Antidepressivi in gravidanza: rischio di diabete per il bebè?

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 11/08/2014 Aggiornato il 11/08/2014

Secondo un recente studio, i figli nati da mamme che durante la gravidanza hanno usato antidepressivi hanno più probabilità di sviluppare diabete e obesità

Antidepressivi in gravidanza: rischio di diabete per il bebè?

Tutte le donne sanno che durante la gravidanza è sconsigliato prendere farmaci, a meno che sia strettamente necessario. Ora c’è un motivo in più per evitare gli antidepressivi. Secondo un recente studio realizzato sui topi, infatti, usarli nei nove mesi aumenta il rischio che il bambino sviluppi diabete e obesità.

Lo studio in laboratorio

La ricerca è stata condotta da un team di ricercatori canadesi della McMaster University, e presentata al meeting dell’International Society of Endocrinology e dell’Endocrine Society. È stata effettuata in laboratorio su un gruppo di topi femmine incinte. A metà degli animali sono stati somministrati per tutto l’arco della gravidanza antidepressivi, mentre a metà no. Una volta nati i topolini, essi sono stati seguiti fino all’età adulta. Lo scopo era capire se fra esposizione prenatale ai farmaci antidepressivi e salute futura ci fosse una qualche relazione.

Maggior rischio di infiammazione

Dall’analisi dei risultati, è emerso che i topi nati da mamme che durante la gestazione avevano assunto antidepressivi, una volta adulti, presentavano un rischio maggiore, rispetto agli altri, di infiammazione e accumulo di grassi nel fegato.  Si tratta di due fattori che potrebbero aumentare le probabilità di sviluppo di diabete di tipo 2 e obesità.

Una scoperta importante

“Obesità e diabete sono due condizioni in aumento tra i bambini, spesso attribuite a stili di vita e cibi ipercalorici, ma la nostra ricerca rivela un ulteriore fattore” hanno spiegato gli autori. “L’assunzione di antidepressivi durante la gravidanza potrebbe essere un elemento che contribuisce alla diffusione epidemica di diabete e obesità nei pazienti in età pediatrica”. 

In breve

SI ASSOCIANO A OBESITA’

Da tempo è noto che gli antidepressivi possono aumentare il rischio di obesità negli adulti. Ora si è scoperto che se assunti in gravidanza, predispongono i bambini alla malattia.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola le settimane di gravidanza

Calcola la data presunta del parto

Calcola il peso del feto

Calcola la lunghezza del feto

Scegli il nome del tuo bambino

Controlla i valori Beta HCG

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Gambe sollevate in gravidanza: possono aver danneggiato il bambino?

08/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Durante la gravidanza, quando preoccupazioni che oggettivamente non hanno ragione di sussistere non danno tregua, mantenendo la futura mamma in uno stato ansioso costante, può senz'altro essere opportuno ricorrere all'aiuto di uno psicoterapeuta. Le continue paure ingiustificate possono, infatti, essere...  »

Tosse violenta che non passa in una bimba di 4 anni: qual è la causa?

02/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

Anche se di rado, una tosse secca, insistente, che nulla calma può essere dovuta al tappo di cerume: per escludere questa possibilità basta che il pediatra ispezioni accuratamente i condotti uditivi del bambino.  »

Collo dell’utero raccorciato in 25^ settimana: è possibile che torni a posto?

01/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

In effetti la cervice può recuperare qualche millimetro, in assenza di contrazioni uterine, quindi non è detto che una minaccia di parto prematuro comporti con certezza la nascita del bambino molte settimane prima rispetto alla data prevista.  »

Si può ridatare la gravidanza una seconda volta?

14/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La ridatazione ecografica può essere eseguita una volta sola nel primo trimestre (quando c'è più di una settimana di differenza tra il calendario ostetrico e le dimensioni effettive del feto), dopodiché se il bambino risulta più piccolo dell'atteso non si può più attribuire il dato a un concepimento...  »

Fai la tua domanda agli specialisti