Sport in gravidanza, meno rischi di cesareo

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 21/09/2016 Aggiornato il 21/09/2016

Ai tanti benefici documentati dello sport in gravidanza, oggi se ne aggiunge un altro: riduce il rischio di parto cesareo

Sport in gravidanza, meno rischi di cesareo

Lo sport in gravidanza riduce il rischio di parto cesareo e non aumenta le possibilità di andare incontro a un parto pretermine. È quanto emerge da una ricerca della Thomas Jefferson University (Stati Uniti). Gli studiosi hanno preso in esame 9 studi, analizzando più di duemila future mamme, metà delle quali aveva fatto esercizio fisico regolarmente per 10 settimane. Dai risultati è emerso che non vi era un aumento significativo delle nascite pretermine (prima di 37 settimane di gestazione) e il ricorso al cesareo era ridotto del 17%. 

Si rinuncia troppo spesso

Ci sono molte ragioni per cui in gravidanza si rinuncia a fare esercizio fisico: disagio, sensazione di fiato corto, aumento della stanchezza, ma sono anche tanti i motivi per cui è bene vincere queste resistenze e infilare le scarpe da ginnastica. Dallo studio, infatti, si evince che non solo lo sport durante la gravidanza riduce il rischio di parto cesareo, ma abbassa il rischio di ipertensione e diabete gestazionale, due condizioni molto pericolose. La prima infatti è un fattore di rischio per lo sviluppo di preeclampsia (detta “gestosi”) che, se non trattata, può evolvere fino a provocare parto prematuro o ritardo nella crescita del bebè. Il diabete gravidico, invece, può portare ad aborti spontanei e parti pretermine: si tratta di un’intolleranza allo zucchero che si presenta per la prima volta nel corso dei 9 mesi di attesa ed è causato da modificazioni ormonali legate alla gravidanza.

Tanti benefici

Muoversi un po’ tutti i giorni non è importante solo perché lo sport in gravidanza riduce il rischio di parto cesareo, ma anche perché stimola la circolazione, tonifica la muscolatura in vista del parto, favorisce la digestione, attenua il mal di schiena, stabilizza l’umore.

Controindicato solo in pochi casi

Lo studio americano sottolinea che, prese le dovute precauzioni, lo sport in gravidanza è sicuro: fondamentale scegliere l’abbigliamento giusto e scarpe comode. Controindicato solo in caso di gravidanza difficile, con complicazioni, oppure se in passato si sono avuti aborti spontanei, parti prematuri o gravidanze problematiche. 

 

 
 
 

In breve

IMPORTANTE SCEGLIERE QUELLO GIUSTO

Gli sport più indicati in gravidanza sono il nuoto, la camminata, lo stretching e la ginnastica dolce. Consigliati anche yoga  e pilates, con programmi specifici per future mamme, cyclette e corsi di aerobica a basso impatto (senza salti, slanci e corsa veloce).

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola le settimane di gravidanza

Calcola la data presunta del parto

Calcola il peso del feto

Calcola la lunghezza del feto

Scegli il nome del tuo bambino

Controlla i valori Beta HC

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

A letto da un mese per un distacco amniocoriale (eppure non serve, anzi)

01/07/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Il riposo assoluto a letto in caso di "distacco" non solo è inutile per assicurare una buona evoluzione della gravidanza, ma può addirittura rivelarsi controproducente in quanto può aprire la strada al rischio di trombosi a livello degli arti inferiori.   »

Sono incinta e non sono immune alla rosolia: è pericoloso fare il vaccino a mio figlio?

28/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dott.ssa Elena Bozzola

Nessuno studio ha mai evidenziato che un bimbo subito dopo essere stato vaccinato contro la rosolia possa trasmetterla. Di conseguenza, anche in gravidanza non si rischia nulla se si hanno contatti con un bambino appena vaccinato.  »

Continue infezioni delle vie urinarie: che fare?

27/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Nel caso in cui si vada incontro a numerose infezioni delle vie urinarie diventa necessario rivolgersi a uno specialista in urologia o uro-ginecologia per farsi indicare il percorso terapeutico più efficace e, quindi, risolutivo.   »

Fai la tua domanda agli specialisti