Sana alimentazione e attività fisica: binomio perfetto anche in gravidanza

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 17/08/2015 Aggiornato il 17/08/2015

Un’alimentazione curata e secondo le quantità consigliate in gravidanza è fondamentale sia per il benessere della donna, sia per il sano e regolare sviluppo del bambino

Sana alimentazione e attività fisica: binomio perfetto anche in gravidanza

L’ennesima conferma arriva da un altro studio, pubblicato da “The Cochrane Library”: è confermata l’importanza di una corretta alimentazione associata all’attività fisica, prima e durante la gravidanza per la salute della madre, per il normale sviluppo e accrescimento del feto e per un parto fisiologico.

Quanto deve “pesare” la gravidanza

È assolutamente fisiologico l’aumento del fabbisogno calorico della futura mamma durante i nove mesi che, in una donna normopeso, porta a un aumento di peso di circa 10-12 kg. Un maggiore incremento di peso corporeo, invece, può essere dannoso sia per la mamma sia per il piccolo perché aumenta il rischio di:

·      diabete gestazionale,

·      ipertensione,

·      compromettere l’esito del parto, con maggior probabilità di taglio cesareo,

·      diventare obesi nella vita adulta.

Analizzate oltre 11 mila future mamme

Lo studio è partito da un’analisi di 37 ricerche precedenti (realizzate dall’ottobre 2011 al novembre 2014) che contavano oltre 11 mila donne in dolce attesa. È risultato che l’intervento precoce attraverso programmi di esercizio fisico e dieta nelle donne a rischio, porta a una diminuzione significativa del rischio di ipertensione, di tagli cesarei e del numero di bambini nati oltre i 4 kg di peso. Naturalmente l’attività fisica proposta deve essere compatibile con la gravidanza e, quindi, sì a:

·      camminata veloce,

·      corsi di aerobica,

·      danza,

·      pilates.

 

Gli “sforzi” saranno ricompensati

Si perché una sana alimentazione, con l’eliminazione delle errate abitudini e degli eccessi  alimentari, e una regolare attività fisica sono le scelte da fare a inizio gravidanza se si vogliono ottenere un incremento di peso fisiologico e migliori condizioni di salute per se stesse e per il proprio bambino. Secondo il dottor Tess Lawrie, uno degli autori dello studio, in gravidanza scegliere un percorso di vita salutare è più facile rispetto a tutti gli altri “periodi di vita” perché durante i 9 mesi, le donne sono più predisposte ad ascoltare i consigli forniti dal personale medico e paramedico.

 

 

 
 
 

In breve

UN’OCCASIONE DA NON PERDERE

 Il suggerimento è “sfruttare” il ginecologo e le ostetriche per acquisire strategie comportamentali e sane abitudini alimentari da adottare durante tutti i 9 mesi e, perché no, anche dopo la gravidanza.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola le settimane di gravidanza

Calcola la data presunta del parto

Calcola il peso del feto

Calcola la lunghezza del feto

Scegli il nome del tuo bambino

Controlla i valori Beta HC

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Tutti figli maschi: casualità o genetica?

24/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Paolo Gasparini

Ogni fecondazione costituisce una storia a sé e ogni volta si hanno le stesse probabilità di concepire un maschio o una bambina. È, dunque, sempre il caso a "tirare i dadi".  »

Concepimento: dopo due mesi non si è ancora verificato, c’è da preoccuparsi?

16/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Non fa bene alla fertilità di coppia farsi prendere dall'ansia del risultato immediatamente dopo aver deciso di avere un figlio. Non è, infatti, automatico che la gravidanza inizi quando viene decisa, ma questo non è affatto preoccupante.  »

Distacco amniocoriale che non si riassorbe con il passare delle settimane

14/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

In presenza di un distacco amniocoriale che non si risolve non serve intensificare i controlli, mentre sono utili il riposo e un'alimentazione che favorisca l'attività dell'intestino, perché la stipsi può favorire la comparsa prematura di contrazioni uterine.   »

Fai la tua domanda agli specialisti