Skincare routine invernale: tutti gli step e i prodotti per mamme e donne in gravidanza

Alberta Mascherpa A cura di Alberta Mascherpa Pubblicato il 11/01/2024 Aggiornato il 12/01/2024

La skincare routine invernale è all’insegna della delicatezza. Perché la pelle, in particolare quella delle donne in gravidanza, soffre per il freddo, lo smog, gli sbalzi di temperatura. Vediamo insieme come proteggerla e mantenerla in equilibrio.

Skincare routine invernale: tutti gli step e i prodotti per mamme e donne in gravidanza

La skincare routine invernale? Il primo punto da tenere in considerazione, come sostiene la dottoressa Ines Mordente, dermatologa e autrice del libro #AcneRevolution (Sperling&Kupfer), è che la pelle segue gli andamenti stagionali percependo le influenze esterne: la cura va quindi modulata sulla base delle sollecitazioni tipiche della stagione. Ecco allora i consigli per un efficace skincare routine invernale che parte da gesti attenti e prevede un’accurata selezione dei prodotti da usare. Sempre e in modo particolare in periodi delicati come la gravidanza.

I cinque step della skincare routine invernale

L’inverno, come conferma la dermatologa, è una stagione particolarmente delicata per la pelle. Le aggressioni esterne tipiche del periodo invernale suggeriscono di aggiornare la skincare routine invernale in chiave di idratazione e nutrimento. Ecco i cinque passaggi chiave.

  • Nutrire a fondo. Il freddo tende a disidratare la cute rompendone il delicato equilibrio idrico e favorendo la secchezza. Succede a tutte le pelli e in particolare a quelle per natura fragili e povere di sebo che possono andare incontro a screpolature e piccole rughette dovute alla disidratazione. Le zone particolarmente interessate sono le più esposte, sottili e poco nutrite come le guance. Senza dimenticare che anche le labbra e il contorno occhi subiscono l’azione inaridente del gelo e hanno quindi bisogno, al pari della pelle, di idratazione profonda e nutrimento rinforzato.
  • Rinforzare la barriera. In inverno la pelle è continuamente esposta all’azione dannosa degli agenti esterni. Il freddo, innanzitutto, ma non solo: anche i bruschi sbalzi di temperatura tra l’interno e l’esterno insieme alla scarsa umidità dell’aria nei locali riscaldati contribuiscono a danneggiare la barriera cutanea, prima e basilare protezione della pelle. Da non dimenticare poi che in inverno si alzano i livelli di smog nelle grandi città: le pelli metropolitane si trovano quindi ad affrontare non solo il freddo ma anche gli agenti inquinanti che intaccano il film idrolipidico di protezione. Ecco allora che la skincare routine invernale non può prescindere da un’azione di rinforzo sulla barriera protettiva che prevede l’utilizzo di creme ricche e altamente restitutive.
  • Proteggere dagli agenti esterni. Rafforzare la barriera protettiva cutanea è il passaggio chiave per isolare la pelle dalle ripetute aggressioni esterne tipiche del periodo invernale. Ma serve comunque una protezione ancora più decisa per le zone più esposte, in particolare per il viso. Proprio come ci si copre per non avere freddo, così la skincare routine invernale prevede di non uscire mai senza offrire alla pelle la protezione di una crema che l’aiuti a difendersi dalle aggressioni esterne. Non solo il freddo ma anche i raggi Uv che nella stagione invernale continuano a raggiungere le parti esposte provocando un’accelerazione nel processo di invecchiamento e favorendo nella fase della gravidanza la comparsa di macchie scure.
  • Addolcire e calmare. Nelle pelli per natura sensibili il livello di reattività si alza in risposta alle aggressioni esterne tipiche del periodo freddo. Ad irritarle fino a farle arrossire sono soprattutto i bruschi passaggi dal freddo esterno al caldo dei locali riscaldati. Se gli arrossamenti sono in alcuni casi momentanei, in altri diventano permanenti con dilatazione dei capillari e presenza di macchie tipiche della couperose.
  • Rivitalizzare. Come tutta la natura anche la pelle in inverno entra in una condizione di “letargo”. Le sue funzioni rallentano: la produzione di sebo è minore e questo accentua la secchezza. Anche il processo di rinnovamento cutaneo risulta meno attivo: le cellule morte si accumulano e l’incarnato tende all’opacità. Oltre a una purificazione profonda della cute, serve un’azione stimolante che aiuti la pelle a ritrovare vitalità.

 

Quante volte va fatta la skincare routine?

