A combattere il citomegalovirus ci pensa l’organismo

Roberta Raviolo A cura di Roberta Raviolo Pubblicato il 09/08/2021 Aggiornato il 09/08/2021

Alcuni linfociti che fanno parte del sistema di difese hanno la capacità di riconoscere e combattere il citomegalovirus, pericoloso soprattutto in gravidanza. Ecco come

A combattere il citomegalovirus ci pensa l’organismo

Il citomegalovirus è un microrganismo molto pericoloso, responsabile di infezioni in gravidanza che possono avere, come conseguenza, danni alla salute del bambino. Uno studio recente ha però provato che a combattere il citomegalovirus pensa l’organismo stesso, sferrando una serie di attacchi mirati da parte del sistema di difese.

Un virus pericoloso e diffuso

Il citomegalovirus è un microrganismo estremamente diffuso. In Italia infetta circa il 90% della popolazione adulta. Una volta contratto, resta nascosto nell’organismo per tutta la vita. Un sistema di difese attivo lo tiene sotto controllo, ma le persone immunodepresse perché sottoposte a chemioterapia, affette da Hiv o perché in cura con immunosoppressori in seguito a un trapianto d’organo o di midollo, possono essere soggette a riattivazioni di questo virus. Rischiano così di incorrere in serie infezioni e in danni a polmoni, fegato, esofago, stomaco, intestino, occhi e sistema nervoso.
Il citomegalovirus può fare affidamento sul fatto di avere una struttura proteica quasi identica a quella delle cellule del corpo umano e questo lo nasconde alle armi del sistema immunitario. In particolare lo sottrae all’azione dei ‘normali’ linfociti T, programmati per intercettare e colpire solo le cellule riconosciute come estranee. Un’importante  ricerca ha, però, dimostrato che il travestimento di questo virus non sfugge ai sensori dei linfociti T killer.

Lo studio sui sensori dei linfociti

La popolazione di linfociti T killer, oltre a possedere il sensore TCR (T-cell receptor che riconosce le proteine estranee ed è presente su tutti i linfociti T) è dotata anche di altri recettori, uguali a quelli delle cellule Natural Killer (NK).
I ricercatori del Bambino Gesù e delle Università di Genova e Melbourne hanno ora scoperto che questi sensori in più sono in grado di intercettare le cellule infettate e di eliminarle, bloccando così l’infezione. Riescono insomma da soli a combattere il citomegalovirus. Se, infatti, il germe si mimetizza, gli speciali recettori dei linfociti T killer riescono a captare altri segnali di allarme, come le proteine “da stress” prodotte dalle cellule infettate o che hanno subìto una trasformazione tumorale.

Recettori particolarmente attivi

I ricercatori sono stati indotti alla ricerca proprio per la presenza, sulla superficie di questi particolari linfociti, di recettori tipici delle cellule NK, già scoperti anni fa dagli esperti del laboratorio di Immunologia dell’IRCCS San Martino di Genova. Si tratta di veri e propri sensori che inviano un potente segnale di attivazione ai linfociti T killer se riconoscono proteine espresse sulla superficie di cellule infettate da virus o tumori, ma assenti sulle cellule sane. Infatti, in molti casi, le cellule dell’organismo reagiscono a un evento avverso, come un’infezione da virus o una trasformazione tumorale, esponendo sulla loro superficie proteine particolari per informare del pericolo il sistema immunitario. Lo studio, uscito su Science Immunology, ha fornito un esempio ulteriore della strategia messa in atto dal sistema di difese per combattere il citomegalovirus eludendo le sue difese.

Le prospettive di cura

La particolare caratteristica della popolazione di cellule T killer può aprire la strada a nuove strategie di cura in grado di sfruttarle al meglio, rafforzandole o inducendone un’estesa proliferazione nei soggetti con serie infezioni virali, incluso il Covid-19 o con tumore. È possibile anche ipotizzarne un utilizzo preventivo per evitare la riattivazione del citomegalovirus che avviene in circa il 30% dei casi di malati immunodepressi, per esempio in seguito a trapianto di midollo per la cura di leucemie. Questa terapia cellulare potrà essere utilizzata in combinazione con altre cure, per esempio l’immunoterapia con inibitori di checkpoint, aumentandone l’efficacia.

 

 

 

 
 
 

Lo sapevi che?

Il citomegalovirus in gravidanza può causare danni al bambino. È bene prevenire le infezioni lavandosi con cura le mani, evitando rapporti sessuali a rischio e il contatto con fluidi corporei. Per individuarne la presenza è possibile sottoporsi a un test di screening.

 

Fonti / Bibliografia

  • Citomegalovirus - Istituto Superiore di Sanità
  • Natural killer cell receptors regulate responses of HLA-E–restricted T cells | Science ImmunologyThe danger of autoreactivity lurks when CD8+ T cells specific for a viral peptide–MHC-I complex also have high affinity for a structurally similar self-peptide. Sullivan et al. assessed the self-peptide reactivity of human cytomegalovirus (CMV)–reactive T cells recognizing a viral UL40 peptide bound to HLA-E from 12 healthy CMV seropositive donors. T cells expressing TCRs with the highest affinity for self-peptide/HLA-E displayed the weakest functional responses. This paradoxical response correlated with increased expression of inhibitory NK receptors in the KIR family and decreased expression of the activating NKG2C receptor. These findings identify a mechanism involving calibrated display of NK receptors that enables HLA-E–restricted T cells to preserve their role as antiviral sentinels while avoiding the deleterious consequences associated with excess autoreactivity.Human cytomegalovirus (CMV) infection can stimulate robust human leukocyte antigen (HLA)–E–restricted CD8+ T cell re...
Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola le settimane di gravidanza

Calcola la data presunta del parto

Calcola il peso del feto

Calcola la lunghezza del feto

Scegli il nome del tuo bambino

Controlla i valori Beta HC

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Fontanella anteriore chiusa in una bimba di 4 mesi: è preoccupante?

20/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Carlo Efisio Marras

Se l'accrescimento della circonferenza cranica è regolare e se lo sviluppo neuropsicologico è adeguato all'età, la chiusura precoce della fontanella non deve destare alcuna preoccupazione.   »

Come togliere il seno a un bimbo di 18 mesi (difficile da gestire)?

15/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Banale eppure risolutivo: per smettere di allattare, quando diventa un peso insostenibile, basta non offrire più il seno e passare alla tazza.   »

Quarto cesareo: ci saranno problemi?

13/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Un quarto cesareo è sempre un intervento difficile per i medici, perché è possibile che i precedenti abbiano lasciato aderenze tra i tessuti uterini e gli organi circostanti, ma questo non significa che non possa andare comunque tutto per il meglio.  »

Bimbo di 4 mesi con fossette nella piega interglutea: c’è da preoccuparsi?

12/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Alessia Bertocchini

E' davvero raro che una piccola anomalia in prossimità dell'ano che vari specialisti hanno considerao priva di significato dal punto di vista medico possa essere la spia di spina bifida.   »

Bimbo con dolore forte al lato sinistro dell’addome

05/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Professoressa Annamaria Staiano

La causa più frequente di un dolore intenso nella parte alta e sinistra dell'addome è quella che i pediatri americani definiscono "stitichezza occulta".  »

Camera gestazionale piccola: c’è da preoccuparsi?

16/08/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se le dimensioni dell'embrione sono giuste per l'epoca, possono non essere significative quelle della camera gestazionale.  »

Fai la tua domanda agli specialisti