Tossinfezioni: attenzione ai rischi in tavola

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 15/01/2014 Aggiornato il 15/01/2014

Il cibo, se mal conservato, può causare tossinfezioni provocate da alcuni batteri patogeni con effetti nocivi sulla salute

Tossinfezioni: attenzione ai rischi in tavola

Errori sotto il profilo igienico nella conservazione, nella preparazione e nella distribuzione dei cibi possono provocare seri problemi alla salute: ogni anno migliaia di persone soffrono di malattie di origine alimentare dovute a tossinfezioni provocate dall’ingestione di cibi contaminati. Spesso è “semplicemente” la superficialità che deriva dall’eccessiva sicurezza che provoca le tossinfezioni alimentari.

Pericoli anche al bar e al ristorante

Il professore Michele Carrubba, direttore del Centro Studi e Ricerche dell’Obesità dell’Università Statale di Milano ci spiega che “le tossinfezioni di tipo batterico sono possibili e che nell’80% dei casi si verificano per una cattiva conservazione degli alimenti una volta a casa, ma anche al bar e al ristorante c’è la possibilità di incappare in qualche problema legato a un “gap” nei controlli”.

Maggiori rischi con latte e uova

In genere le tossinfezioni si verificano più frequentemente con alimenti a base di uova e derivati come la maionese, ma possono accadere anche con cibi a base di latte e yogurt. Se i controlli igienici dei prodotti industriali sono severissimi, riducendo al minimo le eventuali contaminazioni, lo stesso non si può dire sempre anche per i prodotti artigianali dove purtroppo è più facile che qualcosa sfugga dagli standard produttivi.

Problemi gastrointestinali anche gravi

Normalmente queste tossinfezioni alimentari danno problemi gastrointestinali, a volte anche gravi e, se la persona ha una salute fragile, le conseguenze possono essere molto serie. 

In breve

LE PROTEINE DANNO PIU’ PROBLEMI

Gli alimenti “preferiti” dai batteri patogeni sono quelli a elevato contenuto di proteine e acqua come carne (arrosti, polpettoni, rolate), uova e derivati (maionese, tiramisù, creme), latte e derivati (creme, panna). Quindi, occhio alle temperature di conservazione! 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Placenta bassa in 16^ settimana: si può prendere l’aereo?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Una sospetta inserzione bassa della placenta va confermata con l’ecografia transvaginale a partire dalla 20^ settimana, quindi circa un mese prima di questa data è prematuro diagnosticarla: proprio per questo un viaggio in aereo si può affrontare senza rischi.   »

Dopo tre cesarei si può partorire naturalmente?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Al travaglio di prova dopo un parto cesareo, noto con l'acronimo TOLAC dall'inglese trial of labour after cesarean, possono essere ammesse solo le mamme che abbiano già affrontato l'intervento solo una, massimo due volte.   »

Manovre effettuate durante l’ecografia: possono causare danno al feto?

04/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giovanni Battista Nardelli

Nessuna delle manovre manuali esterne effettuate dal medico per poter svolgere l'ecografia nel migliore dei modi può esporre il feto a rischi.   »

Bimbo di 4 anni con una tosse che non passa nonostante l’antibiotico

02/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

È un'eventualità frequente che i bambini della scuola materna passino più tempo a tossire che il contrario. Posto questo, l’antibiotico andrebbe usato quanto la tosse con catarro persiste per più di un mese senza tendenza alla remissione.  »

Fai la tua domanda agli specialisti