Anche in inverno come per tutte le altre stagioni dell’anno, la skincare routine va prevista due volte al giorno, mattina e sera. Gli appuntamenti sono quindi fissi, ma i gesti cambiano. Il mattino infatti è importante offrire alla pelle protezione e nutrimento perché possa affrontare indenne le aggressioni del gelo e degli sbalzi di temperatura, dello smog e del caldo secco provocato dal riscaldamento. Dopo una detersione molto delicata, entrano quindi in gioco sieri e creme nutrienti e protettive che vanno applicate su tutto il viso e anche sul collo. Non sono da dimenticare la zona fragile del contorno occhi che richiede l’uso di un prodotto specifico, delicato e ad azione decongestionante, e la delicata mucosa labiale che va protetta e nutrita con balsami e stick, da applicare anche più volte al giorno. Da ultime meritano attenzioni puntuali anche le mani: i guanti sono la loro prima protezione quando si trovano esposte al freddo; ma servono anche creme nutrienti e restitutive perché la pelle si mantenga idratata, elastica e senza screpolature. Anche nella skincare routine invernale la sera è dedicata alla riparazione e alla rigenerazione, due gesti di cui la pelle ha particolarmente bisogno nella stagione fredda. Il momento della pulizia rimane basilare: serve ad eliminare non solo l’eventuale make up applicato ma anche le impurità diffuse nell’aria che durante il giorno si depositano sulla superficie cutanea creando una patina di grigio, ostruendo i pori e togliendo ossigenazione alla cute. Dopo un’accurata detersione, quindi, si passa alla fase vera e propria della cura con l’applicazione di una crema da notte ricca e restitutiva che può essere preceduta, secondo abitudini e necessità, dall’utilizzo di un siero o di un booster, sempre ad effetto nutriente. L’applicazione di formule trattanti è fondamentale la sera nella skincare routine invernale per supportare la pelle che con il buio attiva un processo di riparazione della barriera protettiva danneggiata di giorno dalle aggressioni esterne e prepararla così a un risveglio in bellezza.

 

 

I prodotti beauty must have per il viso

Come tutto l’organismo anche la cute gode di una straordinaria capacità di adattamento. Quando fa freddo i vasi si ristringono per evitare di disperdere calore e questo, oltre a dare all’incarnato il tipico pallore invernale, limita l’apporto di ossigeno e di nutrienti trasportati dal sangue lasciando la pelle in una condizione di deficit che si traduce in una progressiva secchezza, accentuata dal fatto che in inverno le ghiandole sebacee lavorano meno e la barriera idrolipidica cutanea risulta più fragile. Cosa suggerisce tutto questo innanzitutto? Di procedere a una detersione che sia puntuale e profonda per risvegliare la luminosità del viso. Il consiglio della dermatologa è quello di privilegiare acque micellari ad azione lenitiva che sono ideali per la loro delicatezza anche per le donne in gravidanza. L’Acqua Micellare 2 in 1 di Saugella Viso non solo è delicatissima anche con le pelli più sensibili ma grazie allo xilitolo, all’acido ialuronico e alla diglicerina offre un’azione idratante per sei ore.

 

Acqua Micellare 2 in 1 di Saugella. Prezzo, 9 €

Acqua Micellare 2 in 1 di Saugella. Prezzo, 9 €

 

Si usa per viso, occhi e labbra, l’Acqua Micellare Ultradelicata di Dermolab che grazie alla presenza di acido ialuronico si prende cura della pelle sensibili e fragile già dalla pulizia: oltre a struccare e detergere, idrata e lenisce, rinfresca e illumina la pelle on un solo gesto.

 

 

Acqua Micellare Ultradelicata di Dermolab. Prezzo 6,90 €

Acqua Micellare Ultradelicata di Dermolab. Prezzo 6,90 €

 

Chi preferisce la detersione a risciacquo può optare per un prodotto che, pur assicurando una pulizia profonda, non secchi e non irriti la pelle, già provata dal freddo. Twelve Beauty propone Charcoal Peace Calming Cleanser, un morbido detergente in gel-olio-latte a base di carbone vegetale e caolino purificanti, saccarosio e olio di semi di girasole che aiutano a lasciare la pelle morbida e protetta dopo la detersione.

 

 

 

Charcoal Peace Calming Cleanser di Twelve Beauty. Prezzo 55 €

Charcoal Peace Calming Cleanser di Twelve Beauty. Prezzo 55 €

 

Potenziare idratazione e nutrimento è fondamentale nella stagione invernale. Si può scegliere quindi una crema emolliente effetto scudo contro freddo e inquinanti a base di oli e burri vegetali altamente nutrienti e restituitivi come quelli di argan, jojoba, mandorle dolci, karité e cacao. La Crema Idratante Ricca della linea Defence Hydra di BioNike, specifica per le pelli secche e molto secche, propone una combinazione di burro di karité, acido ialuronico ad alto peso molecolare, urea e zuccheri per nutrire, ricostituire il film idrolipidico e regolare l’idratazione cutanea limitando la perdita di acqua.

