Depressione in gravidanza: si può predire con un test del sangue?

Miriam Cesta A cura di Miriam Cesta Pubblicato il 24/03/2022 Aggiornato il 24/03/2022

La risposta è sì: una semplice analisi è in grado di individuare 15 molecole in grado di prevedere il rischio di sviluppare la depressione in gravidanza con una precisione dell'83%

Depressione in gravidanza: si può predire con un test del sangue?

Una semplice analisi del sangue potrebbe predire se una donna soffrirà di depressione in gravidanza. A sostenerlo è uno studio condotto dai ricercatori del Van Andel Institute e del Pine Rest Christian Mental Health Services di Grand Rapid (Michigan, Stati Uniti). Il team di studiosi ha individuato nel sangue 15 marcatori biologici che possono prevedere se le donne in gravidanza sperimenteranno sintomi depressivi significativi con una precisione dell’83%.

Quante donne soffrono di depressione in gravidanza?

 La depressione in gravidanza è un dato che sfugge agli studi perché complesso da identificare. Attualmente si stima che in Italia soffrano di questo problema circa il 10-20% delle donne incinte. Lo studio, pubblicato su Translational Psychiatry, è stato condotto su 114 donne incinte che hanno fornito campioni di sangue e sono state sottoposte a valutazioni cliniche per sintomi depressivi ​​ogni trimestre durante la gravidanza e nel periodo postpartum, permettendo di individuare i 15 marcatori biologici presenti nel sangue.
“La depressione non è solo qualcosa che accade nel cervello: le sue impronte digitali sono ovunque nel corpo, incluso nel nostro sangue”, ha affermato Lena Brundin, tra gli autori dello studio. “La capacità di prevedere la depressione in gravidanza sarà un punto di svolta per proteggere la salute delle madri e dei loro bambini. I nostri risultati rappresentano un importante passo in avanti verso questo obiettivo”.

Quali sono i sintomi della depressione in gravidanza?

 Si tende a pensare che una donna in attesa debba essere necessariamente felice. In realtà anche in questo particolare momento della vita può manifestarsi la depressione. Tra i sintomi della depressione in gravidanza da non sottovalutare ci sono i disturbi del sonno (dormire troppo, oppure poco o male); i disturbi dell’appetito (dall’inappetenza all’appetito eccessivo); il senso di apatia e di fatica nel portare avanti le normali attività quotidiane; i pensieri negativi sulla capacità di portare avanti la gravidanza; l’abbattimento dell’umore protratto per più giorni, che provoca pensieri negativi relativi sia al proprio stato di salute attuale sia alla progettualità della vita futura con il bimbo.

 

 

 
 
 

In sintesi

A chi rivolgersi se in gravidanza l’umore va giù?

Poiché molti dei sintomi della depressione in gravidanza possono essere confusi con manifestazioni fisiologiche dell’attesa, non sempre è facile capire che si sta vivendo uno stato depressivo. Se, però, queste sensazioni sono associate a stati d’animo negativi e perdurano per giorni o settimane, è bene parlarne con una persona che si sente vicino (compagno, madre, amica) e rivolgersi a un medico di fiducia (che può essere il proprio medico di famiglia, ma anche il ginecologo o l’ostetrica che seguono la gravidanza) che saprà consigliare sul da farsi.

 

 

Fonti / Bibliografia

  • Cytokines and tryptophan metabolites can predict depressive symptoms in pregnancy | Translational PsychiatryDepression during and after pregnancy affects up to 20% of pregnant women, but the biological underpinnings remain incompletely understood. As pregnancy progresses, the immune system changes to facilitate fetal development, leading to distinct fluctuations in the production of pro-inflammatory factors and neuroactive tryptophan metabolites throughout the peripartum period. Therefore, it is possible that depression in pregnancy could constitute a specific type of inflammation-induced depression. Both inflammatory factors and kynurenine metabolites impact neuroinflammation and glutamatergic neurotransmission and can therefore affect mood and behavior. To determine whether cytokines and kynurenine metabolites can predict the development of depression in pregnancy, we analyzed blood samples and clinical symptoms in 114 women during each trimester and the postpartum. We analyzed plasma IL-1β, IL-2, -6, -8, -10, TNF, kynurenine, tryptophan, serotonin, kynurenic- quinolinic- and picolini...
Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola le settimane di gravidanza

Calcola la data presunta del parto

Calcola il peso del feto

Calcola la lunghezza del feto

Scegli il nome del tuo bambino

Controlla i valori Beta HC

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Pap test in gravidanza: conviene farlo?

28/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Posto che è il ginecologo curante a dover decidere l'intervallo di tempo tra un pap test e l'altro, in base al risultato ottenuto l'ultima volta che è stato effettuato, in generale non occorre farlo in gravidanza, se sono passati meno di tre anni dall'ultimo.   »

Tampone positivo allo streptococco durante la gravidanza

23/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Ci sono delle indicazioni da seguire quando si risulta positive allo streptococco in prossimità del parto, prima tra tutte recarsi con urgenza in Pronto soccorso fin dalla prima comparsa delle contrazioni.   »

Tosse dei bambini: l’antibiotico serve o no?

14/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

La tosse secca, anche se più disturbante, non deve preoccupare e non richiede inevitabilmente l'antibiotico, che invece va somministrato quando la tosse è “grassa”, con tanto catarro, e si protrae per oltre quattro settimane senza alcun accenno di miglioramento.  »

Fai la tua domanda agli specialisti