Antidolorifici da banco in gravidanza, attenzione ai possibili rischi

Roberta Raviolo A cura di Roberta Raviolo Pubblicato il 12/08/2021 Aggiornato il 12/08/2021

Non tutti gli antidolorifici da banco in gravidanza sono ammessi. Anche quelli che non richiedono ricetta possono avere effetti secondari sul feto

Antidolorifici da banco in gravidanza, attenzione ai possibili rischi

Anche durante la gestazione può capitare di soffrire di qualche disturbo: un po’ di mal di testa o di denti, dolore alla schiena per il peso dell’addome che cresce sempre più. Quando si aspetta un bambino, però, non si può fare più come prima, quando bastava fare un salto in farmacia e scegliere un qualsiasi analgesico senza obbligo di ricetta. Adesso, le precauzioni vanno moltiplicate, perché non tutti gli antidolorifici da banco in gravidanza si possono assumere. Qualcuno può causare problemi al bambino in formazione, quindi va evitato.

Uno studio sui possibili rischi

Di recente è stato presentato un ampio studio all’Eshre, il congresso della Società europea di Riproduzione umana e di embriologia, che ha richiamato l’attenzione sui possibili rischi dei farmaci antidolorifici da banco in gravidanza. Anche questi medicinali che non richiedono ricetta e che quindi potrebbero sembrare “innocui” vanno evitati durante i nove mesi, perché potrebbero esporre a qualche problema il bambino.
Gli esperti dell’Università di Aberdeen, in Scozia, hanno passato in rassegna i dati contenuti nella banca Maternità e Neonatale di Aberdeeen, dal 1985 al 2015, per un totale di 151.141 gravidanze singole, tenendo conto dell’eventuale di cinque analgesici diffusi: paracetamolo, aspirina, diclofenac, naproxene e ibuprofene. Circa tre donne su dieci avevano assunto antidolorifici durante la gravidanza, nella maggior parte durante il primo trimestre.

Quali problemi per il feto

È stato evidenziata una associazione tra aumento di rischi per il bambino, nei casi in cui la donna aveva assunto almeno uno dei cinque farmaci. Infatti è stata registrata l’incidenza di più problemi per i neonato, tra cui difetti della chiusura del tubo neurale, ricovero in unità neonatale, nascita prematura, indice di Apgar basso, peso ridotto alla nascita.
Tra gli antidolorifici da banco, in gravidanza l’unico farmaco che sembra relativamente sicuro, ma di cui è sempre meglio non abusare, è il paracetamolo, con il quale non sono state trovate associazioni con difetti del tubo neurale, ma che secondo altri studi potrebbe in alcuni casi favorire l’asma nel bambino.
L’assunzione di diclofenac è stato associato a diminuzione di morte alla nascita, effetto protettivo che potrebbe essere attribuito alla forte azione antinfiammatoria. D’altra parte questo farmaco potrebbe ridurre l’afflusso di sangue alla placenta e causare quindi problemi nello sviluppo nel neonato. È quindi essenziale, prima di assumere qualunque tipo di farmaco, chiedere sempre al ginecologo. Il medicinale va preso solo se realmente indispensabile: questo consiglio è sempre valido ma ancora di più quando si aspetta un bambino.

 

 

 

 
 
 

Da sapere!

La prudenza nell’assunzione di farmaci è ancora più valida durante le prime dodici settimane, ossia nel primo trimestre, il periodo più delicato perché gli organi e il sistema nervoso del feto sono in formazione e qualunque sostanza potrebbe causare problemi.

 

Fonti / Bibliografia

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola le settimane di gravidanza

Calcola la data presunta del parto

Calcola il peso del feto

Calcola la lunghezza del feto

Scegli il nome del tuo bambino

Controlla i valori Beta HC

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Fontanella anteriore chiusa in una bimba di 4 mesi: è preoccupante?

20/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Carlo Efisio Marras

Se l'accrescimento della circonferenza cranica è regolare e se lo sviluppo neuropsicologico è adeguato all'età, la chiusura precoce della fontanella non deve destare alcuna preoccupazione.   »

Come togliere il seno a un bimbo di 18 mesi (difficile da gestire)?

15/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Banale eppure risolutivo: per smettere di allattare, quando diventa un peso insostenibile, basta non offrire più il seno e passare alla tazza.   »

Quarto cesareo: ci saranno problemi?

13/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Un quarto cesareo è sempre un intervento difficile per i medici, perché è possibile che i precedenti abbiano lasciato aderenze tra i tessuti uterini e gli organi circostanti, ma questo non significa che non possa andare comunque tutto per il meglio.  »

Bimbo di 4 mesi con fossette nella piega interglutea: c’è da preoccuparsi?

12/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Alessia Bertocchini

E' davvero raro che una piccola anomalia in prossimità dell'ano che vari specialisti hanno considerao priva di significato dal punto di vista medico possa essere la spia di spina bifida.   »

Bimbo con dolore forte al lato sinistro dell’addome

05/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Professoressa Annamaria Staiano

La causa più frequente di un dolore intenso nella parte alta e sinistra dell'addome è quella che i pediatri americani definiscono "stitichezza occulta".  »

Camera gestazionale piccola: c’è da preoccuparsi?

16/08/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se le dimensioni dell'embrione sono giuste per l'epoca, possono non essere significative quelle della camera gestazionale.  »

Fai la tua domanda agli specialisti