Sport in gravidanza mette di buon umore e toglie la stanchezza

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 03/10/2013 Aggiornato il 03/10/2013

Lo sport in gravidanza non solo è in grado di contrastare la depressione, ma rende anche meno stanche 

Sport in gravidanza mette di buon umore e toglie la stanchezza

Fare sport in gravidanza fa bene. Già, perché non solo è in grado di migliorare l’umore, ma ha anche il “potere” di alleviare il senso di stanchezza che spesso colpisce durante l’attesa. È questo l’incoraggiante risultato dello studio condotto dall’università canadese del Western Ontario e pubblicato dalla rivista scientifica Psychology & Health. Dunque, non c’è niente di meglio che cominciare a fare sport in gravidanza per stare bene con il corpo e con la mente.

Esercizi per un mese

I ricercatori canadesi hanno impegnato alcune donne incinte, precedentemente inattive, in un programma di quattro settimane di esercizi leggeri e i risultati sono stati significativi: tutte le partecipanti hanno mostrato miglioramenti nell’umore e hanno anche visto diminuire la stanchezza. Questo suggerisce che un po di attività fisica dovrebbe essere raccomandata a tutte durante la gravidanza.

Tanti vantaggi

L’esercizio fisico, infatti, favorisce la circolazione, permette di tenere il peso sotto controllo e prepara il corpo in vista del parto. Non bisogna dimenticare, però, che prima di iniziare un’attività sportiva, qualunque essa sia, è consigliabile parlarne prima con il ginecologo che ha il quadro completo della salute della gestante e può individuare eventuali controindicazioni. Con il via libera del medico, è possibile praticare l’attività sportiva che si faceva prima della gravidanza, anche nel primo trimestre, purché a ritmi più soft (chi, invece, non faceva sport è meglio che aspetti il secondo trimestre, quando la gravidanza è più “consolidata”).

 

In breve

ATTENZIONE ALLA SCELTA

Occorre evitare gli sport che hanno un alto rischio di caduta o che implicano contatti corpo a corpo, che potrebbero comportare colpi all’addome. Sono sconsigliate anche le attività che prevedono corse e salti perché possono aumentare la contrattilità uterina. No, pertanto, a sci, equitazione, scherma. In bicicletta si può andare, ma percorrendo strade poco trafficate e fino a quando il pancione non è molto ingombrante, mettendo a rischio l’equilibrio in sella. 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola le settimane di gravidanza

Calcola la data presunta del parto

Calcola il peso del feto

Calcola la lunghezza del feto

Scegli il nome del tuo bambino

Controlla i valori Beta HC

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

E’ gemellare la mia gravidanza?

29/11/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Arianna Prada

Per sapere se la gravidanza è gemellare nonché per capire se, eventualmente, è in evoluzione favorevole è necessario attendere che il tempo trascorra. Continuare a sottoporsi a controlli troppo presto non serve a ottenere risposte (ma ad aumentare l'ansia sì).   »

Pancione: quali traumi (urti, colpi, pressioni) possono danneggiare il bambino?

22/11/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Qualsiasi trauma addominale che provoca dolore deve essere sottoposto velocemente all'attenzione di un medico del pronto soccorso ostetrico.   »

Bimbo “atopico”: quali accorgimenti per controllare l’eczema?

22/11/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Floria Bertolini

La detrmatite atopica è una malattia cronica che va trattata con i farmaci (in particolare, creme cortisoniche) e controllata mettendo in pratica alcune strategie relative allo stile di vita.  »

Feto con un ventricolo cerebrale lievemente più grande

22/11/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Carlo Efisio Marras

Se le dimensioni dei ventricoli cerebrali sono maggiori dell'atteso, ma non superiori ai quelle ritenute normali non si è autorizzati a pensare a una patologia.   »

Fai la tua domanda agli specialisti