Baby brain: incinta e smemorata!

Stefania Lupi A cura di Stefania Lupi Pubblicato il 05/03/2018 Aggiornato il 05/08/2018

Essere distratta e scordarsi le cose durante la gravidanza non deve preoccupare: il problema interessa la maggior parte delle future mamme. Ora c’è anche un nome specifico per questo fenomeno: baby brain. Ecco di che cosa si tratta

Baby brain: incinta e smemorata!

Baby brain, ovvero dimenticarsi l’appuntamento con l’amica, scordarsi le chiavi di casa, non riuscire a concentrarsi sul lavoro, versare il caffè nel lavandino invece che nella tazza. E la lista potrebbe continuare…… Avere delle distrazioni, dei vuoti di memoria, può capitare a tutti, ma in gravidanza il fenomeno è molto comune ma… normale.

4 future mamme su 5

Mancanza di concentrazione, fatica a ricordarsi le cose e disattenzione interessano 4 donne incinta su 5. Non consola, ma non deve preoccupare. Se in passato i medici avevano relegato il fenomeno alla stanchezza, adesso si può affermare con certezza che il “baby brain” (questo il termine usato per indicare il problema), esiste davvero. 

Il cervello funziona diversamente

È stata dimostrata una differenza sostanziale tra il funzionamento cognitivo generale delle donne in gravidanza rispetto alle donne che non aspettano un bambino. Secondo uno studio condotto dalla Deakin University (Australia),  sembra che questo squilibrio sia causato da una riduzione della materia grigia cerebrale.

Dipende dagli sbalzi ormonali

Il baby brain sarebbe da ricondurre allo sbalzo ormonale tipico della gravidanza, che  influisce negativamente su alcune abilità cognitive. In pratica, è come se la donna utilizzasse alcune zone del cervello esclusivamente  a scopi associati alla nascita del bambino, ossia alla costruzione del legame con il figlio che sta aspettando.

Normalità dopo l’allattamento

Dopo il parto, la situazione torna piano piano alla normalità. Se  la mamma allatta, però, occorre più pazienza. Sempre per cause di tipo ormonale, con l’allattamento le attività cognitive, compresa la memoria, hanno bisogno di un tempo maggiore per rimettersi “in sesto”. 

 

 

 
 
 

DA SAPERE

DAL PRIMO TRIMESTRE

I cali di memoria e di concentrazione sarebbero più evidenti a partire dai sei mesi di gravidanza, sebbene il declino inizi durante il primo trimestre

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola le settimane di gravidanza

Calcola la data presunta del parto

Calcola il peso del feto

Calcola la lunghezza del feto

Scegli il nome del tuo bambino

Controlla i valori Beta HC

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Tutto è ok, ma la gravidanza non si annuncia

21/09/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Le ragioni per le quali una donna fatica a rimanere incinta sono numerose: l'età matura è una delle principali.   »

La mia gravidanza si è interrotta subito: quando riprovarci?

16/09/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Francesco Maria Fusi

Si può cercare un bimbo immediatamente dopo un aborto spontaneo, avvenuto nelle primissime settimane di gravidanza.   »

Sono incinta: posso continuare ad allattare?

14/09/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se lo si desidera, non c'è ragione di smettere di allattare quando inizia una nuova gravidanza.   »

Fai la tua domanda agli specialisti