Alcol in gravidanza: una donna su 10 ne fa uso (e abuso)

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 16/12/2013 Aggiornato il 16/12/2013

L’alcol fa male, eppure una donna su 10 non vi rinuncia neanche durante la gravidanza. Tra i possibili rischi: parto prematuro e nascita del bambino sottopeso

Alcol in gravidanza: una donna su 10 ne fa uso (e abuso)

L’alcol fa male, eppure una donna su 10 non vi rinuncia nemmeno durante la gravidanza. Da uno studio, pubblicato sulla rivista scientifica Acta Obstetricia et Gynecologica Scandinavica, condotto dal Norwegian Institute of Public Health di Oslo su un campione di donne al secondo trimestre di gravidanza è emerso che il 10% delle gestanti fa uso di alcol; addirittura per lo 0,5% di esse si può addirittura parlare di binge drinking, ossia di un consumo compulsivo di alcolici. I possibili rischi di questo comportamento includono parto prematuro, bambini nati sottopeso, sindrome alcolica fetale fino al decesso del piccolo.

Un vizio difficile da abbandonare

Analizzando i dati raccolti alla 17a e alla 30a settimana di gestazione, i ricercatori hanno, infatti, scoperto che il 16% delle donne fa un leggero consumo di alcol durante il primo trimestre, mentre il 12% è addirittura dedito al binge drinking. Se poi la futura mamma è affetta ansia e depressione il consumo di alcolici aumenta e la situazione ovviamente peggiora: sale al 27% quello lieve, mentre schizza al 55% il binge drinking. Negli ultimi due trimestri la presenza di questi disturbi fa lievitare il consumo di alcolici del 28% e il binge drinking del 114%.

L’identikit della mamma “alcolica”

Secondo lo studio a essere più propense ad assumere alcolici in gravidanza sono le donne con reddito basso, quelle il cui partner ha il vizio dell’alcol e quelle che lo consumavano già prima della gravidanza.

Un problema più diffuso di quanto si pensi

È dimostrato che una donna su 25 assume dosi critiche di alcol durante la gravidanza, tanto da mettere a rischio la gravidanza, la salute del nascituro e perfino la vita stessa.

In breve

CHE COS’È IL BINGE DRINKING

Si parla di binge drinking quando si bevono più di 5 bevande alcoliche in un intervallo di tempo più o meno breve.  Per poter parlare di binge drinking non è importante il tipo di sostanza che viene ingerita né l’eventuale dipendenza alcolica: lo scopo principale di queste “abbuffate alcoliche” è l’ubriacatura immediata e la perdita di controllo. Il punto critico può essere raggiunto dopo molte ore o anche diversi giorni di assunzione. A causa degli effetti a lungo termine, il binge drinking è considerato uno dei più grandi problemi di salute al giorno d’oggi.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola le settimane di gravidanza

Calcola la data presunta del parto

Calcola il peso del feto

Calcola la lunghezza del feto

Scegli il nome del tuo bambino

Controlla i valori Beta HC

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Vaccinazione in bimba di 5 anni: ci sono pericoli se la mamma è incinta?

04/08/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Antonio Clavenna

Durante la gravidanza non ci sono rischi se si sottopone il primogenito alla vaccinazione contro difterite-tetano-pertosse-poliomielite.  »

A 9 mesi legumi sì o no?

03/08/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Chiara Boscaro

I legumi possono essere introdotti nell'alimentazione del bambino a partire dal sesto mese di vita, a patto che siano decorticati.   »

Bimba di due anni problematica: ma lo è davvero?

27/07/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Ci sono casi in cui non è il bambino a essere particolarmente difficile da gestine, ma i genitori a nutrire aspettative sul suo comprotamento che lui, per via della sua età, non può (ancora) soddisfare.  »

Fai la tua domanda agli specialisti