Seno più a rischio se il reggiseno è poco elastico?

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 07/07/2015 Aggiornato il 07/07/2015

Lavare troppo spesso il reggiseno potrebbe diminuirne l’elasticità, con conseguenze pericolose sulle mammelle. Ecco perché

Seno più a rischio se il reggiseno è poco elastico?

A nessuna donna verrebbe mai in mente di non lavare il reggiseno per 10 giorni consecutivi. Eppure questa, secondo Lexie Sachs, esperta di tessuti e analista del Textiles Lab presso il Good Housekeeping Institute, un centro britannico che si occupa di testare prodotti per i consumatori, è la “ricetta” magica per proteggere il seno. Lavaggi troppo frequenti, infatti, potrebbero compromettere l’elasticità del capo e, dunque, far venire meno il sostegno adeguato alle mammelle.

Di notte non serve

Lo scopo del reggiseno è quello di “combattere la gravità”, cioè di aiutare i muscoli pettorali nell’impresa di sostenere le ghiandole mammarie quando la forza di gravità le spinge verso il basso, ossia quando si è in posizione eretta. Per questo, di giorno va sempre indossato. Quando invece si sta sdraiate questa forza non viene esercitata, quindi mentre si dorme non è necessario indossare il reggiseno. Questo accessorio è fondamentale quando si esegue un’attività fisica: soltanto chi ha “una prima misura” può permettersi di farne a meno.

Attenzione all’elastico

Lexie Sachs ha spiegato che, perché il reggiseno sia funzionale al sostegno delle ghiandole mammarie, deve essere integro e ben elastico. Per questo, non andrebbe sottoposto a lavaggi troppo frequenti. “Lavare troppo i reggiseni può danneggiare la loro elasticità, che è essenziale per fornire il giusto sostegno al seno” ha affermato l’esperta. L’ideale è metterlo in lavatrice o sotto l’acqua corrente non più di una volta ogni dieci giorni.

Meglio avere modelli diversi

Secondo l’esperta, sarebbe buona norma anche avere modelli specifici per ogni occasione. In particolare, non si dovrebbero utilizzare gli stessi reggiseni per l’attività sportiva e per le occasioni speciali. In questo modo, li si possono cambiare spesso evitando di stressare l’elastico. Un altro trucco? “Toglierlo di notte dovrebbe consentire al reggiseno di recuperare la sua forma e la sua elasticità. Ma se questo non dovesse succedere in 8 o 12 ore, aspettare un giorno in più non farà una grande differenza” ha suggerito Sachs.

Come lavarlo

Per quanto riguarda il lavaggio vero e proprio, bisogna controllare l’etichetta. Chi opta per la lavatrice deve selezionare il programma più delicato. Un’accortezza ulteriore consiste nel ricorrere allo speciale sacchetto di stoffa appositamente studiato per evitare che il reggiseno subisca danni. Poi, lasciare il capo ad asciugare all’aria aperta, evitando l’asciugatrice o il phon. Infine, nel cassetto della biancheria i reggiseni non vanno schiacciarli gli uni contro gli altri e tenuti alla rinfusa, ma piegati bene.

 

 

 
 
 

In breve

QUALE SCEGLIERE?

Il reggiseno ideale, quello da indossare tutti i giorni, deve essere in fibra naturale (cotone o seta) e soprattutto della misura giusta, per non comprimere le mammelle. Per chi ha un décolleté procace sono utili i modelli incrociati sul davanti, con le spalline un po’ larghe. Per le occasioni particolari vanno benissimo i reggiseni a balconcino, i modelli push-up e quelli ridotti trasparenti.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola le settimane di gravidanza

Calcola la data presunta del parto

Calcola il peso del feto

Calcola la lunghezza del feto

Scegli il nome del tuo bambino

Controlla i valori Beta HCG

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Mal di gola che ritorna dopo la cura con antibiotico

28/02/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

A fronte di un mal di gola che si ripresenta dopo quattro giorni dal termine della cura con antibiotico è opportuno fare un tampone per escludere la responsabilità dello streptococco.   »

PMA e perdite marrone dopo il transfer

28/02/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Francesco Maria Fusi

In un terzo delle gravidanze iniziate grazie alla procreazione medicalmente assistita si manifestano perdite che però non hanno significato né valore prognostico.   »

Aborto spontaneo: l’espulsione potrebbe non avvenire naturalmente?

26/02/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Dopo un mese da un'interruzione spontanea della gravidanza, se l'utero non si è ripulito spontaneamente, è prassi intervenire con il raschiamento. A volte, in alternativa, è possibile anche impiegare i farmaci.  »

Si può concepire di nuovo prima del capoparto?

12/02/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

La prima ovulazione dopo il parto può verificarsi quando ancora non si sono ripresentate le mestruazioni e questo vale anche se si allatta, quindi è possibile avviare una gravidanza prima che si manifesti il capoparto.   »

Fai la tua domanda agli specialisti