Cinque consigli contro le gambe pesanti in gravidanza

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 26/07/2013 Aggiornato il 26/07/2013

Tutta colpa del caldo. Ma per dire addio alle gambe pesanti in gravidanza basta adottare le giuste contromisure

Cinque consigli contro le gambe pesanti in gravidanza

Avere le gambe pesanti è una condizione frequente in gravidanza, in particolare nelle donne che hanno per costituzione vene poco toniche e compatte. Gli ormoni gravidici, infatti, favoriscono la ritenzione idrica, la vasodilatazione e la fragilità capillare. Senza dimenticare che l’utero diventando più voluminoso comprime le vene delle gambe, in particolare quella iliaca sinistra dove l’albero vascolare ha una tipica ramificazione a “y” che lo porta ad essere più soggetto alle pressioni. Se a questo si aggiunge il caldo il gioco è fatto: le temperature elevate, dilatando vene e capillari, ostacolano la circolazione di ritorno, quella che dalle gambe risale verso il cuore. Il flusso circolatorio rallenta, i liquidi si accumulano e le gambe diventano gonfie e stanche. Basta adottare con costanza piccoli accorgimenti per dire addio alle gambe pesanti in gravidanza anche in estate.

Non state a lungo nella stessa posizione

La circolazione si blocca e il gonfiore aumenta. Se dovete stare sedute a lungo, alzatevi appena potete e fate qualche passo per mantenere attivo il circolo venoso e linfatico. Quando, invece, siete costrette a stare in piedi, salite e scendete spesso sulle punte dei piedi in modo che la pompa plantare che si trova sotto l’arco aiuti la risalta del sangue dal basso verso l’alto.

Appena potete sollevate le gambe

Quando siete sedute, appoggiate le gambe su uno sgabello in modo che il sangue circoli con più facilità. Appena potete durante il giorno appoggiate le gambe al muro e tenetele in questa posizione per almeno cinque minuti. Di notte dormite rialzando la parte bassa del letto con un cuscino messo però non sotto le gambe ma sotto il materasso.

Passate di frequente sotto il getto freddo della doccia

Al contrario del caldo, il freddo ha un’azione stimolante e tonificante sulle pareti dei vasi. Le gambe pesanti non vi danno tregua? Provate ad alternare più volte getti caldi e getti freddi per allentare la stanchezza e il gonfiore alle gambe pesanti in gravidanza.

Fate movimento

È la chiave per mantenere attivo il circolo venoso e linfatico, evitare i ristagni di liquidi e regalare leggerezza alle gambe. Anche il semplice passeggiare funziona, ma appena potete nuotate e andate in bicicletta. L’esercizio più semplice ma efficace da ripetere più volte al giorno? Pedalate con le gambe in aria per almeno un paio di minuti di seguito. Potete anche utilizzare un apposito pallone.

Bevete molto

Così il sangue si mantiene fluido e la circolazione attiva. Oltre all’acqua, sono utili il tè verde, le spremute di arancia, i succhi di ananas, i frullati di frutti di bosco, preziosi concentrati di sostanze come i flavonoidi che proteggono e mantengono elastiche le pareti dei vasi.

In breve

CON IL CALDO IL FASTIDIO PEGGIORA

Avere gambe pesanti è un fastidio tipico della gravidanza che tende a peggiorare quando il termometro sale. Passaggi frequenti sotto il getto dell’acqua fredda e riposo con le gambe in alto  possono essere d’aiuto per ridurre il gonfiore e allentare la stanchezza.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola le settimane di gravidanza

Calcola la data presunta del parto

Calcola il peso del feto

Calcola la lunghezza del feto

Scegli il nome del tuo bambino

Controlla i valori Beta HCG

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Placenta bassa in 16^ settimana: si può prendere l’aereo?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Una sospetta inserzione bassa della placenta va confermata con l’ecografia transvaginale a partire dalla 20^ settimana, quindi circa un mese prima di questa data è prematuro diagnosticarla: proprio per questo un viaggio in aereo si può affrontare senza rischi.   »

Dopo tre cesarei si può partorire naturalmente?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Al travaglio di prova dopo un parto cesareo, noto con l'acronimo TOLAC dall'inglese trial of labour after cesarean, possono essere ammesse solo le mamme che abbiano già affrontato l'intervento solo una, massimo due volte.   »

Manovre effettuate durante l’ecografia: possono causare danno al feto?

04/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giovanni Battista Nardelli

Nessuna delle manovre manuali esterne effettuate dal medico per poter svolgere l'ecografia nel migliore dei modi può esporre il feto a rischi.   »

Bimbo di 4 anni con una tosse che non passa nonostante l’antibiotico

02/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

È un'eventualità frequente che i bambini della scuola materna passino più tempo a tossire che il contrario. Posto questo, l’antibiotico andrebbe usato quanto la tosse con catarro persiste per più di un mese senza tendenza alla remissione.  »

Fai la tua domanda agli specialisti