Trasloco: come fare se c’è un bambino?

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 24/09/2013 Aggiornato il 24/09/2013

Richiede sempre fatica e impegno in ogni caso, ma se c’è anche un bambino il trasloco può diventare una vera e propria impresa. Ecco come affrontarlo al meglio

Trasloco: come fare se c’è un bambino?

Gestire un trasloco quando in casa c’è un bambino non è sicuramente facile. Tuttavia, adottando qualche trucco, si può superare questa fase senza uscirne stremati.

Organizzarsi in anticipo

Innanzitutto, se possibile, è bene organizzarsi per tempo. Se il trasloco non è una decisione dell’ultimo minuto, meglio giocare d’anticipo. Questo significa approfittare di ogni momento libero per iniziare a preparare gli scatoloni. Cercare di impacchettare abiti e oggetti con criterio: così, quando sarà il momento di sistemarli nella nuova casa sarà tutto più semplice. Per esempio, riporre i maglioni tutti insieme e ben piegati, le calze in una stessa scatola, i vestiti del bambino da soli e così via.

Coinvolgere il bambino

Se non è troppo piccolo, è bene coinvolgere nei preparativi anche il bambino. Così facendo gli si dà modo di abituarsi al cambiamento e di cominciare a interiorizzarlo. Inoltre, “smontare” la casa pezzo per pezzo per lui può essere un gioco divertentissimo e decisamente inusuale. Può anche essere l’occasione per decidere insieme quali giochi tenere e quali buttare o donare a qualche associazione benefica. È importante anche mostrare al piccolo la nuova casa, anche se ancora sgombra o in via di costruzione. I genitori devono cercare di catturare l’attenzione del figlio e rendere il trasloco un’avventura da vivere tutti insieme.

Quando arriva il giorno X

Quando arriva il giorno del trasloco, l’ideale sarebbe chiedere a un parente o a un amico di tenere il bambino, così da potersi dedicare completamente all’operazione di sgombero dei locali. Prima di portare il figlio dalla baby-sitter o dai nonni, però, è importante spiegargli cosa succederà di lì a poco per non disorientarlo. Mamma e papà devono dirgli che quando lo andranno a prendere non ritorneranno più nella loro vecchia casa, ma tutti insieme si trasferiranno in un’altra casa che a lui piacerà tanto.

Attenzioni speciali per la sua cameretta

Nei giorni successivi al trasloco, è inevitabile che in casa ci sia un po’ di trambusto. Se possibile, sarebbe bene lasciare il piccolo ancora dai nonni o da altri parenti mentre si fa un po’ di ordine. È meglio, però, che lui sia presente quando si sistema la sua cameretta. I genitori possono chiedergli di aiutarli a riporre i suoi giochi e i suoi libri. Questo non solo lo fa sentire partecipe e complice di mamma e papà, ma gli permette anche di personalizzare il suo spazio, aiutandolo a percepirlo come davvero “suo”. 

In breve

SE IL BIMBO DICE NO

Se il bambino non accetta il trasloco è importante che i genitori si mostrino comprensivi e pazienti. Mamma e papà devono spiegargli che nella nuova casa si divertiranno insieme, potrà invitare i suoi amichetti e potrà decidere come disporre i suoi giochi.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Perdite di sangue nel primo trimestre: cosa può essere?

27/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Una volta escluso, grazie all'ecografia, che il sanguinamento sia dovuto a un distacco o ad altre complicazioni, occorre capire se la causa potrebbe essere un'infezione.   »

Gravidanza: quando conviene annunciarla a parenti e amici?

26/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

Non c'è una regola che stabilisce quando è opportuno comunicare a tutti che si è in attesa di un bambino. Il momento in cui farlo dipende da una scelta personalissima che ogni coppia deve fare in base al proprio sentire.  »

Neo sospetto: meglio toglierlo subito o basta tenerlo sotto controllo?

23/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Floria Bertolini

Un neo dall'aspetto poco rassicurante va asportato allo scopo di comprenderne, attraverso l'esame istologico, la natura. Non è però necessario procedere tempestivamente, ma è possibile attendere fino a sei mesi (non di più!) per farne ricontrollare l'evoluzione.   »

Bimbo che rifiuta pranzi e cene (ma come dargli torto?)

20/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Luisa Vaselli

Se a un bambino vengono sistematicamente proposti primi e pietanze poco allettanti, costituiti da un insieme di alimenti che, mescolati insieme, perdono sapore si deve mettere in preventivo che a un certo punto si rifiuti di inghiottirli.   »

Fai la tua domanda agli specialisti