal sole

Stefania Lupi Pubblicato il Aggiornato il 28/12/2018

Una casa inondata di luce è più sana, perché il sole uccide i batteri, specie quelli che provocano malattie respiratorie

Meccanicamente quando usciamo di casa abbassiamo le tapparelle, chiudiamo le imposte o tiriamo le tende. Per sicurezza, certo, ma anche per non far entrare il sole. E spesso teniamo in ombra le stanze anche quando siamo in casa perché troppa luce dà fastidio. Niente di più sbagliato: le stanze inondate di sole sono più sane. Lo hanno scoperto alcuni ricercatori dell’Università dell’Oregon che hanno svolto uno studio su piccolissimi ambienti e polveri per capire se e come la luce del giorno influisse sulla presenza di germi, soprattutto su quelli che provocano malattie respiratorie. La ricerca, pubblicata sulla rivista medica Microbiome, ha evidenziato che la proliferazione batterica raddoppia nella polvere delle stanze lasciate al buio.

Meno sole, più batteri

Gli esperti hanno usato un mix di polvere raccolta da abitazioni nella zona di Portland e lo hanno depositato in stanze miniaturizzate, collocandone in parte al buio, in parte alla luce dei raggi Uv e in parte ala luce solare diretta. Dopo 90 giorni (il tempo che serve alla polvere per depositarsi sulle superfici dopo essere stata aspirata) hanno campionato la polvere e analizzato i tipi di batteri presenti.

Una cura naturale contro le malattie respiratorie

È così emerso che le stanze esposte alla luce sole sono risultate quelle con meno germi, circa la metà dei batteri vitali (quelli in grado di crescere), rispetto alle stanze buie. Le stanze esposte solo ai raggi Uv (luce non visibile) avevano batteri leggermente meno vitali di quelli esposti alla luce solare. Nelle stanze buie era “vivo” il 12% dei batteri, in quelle con luce naturale il 6,8 per cento e il 6,1 per cento nelle stanze esposte ai soli raggi Uv. Le stanze illuminate a giorno contenevano meno batteri associati alla pelle umana e assomigliavano più a delle appartenevano a specie note per causare le malattie respiratorie.

 

 
 
 

Lo sapevi che?

Tra le pareti domestiche circolano circa 10.000 specie diverse di batteri, molti sono presenti in cucina.

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Tampone vaginale positivo allo streptococco al termine della gravidanza

Può accadere che in prossimità del parto il tampone vaginale rilevi la presenza dell'infezione. In questo caso, all'inizio del travaglio viene praticata la profilassi antibitica per evitare che il bambino venga contagiato al momento della nascita.   »

Sinechie delle piccole labbra: serve il cortisone?

Le pomate al cortisone non trovano specifica indicazione per le sinechie delle piccole labbra di una bambina. Una crema emolliente, che contrasti la secchezza delle mucose, se non ci sono sintomi né infezioni ricorrenti è più che sufficiente per controllare l'anomalia.   »

Influenza in gravidanza: è pericolosa?

Ci possono essere dei rischi, se l'influenza viene contratta nelle prime settimane di gravidanza, a causa della febbre. Nel secondo e nel terzo trimestre è improbabile che il bambino corra particolari pericoli. In generale, è sempre opportuno che una donna in attesa effettui la vaccinazione antiinfluenzale....  »

Fai la tua domanda agli specialisti