Belly panting: cos’è e quando decorare il pancione. Le idee più belle a cui ispirarsi

Roberta Raviolo A cura di Roberta Raviolo Pubblicato il 19/05/2023 Aggiornato il 03/07/2024

Il belly painting o bump painting è la moda di decorare il pancione. Ci si può sbizzarrire con la fantasia per un weekend al mare con i primi caldi, ma è essenziale farsi decorare solo verso la fine della gestazione, quando il bambino è già formato, assicurandosi che vengano usati solo colori ad acqua e completamente atossici.

Il belly painting è una moda nata negli Stati Uniti, ma che sta diventando popolare anche da noi. Ecco che cosa le futura mamme scelgono per farsi decorare il pancione

Il termine belly painting o anche bump painting indica la moda di decorare il pancione durante la gravidanza. Arriva dagli Usa e da qualche tempo è diffusa anche da noi. Le future mamme scelgono il belly painting per celebrare un momento particolare della gestazione, per esibire il pancione al mare, semplicemente per regalare a se stesse e al bambino un momento di relax e di coccole. Vediamo nel dettaglio in che cosa consiste il belly paining e dove si può eseguire.

Belly painting: cos’è e come si fa

Belly painting significa proprio “pittura della pancia”, mentre bump painting equivale a “pittura del pancione”. È una delle nuove tradizioni che giungono da oltreoceano, come il baby shower o il gender reveal, la festa per svelare il sesso del nascituro. Si effettua rivolgendosi a studi artistici specializzati, che realizzano pitture, disegni, decorazioni sul pancione della donna in attesa, usandolo proprio come una tela. Solitamente la realizzazione di una decorazione sul pancione richiedere 30-60 minuti circa, a seconda della complessità del disegno prescelto. Nel frattempo, la donna può rilassarsi, chiudendo gli occhi e regalandosi un momento di evasione tutto per sé. Sembra che i tocchi delle pennellate di colore o delle dita dell’operatore siano gradite anche dal feto: costituirebbero infatti un lieve massaggio che trasmette al bambino piacevoli stimoli sensoriali.

Da che mese si può decorare il pancione con il belly painting?

Il belly painting è adatto dall’ottavo mese in poi, perché i colori che vengono utilizzati, anche se assolutamente atossici e sicuri, in parte vengono assorbiti dalla pelle ed entrano nel sangue. Possono quindi raggiungere anche il feto ed è indispensabile che il bambino sia già ben sviluppato e giunto a crescita quasi completa. È insomma meglio aspettare di avere un pancione più evidente per esaltarlo con colori e decorazioni in grado di esprimere la gioia che si prova nell’essere quasi arrivati alla fine del percorso gestazionale. Si tratta, comunque, di un’opera temporanea: i colori resistono circa 48 ore e si possono lavare via semplicemente con acqua. Nei centri seri di belly painting si utilizzano solo colori atossici, che non causano reazioni allergiche e soprattutto non espongono il feto a potenziali rischi di tossicità.

Le star che hanno seguito la moda del belly painting

La moda del belly painting esiste già da diversi anni negli Usa, dove molte future mamme vip si sono fatte decorare il pancione con motivi che suscitassero emozioni. L’attrice Hilary Duff, che era in dolce attesa durante il periodo natalizio, ha scelto una decorazione che rappresentava un pacco dono, per simboleggiare il regalo a sorpresa che sarebbe di lì a poco venuto al mondo.

Foto presa da @hilaryduff su Instagram

Foto presa da @hilaryduff su Instagram

Anche la cantante canadese Alanis Morrisette è una fan del belly painting. In occasione di una delle sue gravidanza (tra 3 figli) si è fatta dipingere il pancione con un mandala in colori naturali, originale e carico di simbologie positive.
Tori Spelling, la Donna Martin di Beverly Hills 90210, per l’arrivo del quarto bebè ha realizzato una decorazione domestica con l’aiuto dei fratellini. I bimbi hanno impresso il simbolo delle loro manine sul pancione della mamma, in una sorta di carezza di benvenuto al piccolo in arrivo.
La cantante Mariah Carey si è concessa ben due belly painting per l’arrivo dei suoi gemelli. In occasione della Pasqua, ha trasformato il pancione in un uovo decorato con due ali di farfalla, una azzurra e l’altra rosa. In seguito, poco prima della nascita, ha scelto due grandi cuori, uno rosa e uno azzurro.

