Autismo: esposizione ai pesticidi in gravidanza aumenta il rischio

Metella Ronconi
A cura di Metella Ronconi
Pubblicato il 16/05/2019 Aggiornato il 16/05/2019

L'esposizione prenatale ai pesticidi può aumentare la probabilità di sviluppare malattie dello spettro autistico

Autismo: esposizione ai pesticidi in gravidanza aumenta il rischio

L’ autismo è in aumento nei Paesi industrializzati: in Italia si stima ne sia colpito circa un bimbo su 100. Le ricerche scientifiche hanno dimostrato l’importanza dei fattori genetici come causa. Ma alcuni esperimenti di laboratorio hanno suggerito che anche i pesticidi potrebbero avere un ruolo nella comparsa dell’autismo. Fino ad oggi mancavano però indagini su questa associazione nel mondo reale. Ora uno studio pubblicato sulla rivista medica British Medical Journal (BMJ), il più ampio finora condotto sulla materia, ha colmato questa lacuna.

Aumenta il rischio nelle donne in gravidanza

I ricercatori dell’Università della California hanno utilizzato i dati di 2.961 piccoli pazienti con una diagnosi di autismo e 35.370 pazienti che non l’avevano, nati nello stesso anno nella Central Valley della California, regione fortemente agricola. I loro dati sono stati incrociati con quelli relativi all’utilizzo di 11 sostanze antiparassitarie di uso comune, tra cui glifosato, diazinone, permetrina. Secondo i dati analizzati, le donne che, durante la gravidanza, avevano vissuto entro 2 km da un’area altamente densa di pesticidi avevano tra il 10 e il 15% di probabilità in più di partorire bambini con diagnosi di autismo. Questo rischio aumentava fino a circa il 30%, nei casi in cui il bambino aveva una forma grave autismo, ovvero con disabilità intellettiva.

Servono ulteriori studi

La correlazione però non è per forza indice di causalità e quindi lo studio non può affermare con certezza che l’autismo sia collegato all’esposizione ai pesticidi anche se, ovviamente, i dati hanno creato un certo allarme. Se è vero e scientificamente plausibile, che pesticidi e inquinamento in generale, insetticidi e smog siano fattori di rischio per i disturbi dello spettro autistico; non si può ancora dire fino a che punto lo siano, per quali motivi e per quali quantità. Saranno necessari ulteriori studi.

 

 

Da sapere!

L’autismo è un disturbo del neurosviluppo che coinvolge numerosi aspetti dello sviluppo emotivo, sociale e intellettivo di chi ne è affetto. In Italia sono circa 100mila i bambini e gli adolescenti che ne soffrono e i maschi sono colpiti quattro volte di più rispetto alle femmine, senza differenze di origine etnica e condizione sociale.

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Dubbi sulla lunghezza della circonferenza cranica
15/07/2019 Gli Specialisti Rispondono

La valutazione dell’andamento della crescita del cranio è un dato molto importante nel primo anno di vita e deve essere confrontato con il peso, la lunghezza e più genericamente con lo sviluppo globale del bambino.  »

Bebè con muscoli del collo deboli: che fare?
12/07/2019 Gli Specialisti Rispondono

Ci sono semplici esercizi che possono irrobustire il collo del lattante.   »

Quanto peserà il mio bambino?
21/06/2019 Gli Specialisti Rispondono

L'ecografia fornisce una stima del peso del bambino, che va considerata con prudenza in quanto il margine di errore in più o in meno è circa del 10 per cento. Indicare quanto peserà esattamente il bambino alla nascita non è dunque possibile.   »

Fai la tua domanda agli specialisti