In ufficio prima delle 10? Più stress e stanchezza

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 14/10/2016 Aggiornato il 14/10/2016

Andare in ufficio prima delle 10 aumenterebbe il rischio di stress e stanchezza. Ecco perché al mattino è meglio non iniziare a lavorare troppo presto

In ufficio prima delle 10? Più stress e stanchezza

Finalmente una buona notizia per le tantissime persone che, al mattino, sono sempre di corsa e non riescono mai ad arrivare puntuali in ufficio. Affannarsi per essere in ufficio di buon ora non serve, anzi è addirittura controproducente. Infatti, iniziare a lavorare prima delle 10 potrebbe compromettere la salute aumentando i livelli di stress, ansia e stanchezza. A rivelarlo è il professor Paul Kelley, un ricercatore britannico della Oxford University.

È tutta una questione di sincronizzazione

Kelley da anni si occupa dell’argomento, conducendo indagini e ricerche e analizzando i dati raccolti. In Gran Bretagna i dipendenti delle aziende lavorano dalle 9 alle 17, ma secondo l’esperto questo orario non è sincronizzato con le esigenze delle persone. Numerosi studi hanno, infatti, dimostrato che durante la pubertà i ritmi circadiani subiscono un cambiamento fisiologico: se fino ai 12-14 anni si sente l’esigenza di andare a letto presto, dall’adolescenza in poi il bisogno di dormire è posticipato di due ore. Ragazzi e giovani adulti, quindi, mediamente vanno a letto due ore dopo i bambini, ma hanno comunque bisogno di riposare un certo numero di ore. Quindi, necessariamente, la mattina dovrebbero alzarsi più tardi.

Test anche nelle scuole

Per confermare questa tesi, il ricercatore britannico ha condotto una serie di test nelle scuole, giungendo alla conclusione che se si spostasse l’orario di inizio delle lezioni si otterrebbero netti miglioramenti anche nelle performance scolastiche. In effetti, già indagini passate avevano dimostrato che a 10 anni è più facile concentrarsi dopo le 8.30, mentre a 16 anni si ottengono migliori risultati dopo le 10 e all’università dopo le 11.

Più benessere e produttività

Secondo il professor Paul Kelley, quindi, anche l’orario in cui si va in ufficio dovrebbe essere posticipato. “È un’importante questione sociale. Se i dipendenti iniziano a lavorare prima delle 10 sono stanchi, demotivati. Nella nostra società ci sono molte persone che soffrono di carenza di sonno. In questo modo si danneggia la salute. Anche cuore e fegato si adattano male a questi ritmi. Non si può influire in modo negativo sull’orologio biologico e non è possibile adattarsi all’imposizione di svegliarsi a una determinata ora del giorno” ha affermato. Basterebbe permettere ai dipendenti di iniziare a lavorare alle 10 per diminuire il livello di stress, ansia e stanchezza, aumentando per contro produttività ed efficienza. 

 

 

 
 
 

In breve

UN CONSIGLIO IN ATTESA DI CAMBIAMENTI

Poiché difficilmente le cose cambieranno nel prossimo futuro, l’unica soluzione per riposare a sufficienza e non essere troppo stanchi consiste nel non andare a letto troppo tardi la sera e nel mantenere un ritmo regolare di sonno-veglia.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Piccolissima che non gradisce il cambio del latte

17/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Migliori

Il sapore e la consistenza di un nuovo tipo di latte possono non essere accettati subito di buon grado dal neonato ed è per questo che è consigliabile che il cambiamento avvenga con gradualità, iniziando con una sola poppata.   »

Si può ridatare la gravidanza una seconda volta?

14/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La ridatazione ecografica può essere eseguita una volta sola nel primo trimestre (quando c'è più di una settimana di differenza tra il calendario ostetrico e le dimensioni effettive del feto), dopodiché se il bambino risulta più piccolo dell'atteso non si può più attribuire il dato a un concepimento...  »

Distacco: si deve stare a riposo assoluto?

11/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Stare a letto non solo non serve a cambiare in meglio il destino di una gravidanza ma può addirittura rivelarsi dannoso in quanto favorisce la formazione di trombi e peggiora notevolmente il tono dell'umore.   »

Fai la tua domanda agli specialisti