Bisfenolo A in gravidanza: rischio aborto?

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 25/09/2015 Aggiornato il 25/09/2015

Questa sostanza sarebbe causa anche dell’infertilità maschile. La maggior fonte di esposizione sarebbe l’alimentazione. Ecco a che cosa bisogna fare attenzione

Bisfenolo A in gravidanza: rischio aborto?

Se state cercando una gravidanza o aspettate un bambino prendete nota: il Bisfenolo A aumenta il rischio di aborto. Si torna, quindi, a parlare della sostanza ritenuta tossica da molti studiosi che, stando alle ultime ricerche, se messa a contatto diretto in dosi elevate con una donna incinta, metterebbe a repentaglio la salute del feto. Non solo. Il Bisfenolo A comprometterebbe anche la fertilità maschile. A sostenerlo sono due studi presentati nel corso della conferenza annuale dell’American society of reproductive medicine of Boston.

Aborto e infertilità

Gli studiosi dell’Università di Stanford hanno evidenziato come l’esposizione a elevati livelli di Bisfenolo A nelle donne incinte possa aumentare dell’80 per cento il rischio di abortire. Il secondo studio del National institute of child health and human development ha mostrato, invece, come la presenza della sostanza nelle urine degli uomini sia associata alla riduzione della loro capacità di concepimento.

Una sostanza chimica

Ma che cosa è il Bisfenolo A? Si tratta di un composto chimico, noto con la sigla Bpa, utilizzato nella realizzazione di materiali a contatto con i cibi, come le stoviglie di plastica riutilizzabili e le lattine, ma anche nei cosmetici e nella carta usata per ricevute fiscali e scontrini. Fino a qualche anno fa, veniva utilizzato nella produzione dei biberon, ma oggi questo uso è vietato per legge. 

No a plastiche e lattine

 

“Le donne che hanno avuto aborti inspiegabili  – spiega Linda Giudice, presidente dell’American Society for Reproductive Medicine – dovrebbero evitare l’esposizione al Bisfenolo A, in modo da eliminare un potenziale fattore di rischio”.

 

 
 
 

In breve

3 CONSIGLI UTILI

 Per limitare i potenziali rischi per il feto gli esperti consigliano alle donne in stato di gravidanza di:

1 – non scaldare i cibi nei contenitori di plastica

2 – evitare gli alimenti in scatola

3 – limitare il contatto con gli oggetti contenenti il Bisfenolo A, come i piatti in plastica usa e getta.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola le settimane di gravidanza

Calcola la data presunta del parto

Calcola il peso del feto

Calcola la lunghezza del feto

Scegli il nome del tuo bambino

Controlla i valori Beta HC

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Comportamenti (in)soliti durante il sonno: perché?

10/05/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Annalisa Pistuddi

Durante il sonno possono verificarsi episodi di regressione che nascono dalla necessità di scaricare tensioni emotive accumulate nelle ore di veglia. E' poco opportuno invadere questo spazio intimo cercando di indurre bruscamente il risveglio.  »

Esami oculistici a inizio gravidanza: ci sono rischi?

10/05/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Antonio Clavenna

Valutare l'opportunità di effettuare determinate indagini oculistiche nelle prime settimane di gravidanza spetta allo specialista a cui ci si affida.   »

Embrione che non si vede alla quinta settimana

16/04/2021 Gli Specialisti Rispondono di Professoressa Anna Maria Marconi

Fare un'ecografia troppo presto (prima della settima settimana) non serve a nulla e, in più, è causa di grandi spaventi che ci si potrebbe risparmiare se solo si avesse un po' di pazienza.  »

Fai la tua domanda agli specialisti