Gravidanza: 1 donna su 2 subisce il fumo passivo

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 30/04/2014 Aggiornato il 30/04/2014

Fumo passivo: un recente studio dimostra che la metà delle donne incinte è esposta. La fonte principale? Il partner 

Gravidanza: 1 donna su 2 subisce il fumo passivo

Le future mamme, durante l’intera gravidanza, devono adottare una serie di piccoli accorgimenti per proteggere il bebè. Ma anche i papà dovrebbero fare altrettanto. In particolare, sarebbe bene che evitassero di esporre la compagna, e dunque anche il piccolo, al fumo passivo. E, invece, quasi la metà di loro non lo fa. Lo rivela un recente studio condotto dalla Basque Research, in tredici centri di ricerca tra Asturie, Guipuzcoa, Sabadell e Valenza, e pubblicato sulla rivista Science of the Total Environment.

Esaminate le urine

La ricerca ha interessato 1.783 donne incinte. Tutte sono state seguite per l’intera gravidanza e invitate a rispondere a una serie di domande sullo stile di vita seguito e sull’abitudine o meno di fumare. Inoltre, sono state sottoposte alle analisi delle urine, per la misurazione dei livelli di cotinina, biomarcatore del consumo di tabacco. Lo scopo era capire quante donne fossero esposte a fumo passivo o diretto.

Come se si fumasse

Dall’analisi dei risultati, è emerso che gran parte del campione considerato presentava livelli elevati di cotinina nelle urine. Le donne che fumavano, però, erano poche. Nel 55% dei casi, infatti, le future mamme erano esposte al fumo passivo tra le mura domestiche. Il responsabile? Quasi sempre il partner, che fumava in casa, anche in loro presenza.

Crea gravi danni

Il fumo, passivo o diretto, è molto pericoloso per la salute della mamma e soprattutto del bebè. Inoltre, può compromettere il buon esito della gravidanza. Per questo, i ricercatori invitano le gestanti a non fumare e a non stare a stretto contatto con chi fuma. Di conseguenza, se il partner ha l’abitudine di consumare le sigarette, dovrebbe avere l’accortezza di non fumare in casa, nell’automobile e in presenza della compagna.

 

In breve

TANTI RISCHI

Durante la gravidanza, l’esposizione al fumo passivo può aumentare il rischio di complicazioni e di aborto.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola le settimane di gravidanza

Calcola la data presunta del parto

Calcola il peso del feto

Calcola la lunghezza del feto

Scegli il nome del tuo bambino

Controlla i valori Beta HC

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

A letto da un mese per un distacco amniocoriale (eppure non serve, anzi)

01/07/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Il riposo assoluto a letto in caso di "distacco" non solo è inutile per assicurare una buona evoluzione della gravidanza, ma può addirittura rivelarsi controproducente in quanto può aprire la strada al rischio di trombosi a livello degli arti inferiori.   »

Sono incinta e non sono immune alla rosolia: è pericoloso fare il vaccino a mio figlio?

28/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dott.ssa Elena Bozzola

Nessuno studio ha mai evidenziato che un bimbo subito dopo essere stato vaccinato contro la rosolia possa trasmetterla. Di conseguenza, anche in gravidanza non si rischia nulla se si hanno contatti con un bambino appena vaccinato.  »

Continue infezioni delle vie urinarie: che fare?

27/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Nel caso in cui si vada incontro a numerose infezioni delle vie urinarie diventa necessario rivolgersi a uno specialista in urologia o uro-ginecologia per farsi indicare il percorso terapeutico più efficace e, quindi, risolutivo.   »

Fai la tua domanda agli specialisti