Pulire casa: la parità è ancora lontana

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 20/10/2016 Aggiornato il 20/10/2016

Sconfortante primato nel pulire casa delle donne spagnole e italiane, che sgobbano tre ore in più alla settimana dei propri compagni. Uomini sfaticati

Pulire casa: la parità è ancora lontana

Nelle case italiane, la parità nel pulire casa ha ancora molta strada da fare. Rispetto a molti altri Paesi del mondo, infatti, in Italia le donne passano tre ore in più del compagno a occuparsi delle faccende domestiche.

Italia  e Spagna i Paesi meno virtuosi

È quanto emerge da una ricerca dell’Università di Oxford su 19 Paesi,  pubblicata sulla rivista Demographic research. Lo studio ha analizzato anche le implicazioni socio-culturali, bollando Spagna e Italia come i Paesi meno virtuosi, agli antipodi rispetto a Canada, Usa e Finlandia, che registrano solo un’ora di differenza nelle mansioni.

Passi avanti ancora insufficienti

Sicuramente i dati confermano un miglioramento anche da noi: nel 1980 l’uomo medio dedicava solo 17 minuti a pulire casa, nel 2008 si impegnava il doppio, totalizzando 38 minuti, rimanendo però sempre di gran lunga al di sotto del tempo dedicato dalle donne ai mestieri di casa: ben 221 minuti.

Parità, un miraggio

Secondo gli esperti, per contribuire alla parità tra i sessi, sarebbe opportuno un cambiamento esteso anche ad altri ambiti sociali. La disparità in ambito domestico, infatti, riflette la diseguaglianza al di fuori delle mura di casa. Un atteggiamento culturale che si riflette in diverse sfere e che parte dall’educazione dei genitori, dall’insegnamento scolastico e dal comportamento dei datori di lavoro. Per questo è necessario l’intervento di una politica sociale efficace, volta a sradicare le differenze gratuite e immotivate che finiscono per penalizzare le opportunità delle donne.

 

 
 
 

da sapere!

Negli anni gli uomini sono diventati più collaborativi, ma sono ancora molto selettivi nella scelta delle faccende domestiche: pulire bagno e cucina resta, infatti, nella maggior parte dei casi di appannaggio delle donne.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Quinta malattia: sono incinta e forse sono stata contagiata: che fare?

20/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Fabrizio Pregliasco

Nel caso in cui vi sia il dubbio di essere state contagiate dal parvovirus B19, è opportuno effettuare il test per la ricerca degli anticorpi specifici. Questa analisi dle sangue permette di capire se si è state colpite o no dall'infezione.   »

Concepimento: dopo due mesi non si è ancora verificato, c’è da preoccuparsi?

16/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Non fa bene alla fertilità di coppia farsi prendere dall'ansia del risultato immediatamente dopo aver deciso di avere un figlio. Non è, infatti, automatico che la gravidanza inizi quando viene decisa, ma questo non è affatto preoccupante.  »

Distacco amniocoriale che non si riassorbe con il passare delle settimane

14/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

In presenza di un distacco amniocoriale che non si risolve non serve intensificare i controlli, mentre sono utili il riposo e un'alimentazione che favorisca l'attività dell'intestino, perché la stipsi può favorire la comparsa prematura di contrazioni uterine.   »

Fai la tua domanda agli specialisti