 

Per contrastare le insidie del freddo può essere utile anche associare alla crema un siero con acido ialuronico, collagene, ceramidi, vitamine del gruppo B. E’ a base di ceramidi e arricchito con burri di cupuaçu e di aloe, il Siero Booster Probiotico di Rougi+ che aiuta a mantenere l’equilibrio della pelle, la rafforza e la idrata intensamente.

Se non si vuole rinunciare alla consueta crema da giorno o da notte, basta arricchirla con un paio di gocce di un olio vegetale. L’Huile Absolue di Patyka protegge con squalano vegetale, germe di grano e sesamo, nutre con oli vegetali, rigenera con la rosa mosqueta, dà luce con l’iperico.

 

Huile Absolue di Patyka.

Huile Absolue di Patyka.

 

Sempre per potenziare l’idratazione può essere prezioso l’aiuto di una maschera da programmare anche un paio di volte la settimana. La Maschera Viso a Tripla Azione della linea Acido Ialuronico de L’Erbolario combina tre acidi ialuronici a basso, medio e alto peso molecolare che insieme all’estratto di alga delle nevi, pianta capace di sopravvivere in condizioni estreme, assicurano un’idratazione intensa e prolungata già alla prima applicazione.

Alcune formulazioni cosmetiche vantano la praticità di un duplice utilizzo. E’ il caso di Sensi-cold Cream di Matis, un trattamento riconfortante adatto alle pelli più sensibili esposte a condizioni climatiche difficili: si usa di giorno come crema protettiva e come maschera, applicata in dose più generosa.

 

Sensi-Cold Cream di Matis. Prezzo 59€

Sensi-Cold Cream di Matis. Prezzo 59€

 

La routine skincare invernale va aggiornata in chiave di massima dolcezza nel caso siano presenti rossori e irritazioni dovute al freddo.  Se la cute non è solo secca ma anche spenta, devitalizzata e arrossata si può ricorrere all’azione nutriente, rigenerante e lenitiva di Nourish 3-Biotic Rich Serum di Miamo che vanta una triplice azione pre-pro e post biotica in grado di mantenere l’equilibrio del microbioma cutaneo ripristinando la funzione barriera e regalando morbidezza.

Nourish 3-Biotic Rich Serum di Miamo.

Nourish 3-Biotic Rich Serum di Miamo.

 

In presenza di rossori, che possono anche essere momentanei, può essere preziosa l’azione calmante istantanea di una maschera. Roséliane Masque Anti-rougeurs di Uriage ripara e rinforza la cute con acqua termale di Uriage, rafforza il sistema vascolare con alghe e ginseng, potenzia la barriera immunitaria calmando e addolcendo.

 

Per il giorno sono disponibili anche trattamenti che, mentre calmano la pelle, attenuano la visibilità dei rossori. E’ il caso di Sensifine AR Crema Colorata di SVR che corregge rapidamente gli arrossamenti uniformando l’incarnato con in più un’azione lenitiva a lunga durata che decongestiona e dona benessere alle pelli più fragili. 

 

Sensifine AR Crema Colorata di SVR.

Sensifine AR Crema Colorata di SVR.

E’ adatta a tutte la famiglia, alle mamme in attesa, ai bebè e anche a chi soffre di atopia Stelatopia Crema di Mustela: con oleodistillato di girasole, burro di karité, glicerina vegetale e liquirizia ridà nutrimento e morbidezza, lenisce le sensazioni di prurito e diminuisce i rossori. Si può usare su tutto il viso, anche su un’area delicatissima come quella delle palpebre.

 

Per tutte le pelli e in particolare per quelle che tendono ad arrossarsi la protezione contro i raggi Uv è basilare. Nature’s propone nella sua linea Acque Unicellulari, la Crema Viso Pelli Arrossate Spf 20: ricca e vellutata, nutre e protegge con acqua unicellulare di clementina bio e biofermentato di agrumi bio mentre con l’estratto di liquirizia calma e dà comfort.

 

Acque Unicellulari, la Crema Viso di Nature’s.

Acque Unicellulari, la Crema Viso di Nature’s.

