Musica in gravidanza: il bebè preferisce la classica

Roberta Camisasca A cura di Roberta Camisasca Pubblicato il 10/08/2018 Aggiornato il 10/08/2018

Musica in gravidanza sì, ma quale? Pop, rock o classica: ecco i gusti del bimbo nel pancione

Musica in gravidanza: il bebè preferisce la classica

Se potessero scegliere, i bimbi nel pancione metterebbero su un disco di musica classica, specialmente Mozart. Stando allo studio presentato da Institut Marquès al quinto congresso dell’International Association for Music and Medicine la musica in gravidanza è importante e quella classica, in particolare, provoca un numero maggiore di reazioni nel feto rispetto ad altri generi, con movimenti della bocca simili al canto.

Pop, rock o classica?

Per intercettare i gusti musicali dei nascituri e dare indicazioni alle future mamme sulla musica in gravidanza, i ricercatori hanno analizzato le espressioni facciali di 300 feti tra la 18a e 38a settimana di gestazione, in risposta all’emissione intravaginale di 15 canzoni appartenenti a tre diversi generi: classica, tradizionale e pop-rock. Lo studio è stato effettuato con l’aiuto di un sound player, un dispositivo capace di trasmettere musica e suono della voce all’interno della vagina. Posizionato come se fosse un tampone e collegato a un cellulare, emette onde sonore fino a un massimo di 54 decibel, il livello di una normale conversazione.

Le reazioni nel pancione

L’84% dei feti ha dimostrato di amare il genere classico più della musica tradizionale (79%) e del pop-rock (59%). La musica classica ha ottenuto una percentuale maggiore di protrusione della lingua (35%) di quella tradizionale (20%) e del pop-rock (15%). Pur essendo ancora sconosciuti i motivi di queste preferenze, a conquistare i nascituri potrebbero essere i suoni semplici e ripetitivi.

Favorisce la comunicazione

Lo studio ribadisce dunque l’importanza della musica in gravidanza e dimostra l’efficacia della stimolazione neurologica precoce, che può attivare percorsi cerebrali legati alla parola e alla comunicazione. È molto raro che questi movimenti si verifichino spontaneamente durante il secondo e il terzo trimestre di gravidanza (solo il 3-5% lo fa senza alcuno stimolo). Approvato dalla Fda (l’ente ente governativo statunitense che si occupa della regolamentazione dei prodotti alimentari e farmaceutici), oltre a rendere possibile la comunicazione con il feto, il dispositivo ha applicazioni mediche importanti: consente di scartare la sordità fetale e facilita le ecografie poiché, provocando una risposta nel bambino, migliora la visione delle strutture fetali.
 

 

 
 
 

Da sapere!

Il sound player intravaginale riproduce musica per la stimolazione fetale ma, attraverso l’App gratuita, consente anche di registrare i messaggi in modo che il bambino possa sentire la voce dei genitori anche prima della nascita.

 

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola le settimane di gravidanza

Calcola la data presunta del parto

Calcola il peso del feto

Calcola la lunghezza del feto

Scegli il nome del tuo bambino

Controlla i valori Beta HC

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Dolori mestruali spariti da quando è iniziata la ricerca di una gravidanza

29/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Una spiegazione strettamente scientifica alla scomparsa della dismenorrea nel momento in cui si hanno rapporti sessuali non protetti non esiste, tuttavia il fatto stesso che a volte accada rende l'eventualità possibile.   »

Sono incinta e non sono immune alla rosolia: è pericoloso fare il vaccino a mio figlio?

28/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dott.ssa Elena Bozzola

Nessuno studio ha mai evidenziato che un bimbo subito dopo essere stato vaccinato contro la rosolia possa trasmetterla. Di conseguenza, anche in gravidanza non si rischia nulla se si hanno contatti con un bambino appena vaccinato.  »

Continue infezioni delle vie urinarie: che fare?

27/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Nel caso in cui si vada incontro a numerose infezioni delle vie urinarie diventa necessario rivolgersi a uno specialista in urologia o uro-ginecologia per farsi indicare il percorso terapeutico più efficace e, quindi, risolutivo.   »

Fai la tua domanda agli specialisti