Aumentano le mamme 40enni

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 09/03/2015 Aggiornato il 09/03/2015

Grazie anche alle campagne sul sesso sicuro, le gravidanze in età precoce sono in calo. Aumentano, invece, quelle in tarda età

Aumentano le mamme 40enni

Diventare madre a 40 anni. È una scelta sempre più diffusa, secondo i dati presentati dalla Sigo (Società italiana di ginecologia e ostetricia). Negli ultimi anni, le madri ultra 40enni sono aumentate del 12%. Se nel 2010 erano 34.770, oggi sfiorano i 40 mila casi, pari a oltre l’8% di tutte le partorienti italiane.

Più informazione sessuale nelle scuole

Cala invece il numero delle baby mamme italiane: in 3 anni si sono verificati il 17% di casi in meno. Nel 2013, infatti, più di 8mila ragazze con meno di 19 anni hanno partorito negli ospedali del nostro Paese. Nel 2010 erano poco meno di 10mila. Gli esperti della Sigo commentano positivamente questi risultati, frutto della sempre maggiore consapevolezza e responsabilità degli adolescenti nei confronti del sesso sicuro. Tuttavia, resta ancora molta strada da percorrere. In Italia, infatti, ci sono ancora forti differenze tra i vari territori: oltre il 60% delle giovanissime madri viene dal Sud, dove l’uso dei contraccettivi non raggiunge ancora i livelli europei. Gli esperti fanno appello alle istituzioni affinché sia approvata al più presto una legge che renda obbligatoria l’educazione sessuale in tutte le scuole italiane.

Importante lo stile di vita

Diventare madre a 40 anni è una tendenza ormai consolidata e, nella maggior parte dei casi, secondo i ginecologi, priva di complicazioni. L’importante è evitare, fin da giovani, comportamenti scorretti come fumo, sedentarietà o abuso di alcol, abitudini in cui le donne spesso “battono” i coetanei maschi.

I dati di Save the Children

Il rapporto “Mamme in arrivo” presentato da Save the Children conferma questi dati: sempre più donne decidono di diventare madre a 40 anni, mentre il fenomeno delle baby mamme è in calo. I dati della ricerca rivelano che oggi l’età media delle neomamme italiane è 31 anni e 171mila sono i nuovi nati da mamme 30-34enni. Quasi 8 neonati su 100 hanno una madre di 40 anni e più, mentre 11 su 100 con meno di 25 anni. Guardando alle sole mamme italiane, le percentuali quasi coincidono con l’8,4% di neonati da quarantenni e l’8,7% da madri sotto i 25. Nel 2013, inoltre, quasi 3mila bambini avevano una mamma con 45 anni e più e 280 sono i nati da madri  cinquantenni. Al Sud questa tendenza è meno evidente: il 13% delle neomamme ha meno di 25 anni, mentre  solo  il 6% tocca i 40. Le mamme più mature si registrano in Liguria, Lazio e Sardegna. In diminuzione invece le maternità nelle ragazze con meno di 18 anni: nel 2009 erano 2.434, mentre scendono a 1.922 nel 2013, tra le quali 1.551 italiane, pari allo 0,4% del totale delle nascite.

 

 

In breve

Per ulteriori informazioni

Sul sito della Sigo, Scegli Tu (www.sceglitu.it), si trovano utili informazioni su contraccezione, sesso sicuro, gravidanza e maternità.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Non sento il bimbo muoversi: perché?

09/12/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Fino alla 23ma settimana di gravidanza può essere difficile sentire i movimenti del bambino, ma di qui a poco si riusciranno a percepire in modo inequivocabile.   »

HPV ad alto rischio oncogeno: come avviene il contagio?

03/12/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dott.ssa Elena Bozzola

La trasmissione del Papilloma virus responsabile del carcinoma della cervice avviene quasi esclusivamente per via sessuale.   »

Vaccinazione anti-rotavirus: la ricerca dice sì, senza alcun dubbio sì

27/11/2019 Gli Specialisti Rispondono di Professore Alberto Villani

Gli ultimi studi compiuti in modo serio e rigoroso sulla vaccinazione antirotavirus hanno evidenziato che si tratta di uno strumento più che sicuro (e prezioso) per la salvaguardia della salute dei piccolini.  »

Fai la tua domanda agli specialisti