Via le smagliature con la biodermogenesi

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 26/01/2015 Aggiornato il 26/01/2015

  Una nuova metodica, la biodermogenesi, assicura risultati visibili e duraturi con le smagliature 

Via le smagliature con la biodermogenesi

 

Sono uno dei ricordi meno piacevoli lasciati dai nove mesi di attesa. Le smagliature, veri e propri strappi profondi della pelle, che i medici chiamano atrofie dermo-epidermiche, compaiono quando per via di una forte sollecitazione ormonale oppure per un repentino crescere e svuotarsi dei volumi del corpo la struttura elastica della cute si indebolisce. Finisce così per lacerarsi in profondità lasciando come segno visibile in superficie linee sottili e infossate che, inizialmente arrossate, diventano a poco a poco di un bianco traslucido.

In gravidanza e non solo

Le smagliature compaiono durante l’attesa e nella pubertà, ma anche quando si ingrassa e si dimagrisce in modo brusco con diete drastiche. Persino lo stress è sotto accusa visto che aumenta la produzione di cortisolo, un ormone che tende a far diminuire l’elasticità della cute.

La prevenzione è meglio

L’uso regolare di cosmetici elasticizzanti è fondamentale per prevenire le smagliature che, una volta formate, sono difficili da eliminare. Si possono attenuare, fino a renderle quasi del tutto invisibili, con varie metodiche.

La biodermogenesi: un trattamento profondo e risolutivo

Tra le ultime novità rientra la biodermogenesi, capace di agire in profondità nel tessuto per riparare gli strappi. Il trattamento si articola in quattro passaggi eseguiti tutti nella stessa seduta. La prima fase prevede un gommage meccanico che leviga la pelle per aumentare l’apporto di ossigeno nell’area interessata dalle smagliature. Attraverso un manipolo a sfere, poi, si esegue una stimolazione elettrica che attiva la circolazione. Nella terza fase la cute viene rigenerata in profondità sempre attraverso il passaggio di un manipolo a sfere che emette un campo magnetico in grado favorire lo smaltimento delle tossine e di attivare la circolazione sanguigna e linfatica in modo che i fibroblasti vengano sollecitati a produrre nuove fibre elastiche. Chiude il trattamento di un massaggio linfodrenante eseguito con un particolare manipolo che rilascia un gel a base di sostanze elasticizzanti: la smagliatura prima torna ad arrossarsi, segno di un processo di riparazione in atto, e poi progressivamente si attenua. Occorrono dalle dieci alle venti sedute, eseguite a cadenza settimanale nei centri di medicina estetica, per ridare uniformità e compattezza alla cute. Il costo di una seduta di biodermogenesi si aggira attorno ai 100 euro. 

In breve

SERVE UN CICLO DI 10-20 SEDUTE

Per attenuare le smagliature, strappi profondi della pelle, si può ricorrere a nuove metodiche di medicina estetica come la biodermogenesi, capace di restituire, con un ciclo di dieci-venti sedute, elasticità e compattezza alla cute. 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola le settimane di gravidanza

Calcola la data presunta del parto

Calcola il peso del feto

Calcola la lunghezza del feto

Scegli il nome del tuo bambino

Controlla i valori Beta HC

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

C’è una pianta officinale per favorire la lattazione?

17/10/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Antonello Sannia

Esiste una buona documentazione scientifica che comprova gli effetti benefici del Cardo mariano sulla lattazione.   »

Dosaggio delle beta-hCG a nove giorni dal rapporto a rischio

12/10/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Gaetano Perrini

Un prelievo di sangue effettuato a pochi giorni dal rapporto sessuale per verificare se il concepimento è avvenuto fornisce un risultato non attendibile, Meglio evitare.   »

Bimba che fatica ad addormentarsi: le si può dare la melatonina?

06/10/2020 Gli Specialisti Rispondono di Professor Francesco Peverini

Dormire è fondamentale per tutti, ma in particolare per i bambini: cercare un rimedio contro un eventuale disturbo del sonno è dunque opportuno.   »

Sono incinta: posso continuare ad allattare?

14/09/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se lo si desidera, non c'è ragione di smettere di allattare quando inizia una nuova gravidanza.   »

Fai la tua domanda agli specialisti