A che cosa serve il liquido amniotico?

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 14/06/2013 Aggiornato il 14/06/2013

Il liquido amniotico è una sorta di “morbido cuscino”, composto in gran parte di acqua, che avvolge il feto e gli assicura protezione da eventuali scosse e urti

A che cosa serve il liquido amniotico?

 

Il liquido amniotico è composto per lo più di acqua, con l’aggiunta di sali minerali, proteine e cellule che si staccano naturalmente dalla pelle del piccolo. Durante i primi mesi di gestazione, il liquido amniotico è prodotto dalla “membrane amniotiche”, che circondano l’embrione e separano il suo organismo da quello della mamma. In seguito, il liquido sarà composto anche di urina e di prodotti di scarto del feto.

Fa anche da barriera contro le infezioni

All’interno del liquido amniotico, il piccolo può galleggiare e muoversi liberamente, al riparo da eventuali scosse e urti, senza comprimere il cordone ombelicale e danneggiare gli organi interni. Inoltre, serve per mantenere uniforme la temperatura intorno al feto, fare da barriera contro eventuali infezioni e attutire anche i suoni che provengono dall’esterno.

In breve

INDISPENSABILE PER L'APPARATO RESPIRATORIO

Il liquido amniotico è indispensabile per lo sviluppo dell’apparato respiratorio del piccolo. Il feto, infatti, lo ingerisce quasi continuamente e il passaggio del liquido nei polmoni li dilata e li fa crescere.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola le settimane di gravidanza

Calcola la data presunta del parto

Calcola il peso del feto

Calcola la lunghezza del feto

Scegli il nome del tuo bambino

Controlla i valori Beta HC

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Bimbo che si sveglia piangendo: cosa può essere?

22/02/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

A fronte di un improvviso cambiamento nei ritmi del sonno è opportuno prima di tutto escludere la presenza di un disturbo fisico.   »

Sull’intervallo tra due vaccini vivi attenuati

22/02/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

La somministrazione di due vaccini vivi attenuati a una distanza inferiore alle 4 settimane può compromettere l'efficacia del secondo vaccino.  »

Iperattivita e prodotti omeopatici

16/02/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

L'iperattività (se di iperattività si tratta davvero) è segno di una malattia seria, non si può pensare di affrontarla con il fai-da-te.   »

Fai la tua domanda agli specialisti