Sole e gravidanza: attenzione a tre parti a rischio

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 02/07/2019 Aggiornato il 04/07/2019

Sempre ma soprattutto in gravidanza, lo schermo protettivo di un solare offre la possibilità di stare al sole, sia pur con le dovute precauzioni, senza danni per la pelle

Sole e gravidanza: attenzione a tre parti a rischio

Argomenti trattati

In gravidanza, ma anche nei primi mesi dopo la nascita del bebè, la pelle è più sensibile all’azione dei raggi solari. Servono perciò tante attenzioni e l’uso regolare di una crema solare ad alto indice protettivo: in gravidanza quando la pelle è più sensibile è buona regola utilizzare formule solari con un indice protettivo dal 30 fino al 50+ che offrono le migliori garanzie di una protezione efficacia e duratura. Sono tre le parti a rischio se sei incinta.

Viso

Il pericolo (estetico) più diffuso del sole e gravidanza si chiama “cloasma gravidico” ed è quel fenomeno per cui la pelle del volto si riempie di tante macchioline marrone scuro. I responsabili sono gli ormoni estrogeni, che stimolano i melanociti, le cellule della pelle che secernano la melanina, sostanza che dà colore la pelle ed è responsabile dell’abbronzatura, a lavorare di più, producendo più pigmento. Il sole accelera questo fenomeno, stimolando ulteriormente i melanociti. Se la melanina è troppa, si possono formare le antiestetiche macchie marroni sul viso. Per evitare o limitare il cloasma, è fondamentale difendere la pelle del viso con un filtro solare ad alta protezione, soprattutto al mare e in montagna ma anche in città nei mesi estivi. La prevenzione è fondamentale perché una volta che le macchie sono comparse, ci vuole tempo, anche anni, perché scompaiano.

Seno

Anche se un seno così bello come durante la gravidanza non l’hai mai avuto, evita il topless. Il seno inizia a modificarsi fin dai primi giorni di gestazione e bisogna fare attenzione a non interferire con questo processo necessario per la preparazione all’allattamento. Le radiazioni solari, per esempio, portano a una dilatazione dei capillari e dei dotti galattofori, i sottili canalini dove scorrerà il latte, con il rischio di congestionare la parte. Nella zona dell’areola, che nei mesi di gravidanza si ingrandisce e si scurisce, compaiono anche i dotti di Montgomery: ghiandole che funzionano come idratanti naturali, per tenere sempre ben nutrita e morbida questa parte. Il sole può modificare la produzione di sebo (grasso) di queste ghiandole, perché ne altera la composizione.

Gambe

Abbronzate sì, ma anche incredibilmente gonfie: questo può succedere alle gambe della futura mamma se sta troppo tempo al sole. Le radiazioni solari, infatti, oltre agli Uva e agli Uvb, comprendono anche gli infrarossi, i raggi responsabili del calore, che hanno effetto vaso-dilatatore, cioè tendono a dilatare i vasi sanguigni e linfatici. Già nei nove mesi sei più predisposta a soffrire di problemi di circolazione sanguigna, a causa degli ormoni della gravidanza e dell’ingombro del pancione, con la comparsa di gonfiori, capillari evidenti e varici (vene dilatate). L’esposizione prolungata al sole, quindi, rischia di peggiorare la stasi venosa, cioè il rallentamento della risalita del sangue dai piedi al cuore, rendendo le gambe gonfie e doloranti. Per ovviare a questo problema, basta non stare troppo a lungo sdraiate al sole cercando invece di muoversi il più possibile. Se sei al mare, un toccasana per le gambe è camminare sul bagnasciuga: l’acqua fresca stimola la circolazione.

 
 
 

In breve

AL SOLE CON GRADUALITÀ E SEMPRE PROTETTE

La prima e fondamentale regola per stare bene al sole è quella di esporsi con gradualità,  in quanto è inevitabile che l’esposizione improvvisa e massiccia alle radiazioni solari determina arrossamenti e scottature della pelle. Non solo. Per ridurre i possibili danni al derma, la parte profonda della pelle, è indispensabile utilizzare i prodotti con filtri solari. A base di sostanze naturali o di sintesi, questi filtri formano uno schermo alle radiazioni solari che difende la pelle nel breve e nel lungo periodo.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola le settimane di gravidanza

Calcola la data presunta del parto

Calcola il peso del feto

Calcola la lunghezza del feto

Scegli il nome del tuo bambino

Controlla i valori Beta HC

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Tutto è ok, ma la gravidanza non si annuncia

21/09/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Le ragioni per le quali una donna fatica a rimanere incinta sono numerose: l'età matura è una delle principali.   »

La mia gravidanza si è interrotta subito: quando riprovarci?

16/09/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Francesco Maria Fusi

Si può cercare un bimbo immediatamente dopo un aborto spontaneo, avvenuto nelle primissime settimane di gravidanza.   »

Sono incinta: posso continuare ad allattare?

14/09/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se lo si desidera, non c'è ragione di smettere di allattare quando inizia una nuova gravidanza.   »

Fai la tua domanda agli specialisti