Le idee più belle per il belly painting da replicare

Le star ci insegnano che le possibilità decorative offerte dal belly painting sono praticamente infinite. Si può chiedere all’esperto di realizzare un particolare disegno, se lo si ha già in mente. Presso i centri specializzati esistono veri e propri cataloghi per permettere alla mamma di scegliere la decorazione preferita. Vediamo insieme qualche esempio.

belly 1

Elementi naturali: fiori, paesaggi di montagna o di mare, cieli stellati e fondi marini sono molto apprezzati perché hanno un effetto rilassante e richiamano la natura che si rinnova attraverso la nascita;
Animali: anche questa è una decorazione amatissima dalle future mamme, che permette di sbizzarrirsi. C’è chi sceglie animaletti teneri come orsacchiotti o gattini, chi preferisce qualcosa di più trasgressivo come un muso di tigre o leone che mostra i denti, per “mordere” la vita come farà il nuovo nato. Il mondo degli animali permette poi di scegliere farfalle o uccelli con grandi ali colorate che avvolgono il pancione e sulle quali si può scrivere il nome del nascituro.
Cartoni animati: i personaggi dei cartoons sono tantissimi, da quelli Disney ai giapponesi, da Winnie Pooh a Spongebob. C’è chi sceglie Topolino e Minnie o Paperino e Paperina in versione baby, o Bambi, o i micetti degli Aristogatti, insomma tutto quello che ricorda qualcosa di tenero e infantile.
Foto e immagini: non manca chi porta con sé una fotografia di famiglia, con i fratellini e le bestiole di casa, o addirittura l’ultima ecografia, chiedendo di riprodurla sul pancione. Questa scelta può essere utile soprattutto se ci sono altri fratellini, per aiutarli ad accettare più facilmente il nuovo arrivato.

belly 3

Belly painting, le regole di sicurezza

Farsi dipingere il pancione è piacevole, ma è importante assicurarsi che le sostanze utilizzate siano assolutamente innocue a contatto con la pelle, oltre che nel caso dovessero essere inalate. Ecco qualche consiglio per un belly painting in tutta sicurezza.

  • Farlo se si sta bene. La decorazione del pancione è sicura, ma si deve sempre pensare alla salute del bambino in arrivo. Se quindi ci sono stati problemi di qualsiasi genere, è meglio rinunciarvi. Per sicurezza, si può chiedere al ginecologo.
  • Scegliere un centro sicuro. L’affidabilità del centro dove lavorano gli esperti di belly paining è essenziale. Si può chiedere a qualche amica che l’ha già fatto, leggere le recensioni e andare personalmente a visionare.
  • Controllare la qualità delle sostanze in uso. Le tinture con olio e lattice possono causare reazioni allergiche anche importanti, quelle con smalto emettono vapori tossici. È bene assicurarsi che siano utilizzate solo colorazioni a base di acqua.
  • Informarsi sulla durata del disegno. Più la decorazione dura, più le sostanze usate possono entrare in contatto con il feto. Un disegno che si elimina solo con acqua è più sicuro perché è segno che i colori sono rimasti solo negli strati più superficiali della cute.

 

 

 
 
 

In sintesi

Il belly painting o bump painting è la moda di decorare il pancione. Ci si può sbizzarrire con la fantasia per un weekend al mare con i primi caldi, ma è essenziale farsi decorare solo verso la fine della gestazione, quando il bambino è già formato, assicurandosi che vengano usati solo colori ad acqua e completamente atossici

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola le settimane di gravidanza

Calcola la data presunta del parto

Calcola il peso del feto

Calcola la lunghezza del feto

Scegli il nome del tuo bambino

Controlla i valori Beta HCG

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Gambe sollevate in gravidanza: possono aver danneggiato il bambino?

08/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Durante la gravidanza, quando preoccupazioni che oggettivamente non hanno ragione di sussistere non danno tregua, mantenendo la futura mamma in uno stato ansioso costante, può senz'altro essere opportuno ricorrere all'aiuto di uno psicoterapeuta. Le continue paure ingiustificate possono, infatti, essere...  »

Tosse violenta che non passa in una bimba di 4 anni: qual è la causa?

02/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

Anche se di rado, una tosse secca, insistente, che nulla calma può essere dovuta al tappo di cerume: per escludere questa possibilità basta che il pediatra ispezioni accuratamente i condotti uditivi del bambino.  »

Collo dell’utero raccorciato in 25^ settimana: è possibile che torni a posto?

01/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

In effetti la cervice può recuperare qualche millimetro, in assenza di contrazioni uterine, quindi non è detto che una minaccia di parto prematuro comporti con certezza la nascita del bambino molte settimane prima rispetto alla data prevista.  »

Si può ridatare la gravidanza una seconda volta?

14/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La ridatazione ecografica può essere eseguita una volta sola nel primo trimestre (quando c'è più di una settimana di differenza tra il calendario ostetrico e le dimensioni effettive del feto), dopodiché se il bambino risulta più piccolo dell'atteso non si può più attribuire il dato a un concepimento...  »

Fai la tua domanda agli specialisti