Seggiolini auto: come leggere l’etichetta

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 08/08/2013 Aggiornato il 08/08/2013

È importante fare attenzione a quanto riportato sull’etichetta dei seggiolini auto. In questo modo si è certi di acquistare un prodotto sicuro

Seggiolini auto: come leggere l’etichetta

La scelta dei seggiolini auto è fondamentale per la sicurezza del bebè. Per non lasciarsi ingannare da false offerte o prodotti scadenti, è meglio leggere l’etichetta e conoscere il significato delle diciture riportate su ogni prodotto.

Questione di peso

Le prime sigle da riconoscere sono quelle relative al peso del piccolo. Infatti, come recita l’articolo 172 del Codice della Strada, in Italia è obbligatorio utilizzare in auto un sistema di ritenuta omologato e adeguato al peso del bambino fino a quando il bambino ha raggiunto 1,50 m di statura. Sono cinque i numeri da ricordare: gruppo 0, indicato per i bimbi dai 6 a 12 mesi e fino ai 10 kg di peso; gruppo 0+, fino a 13 kg e 24 mesi di età; gruppo 1, dai 9 ai 18 kg di peso e da 9 mesi a 4 anni di età; gruppo 2, dai 15 a 25 kg e dai 3 ai 6 anni di età; gruppo 3 (adattatori omologati che rialzano il bimbo e gli permettono di utilizzare le normali cinture di sicurezza), dai 22 ai 36 kg di peso e dai 5 ai 12 anni di età.

Le informazioni indispensabili

Il nome, le iniziali o il marchio del fabbricante, così come l’anno di fabbricazione devono essere riportati sui seggiolini auto. Nell’etichetta vera e propria, che è una sorta di carta d’identità dei seggiolini auto, invece, non possono mancare:

– il simbolo di omologazione comunitaria (Ece) seguito dalla normativa di riferimento (es. R44/04);

– il marchio di omologazione internazionale, cioè un cerchio contenente la lettera E seguita dal numero del Paese che ha rilasciato l’omologazione stessa (l’Italia è il numero 3), dal numero di omologazione e dal numero progressivo di produzione;

– il peso autorizzato e la dicitura che indica il tipo di vettura per cui è valida l’omologazione (“Universal” indica che vale per tutte le auto).

In breve

PIU’ ATTENZIONE CON QUELLI PER I NEONATI

I seggiolini per l’auto gruppo 0 e 0+ (che prevedono il montaggio nel senso contrario rispetto a quello di marcia) devono anche riportare chiaramente un’etichetta con l’avviso di “Pericolo”,  che indica l’impossibilità di utilizzarli sui sedili delle auto dotate di airbag frontale.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Perdite di sangue nel primo trimestre: cosa può essere?

27/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Una volta escluso, grazie all'ecografia, che il sanguinamento sia dovuto a un distacco o ad altre complicazioni, occorre capire se la causa potrebbe essere un'infezione.   »

Gravidanza: quando conviene annunciarla a parenti e amici?

26/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

Non c'è una regola che stabilisce quando è opportuno comunicare a tutti che si è in attesa di un bambino. Il momento in cui farlo dipende da una scelta personalissima che ogni coppia deve fare in base al proprio sentire.  »

Neo sospetto: meglio toglierlo subito o basta tenerlo sotto controllo?

23/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Floria Bertolini

Un neo dall'aspetto poco rassicurante va asportato allo scopo di comprenderne, attraverso l'esame istologico, la natura. Non è però necessario procedere tempestivamente, ma è possibile attendere fino a sei mesi (non di più!) per farne ricontrollare l'evoluzione.   »

Bimbo che rifiuta pranzi e cene (ma come dargli torto?)

20/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Luisa Vaselli

Se a un bambino vengono sistematicamente proposti primi e pietanze poco allettanti, costituiti da un insieme di alimenti che, mescolati insieme, perdono sapore si deve mettere in preventivo che a un certo punto si rifiuti di inghiottirli.   »

Fai la tua domanda agli specialisti