Cesareo: per ridurre il rischio via libera allo sport

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 30/07/2015 Aggiornato il 30/07/2015

Le donne che in gravidanza praticano attività fisica presenterebbero un rischio minore di subire un cesareo e di avere un bimbo molto grande

Cesareo: per ridurre il rischio via libera allo sport

Gli esperti lo ripetono da tempo: se la mamma sta bene e la gravidanza procede senza intoppi, non c’è motivo per rinunciare all’attività fisica durante i nove mesi. Anzi, l’ideale sarebbe muoversi il più possibile, perché a trarne benefici sono sia la donna sia il bebè. Fra gli effetti positivi ci sarebbe anche una minore probabilità di subire un cesareo e di mettere alla luce un bimbo con un peso superiore alla norma. A confermarlo è ora uno studio condotto da un team di ricercatori canadesi, dell’Università di Alberta, pubblicato sulla rivista Obstetrics and Gynecology.

La metanalisi su oltre 5 mila donne incinte

Gli esperti sono giunti alla loro conclusione effettuando una metanalisi, ossia ricerche rigorose che combinano i risultati di vari studi clinici e, con appositi metodi statistici, producono risultati “riassuntivi”. In pratica, hanno esaminato quegli studi presenti in letteratura che hanno analizzato gli effetti dell’esercizio fisico in gravidanza, in particolare sulla salute del bambino e sul tipo di parto. In totale, hanno analizzato i dati di 5.322 donne incinte con lo scopo di capire se il movimento nei nove mesi può ridurre il rischio di taglio cesareo.

Più movimento = meno rischi

L’analisi dei risultati ha confermato che praticare attività fisica nel corso dei nove mesi non è utile solo per tenere sotto controllo l’aumento di peso, preparare i muscoli allo sforzo del travaglio e del parto, migliorare il tono dell’umore, ma comporta anche benefici aggiuntivi. Infatti, le donne che si erano mantenute attive nel corso dei nove mesi presentavano un rischio minore di incorrere in un taglio cesareo e di peso elevato del bambino alla nascita. Più precisamente, gli autori hanno scoperto che un’attività fisica corretta e idonea per le condizioni della gestante abbassa del 20% le probabilità di avere un parto cesareo e del 31% quelle che il piccolo abbia un peso alla nascita superiore al peso medio.

No al fumo

Poche settimane prima, sulla rivista BMC Pregnancy and Childhood, era stata pubblicata un’altra indagine sugli effetti positivi dell’esercizio fisico sulla gestazione. In questo caso, gli autori, americani, avevano scoperto che le donne che nei nove mesi si muovono poco presentano un rischio più elevato di dare alla luce bimbi obesi o sovrappeso. “I medici dovrebbero avvisare le donne di smettere di fumare e al tempo stesso di fare una moderata attività fisica per evitare il sovrappeso dei piccoli” si legge nello studio.

 

 

 
 
 

In breve

UN’OPERAZIONE CON QUALCHE RISCHIO

Il taglio cesareo è considerato un intervento semplice. Tuttavia, si tratta sempre e comunque di un’operazione chirurgica, non priva di insidie. Si calcola che i rischi al momento e successivi legati al parto cesareo siano circa tre volte (più precisamente 2,8) superiori a quelli di un parto vaginale sia per la mamma sia per il bebè.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola le settimane di gravidanza

Calcola la data presunta del parto

Calcola il peso del feto

Calcola la lunghezza del feto

Scegli il nome del tuo bambino

Controlla i valori Beta HC

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Tutti figli maschi: casualità o genetica?

24/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Paolo Gasparini

Ogni fecondazione costituisce una storia a sé e ogni volta si hanno le stesse probabilità di concepire un maschio o una bambina. È, dunque, sempre il caso a "tirare i dadi".  »

Concepimento: dopo due mesi non si è ancora verificato, c’è da preoccuparsi?

16/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Non fa bene alla fertilità di coppia farsi prendere dall'ansia del risultato immediatamente dopo aver deciso di avere un figlio. Non è, infatti, automatico che la gravidanza inizi quando viene decisa, ma questo non è affatto preoccupante.  »

Distacco amniocoriale che non si riassorbe con il passare delle settimane

14/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

In presenza di un distacco amniocoriale che non si risolve non serve intensificare i controlli, mentre sono utili il riposo e un'alimentazione che favorisca l'attività dell'intestino, perché la stipsi può favorire la comparsa prematura di contrazioni uterine.   »

Fai la tua domanda agli specialisti