Appena possibile, comunque, attenzione a rendere meglio violenti i passaggi dal fuori al dentro e viceversa coprendo il più possibile il viso, e il naso in modo particolare, con una sciarpa. La skincare routine invernale per la sera suggerisce l’impiego di formulazioni particolarmente ricche dalla forte azione restitutiva. Tra gli ingredienti chiave insieme agli oli e ai burri vegetali ci sono vitamine come la B5: indicata anche per le pelli più sensibili, ha un’azione idratante e riparatrice ma anche lenitiva e addolcente. Intensive Repair Treatment di Vivocin associa la vitamina B5 alla calendula per un effetto calmante anche più deciso: usata la sera, ripara la cute provata dal freddo contrastandone secchezza, rossori e piccole irritazioni.

 

Intensive Repair Treatment di Vivocin.

Intensive Repair Treatment di Vivocin.

 

Contiene un pool di vitamine più peptidi e coenzima Q10 dalla potente azione antiossidante, Crema Viso Nutrilift di Bone Promoter che svolge una decisa azione nutriente grazie al burro di karité e agli di semi di girasole e di soia.

 

Crema Viso Nutrilift di Bone Promoter

Crema Viso Nutrilift di Bone Promoter

La skincare routine invernale della sera si può completare con una maschera emolliente e antisecchezza. La Maschera Viso Derma SOS B3 Dr. Gert dona sollievo, ripristina la barriera cutanea e regala morbidezza e comfort alle pelli più sensibili con provitamina B5 e bisabololo calmante.

 

Maschera Viso Derma SOS B3 di Dr. Gert. Prezzo 3,99 €

Maschera Viso Derma SOS B3 di Dr. Gert. Prezzo 3,99 €

 

Insieme alle maschere anche i booster assicurano un’azione intensiva che aiuta a riparare e rigenerare la pelle aggredita da freddo e smog. Biocollagenix Ampolla di ESI contiene un pool di componente altamente concentrati, idratanti, antiossidanti, protettivi e anti-inquinamento, in grado di dare un risultato immediato già dopo un’ora dall’applicazione.

 

Biocollagenix Ampolla di ESI. Prezzo 49,95 €

Biocollagenix Ampolla di ESI. Prezzo 49,95 €

Per preservare il corretto tasso di idratazione evitando la secchezza tipica dell’inverno, sia di giorno come di notte è importante mantenere umida l’aria nei locali dove si soggiorna: meglio quindi non alzare eccessivamente i riscaldamenti e tenere sui termosifoni il classico umidificatore in ceramica oppure usarne uno ad ultrasuoni. Da non dimenticare infine nella skincare routine invernale le labbra: mattina e sera ma anche più volte al giorno vanno nutrite, protette e rigenerate. E’ dedicato ai soggetti più sensibili come le donne in attesa il Balsamo per Labbra Basis Sensitiv di Lavera, morbido stick con oli di jojoba e mandorle bio.

 

 

In copertina foto di Kristin Vogt via Pexels.com

 
 
 

In breve

La skincare routine invernale ha come primo obiettivo quello di rafforzare le difese della pelle contro le ripetute aggressioni esterne del periodo, dal freddo agli sbalzi di temperatura, dal caldo secco dei locali riscaldati allo smog. Idratazione e nutrimento sono fondamentali perché la cute non si inaridisca e si screpoli così come la riparazione e la rigenerazione serale con creme, sieri e concentrati ad azione emolliente, nutriente e restitutiva. Per le pelli più delicate e soggette a rossori che il freddo può intensificare servono anche creme e balsami ad azione protettiva del microcircolo, antiinfiammatoria e lenitiva. Senza dimenticare le labbra che in inverno vanno sempre protette, mantenute idratate e nutrite a fondo perché non si secchino e si screpolino.

 

Fonti / Bibliografia

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola le settimane di gravidanza

Calcola la data presunta del parto

Calcola il peso del feto

Calcola la lunghezza del feto

Scegli il nome del tuo bambino

Controlla i valori Beta HCG

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Piccolissima che non gradisce il cambio del latte

17/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Migliori

Il sapore e la consistenza di un nuovo tipo di latte possono non essere accettati subito di buon grado dal neonato ed è per questo che è consigliabile che il cambiamento avvenga con gradualità, iniziando con una sola poppata.   »

Si può ridatare la gravidanza una seconda volta?

14/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La ridatazione ecografica può essere eseguita una volta sola nel primo trimestre (quando c'è più di una settimana di differenza tra il calendario ostetrico e le dimensioni effettive del feto), dopodiché se il bambino risulta più piccolo dell'atteso non si può più attribuire il dato a un concepimento...  »

Distacco: si deve stare a riposo assoluto?

11/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Stare a letto non solo non serve a cambiare in meglio il destino di una gravidanza ma può addirittura rivelarsi dannoso in quanto favorisce la formazione di trombi e peggiora notevolmente il tono dell'umore.   »

Fai la tua domanda agli specialisti