Fanghi d’alga: meglio evitarli in gravidanza

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 01/04/2014 Aggiornato il 01/04/2014

Funzionano ma hanno controindicazioni. I fanghi d’alga non si dovrebbero usare in gravidanza e in presenza di problemi alla tiroide

Fanghi d’alga: meglio evitarli in gravidanza

Sono uno dei rimedi più utilizzati per contrastare la cellulite. Ma i fanghi d’alga presentano non poche controindicazioni. Innanzitutto i dermatologhi ne sconsigliano l’uso in gravidanza e nella fase dell’allattamento: meglio posticipare quindi gli impacchi a quando il bebè è un po’ più grande.  Attenzione poi a non utilizzarli quando si soffre di problemi di tiroide: essendo prodotti di derivazione marina, e quindi fonte di iodio, potrebbero portare a un peggioramento dei disturbi. Un’ulteriore controindicazione all’utilizzo dei fanghi d’alga è la pelle sensibile, problematica che la gravidanza tende ad esasperare: restando a lungo a contatto con la cute possono favorire arrossamenti e irritazioni oppure esasperare quelli già presenti.

Aiutano ma non risolvono la cellulite

Da sfatare poi il mito che i fanghi d’alga siano la panacea contro cuscinetti e pelle a buccia di arancia: possono aiutare a rendere più levigata e compatta la pelle ma non riescono certo a risolvere da soli un problema che ha molte cause e molte manifestazioni. Per contrastare gli inestetismi della cellulite, infatti, la regola base rimane, infatti, quella di muoversi su più fronti. È importante seguire un’alimentazione equilibrata e varia, riducendo al minimo il consumo di sale e cibi salati che possono creare ritenzione e favorire l’edema, bere molto, almeno un paio di litri di acqua al giorno, e portare in tavola frutta e verdura ricchi di vitamine e minerali preziosi per il trofismo del tessuto cutaneo. Fare movimento è indispensabile poi per mantenere attiva la circolazione che tende a rallentare in presenza della cellulite.

I prodotti indicati

Utile infine l’impiego regolare dei prodotti cosmetici. Se i fanghi d’alga sono sconsigliati in gravidanza, ci sono molte altre formulazioni che possono essere impiegate, in particolare quelle che attivano il microcircolo, stimolano il drenaggio e aiutano a ridurre il senso di pesantezza agli arti inferiori che caratterizza spesso l’attesa. 

In breve

SCEGLIERE I TRATTAMENTI INDICATI

I fanghi d’alga non fanno miracoli. Sono uno dei tanti trattamenti cosmetici che si possono utilizzare in una strategia completa contro la cellulite che prevede anche il movimento e le giuste scelte a tavola. Non vanno, però, impiegati in gravidanza e durante l’allattamento e neppure in presenza di disturbi alla tiroide e di pelle sensibile e reattiva. 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola le settimane di gravidanza

Calcola la data presunta del parto

Calcola il peso del feto

Calcola la lunghezza del feto

Scegli il nome del tuo bambino

Controlla i valori Beta HC

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Dolori mestruali spariti da quando è iniziata la ricerca di una gravidanza

29/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Una spiegazione strettamente scientifica alla scomparsa della dismenorrea nel momento in cui si hanno rapporti sessuali non protetti non esiste, tuttavia il fatto stesso che a volte accada rende l'eventualità possibile.   »

Sono incinta e non sono immune alla rosolia: è pericoloso fare il vaccino a mio figlio?

28/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dott.ssa Elena Bozzola

Nessuno studio ha mai evidenziato che un bimbo subito dopo essere stato vaccinato contro la rosolia possa trasmetterla. Di conseguenza, anche in gravidanza non si rischia nulla se si hanno contatti con un bambino appena vaccinato.  »

Continue infezioni delle vie urinarie: che fare?

27/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Nel caso in cui si vada incontro a numerose infezioni delle vie urinarie diventa necessario rivolgersi a uno specialista in urologia o uro-ginecologia per farsi indicare il percorso terapeutico più efficace e, quindi, risolutivo.   »

Fai la tua domanda agli specialisti