Scadenza alimenti: conta davvero?

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 23/12/2015 Aggiornato il 23/12/2015

Allarme della Coldiretti: gli italiani consumano troppo spesso cibi scaduti e non conoscono il vero significato delle diciture sull’etichetta. Ecco una guida

Scadenza alimenti: conta davvero?

Il 55% degli italiani mangia alimenti scaduti, cioè alimenti che hanno superato la data di scadenza indicata sulla confezione. Ad affermarlo è un sondaggio on line della Coldiretti basato sui dati Eurobarometro di settembre 2015.

Tempo di vita

Secondo Coldiretti gli italiani farebbero spesso confusione sul significato delle diverse diciture presenti sul prodotto relative al suo “tempo di vita”. Solo il 32%, infatti, butterebbe il cibo scaduto facendo attenzione alla data di scadenza indicata, mentre l’11% deciderebbe a seconda del tipo di alimento se consumarlo o buttarlo.

Etichette, queste sconosciute

Sarebbe la scarsa conoscenza delle informazioni presenti in etichetta, in particolare quelle relative alla scadenza dei prodotti, che spingerebbe il 20% degli italiani a consumare un alimento anche oltre la data di scadenza, pensando che oltre questa data, la conseguenza peggiore sia solo mangiare un prodotto di qualità inferiore rispetto ad uno non scaduto. Il 27% della popolazione italiana, avrebbe, invece, comportamenti diversi a seconda del tipo di prodotto scaduto.

Due diciture diverse

A seconda di quello che è scritto nell’etichetta si può dedurre la deperibilità dell’alimento. La funzione è quella di fornire indicazioni sulla scadenza dei prodotti, in particolare:

– “Da consumarsi entro” indica la data di scadenza entro cui un alimento deve essere consumato e oltre la quale non può più essere messo in vendita. In questo caso mangiare un prodotto scaduto può essere pericoloso per la salute. Questa definizione si applica obbligatoriamente a tutti i prodotti che deperiscono rapidamente come, per esempio, il latte fresco e le uova.

– “Da consumarsi preferibilmente entro il …” indica la data fino alla quale l’alimento conserva le proprietà organolettiche come il sapore e l’odore o nutrizionali, ma può essere consumato senza rischi per la salute anche dopo la data di scadenza riportata in etichetta.

 

 
 
 

In breve

 

MEGLIO NON ANDARE TROPPO OLTRE

Secondo Coldiretti, più ci si allontana dal termine minimo di conservazione (Tmc) e più la qualità del prodotto si riduce. Quindi, aggiunge Coldiretti, se oltre alla salute si vuole garantire anche il gusto, è meglio non superare il Tmc. 

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

La mia gravidanza si è interrotta subito: quando riprovarci?

16/09/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Francesco Maria Fusi

Si può cercare un bimbo immediatamente dopo un aborto spontaneo, avvenuto nelle primissime settimane di gravidanza.   »

Sono incinta: posso continuare ad allattare?

14/09/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se lo si desidera, non c'è ragione di smettere di allattare quando inizia una nuova gravidanza.   »

Dolicocefalia in bimbo di tre mesi: quali conseguenze?

14/09/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Carlo Efisio Marras

Questo tipo di malformazione cranica comporta un problema quasi esclusivamente di natura estetica.   »

Fai la tua domanda agli specialisti