Yoga in gravidanza: niente più ansia e stress!

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 16/06/2014 Aggiornato il 16/06/2014

Lo yoga in gravidanza aiuta le future mamme a rilassarsi e a vivere meglio i nove mesi. In più, diminuisce il rischio di depressione 

Yoga in gravidanza: niente più ansia e stress!

Ormai da diverso tempo, gli esperti sostengono che lo yoga in gravidanza sia molto benefico, e non solo per alleviare il dolore del travaglio e prepararsi al parto. Ora è arrivata anche la conferma scientifica ufficiale. Secondo uno studio condotto da un team di ricercatori britannici, questa disciplina diminuisce l’ansia e lo stress che possono comparire in alcune gestanti.

Yoga per otto settimane

La ricerca è stata realizzata da un gruppo di studiosi dell’Università di Manchester e Newcastle e pubblicata sulla rivista scientifica Depression and Anxiety. Ha riguardato 59 donne incinta, suddivise in due gruppi. Uno è stato invitato a seguire un corso di yoga in gravidanza per otto settimane, mentre l’altro no. Tutte le partecipanti, sia durante sia dopo la gestazione, sono state sottoposte ad alcuni test in grado di valutarne lo stato psicologico e ad alcuni esami del sangue.

Meno ansia e stress

Dall’analisi dei risultati è emerso che la pratica dello yoga in gravidanza si associava a benefici significativi dal punto di vista emotivo. Infatti, le donne che si sono dedicate a questa attività, rispetto alle altre, hanno avuto minori problema di ansia e di stress nei nove mesi. Più precisamente, si è visto che con una singola lezione di yoga l’ansia si riduceva di un terzo e il cortisolo, il cosiddetto “ormone dello stress”, del 14%. I risultati sono stati simili sia dopo la prima sessione sia al termine delle otto settimane di corso e si sono protratti anche dopo la nascita del bebè.

Effetti anche per il piccolo

I benefici, però, non riguardano solo la mamma. Infatti, secondo gli esperti l’ansia e lo stress in gestazione si associano a parto prematuro, basso peso alla nascita, oltre che a problemi comportamentali nel bambino. Contenerli, dunque, significa anche ridurre le probabilità di questi disturbi. “Questo studio mostra che le donne incinte possono essere in grado di utilizzare lo yoga per ridurre la sensazione di stress, ansia e depressione, che a sua volta può aiutare a impedire loro di sviluppare la depressione post-partum” hanno commentato gli autori.

In breve

ESISTE UNA VERSIONE PER I NOVE MESI

Lo yoga prevede tecniche di rilassamento e di respirazione, oltre che posture che possono essere tranquillamente adattate per le donne incinta. 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola le settimane di gravidanza

Calcola la data presunta del parto

Calcola il peso del feto

Calcola la lunghezza del feto

Scegli il nome del tuo bambino

Controlla i valori Beta HCG

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Mal di gola che ritorna dopo la cura con antibiotico

28/02/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

A fronte di un mal di gola che si ripresenta dopo quattro giorni dal termine della cura con antibiotico è opportuno fare un tampone per escludere la responsabilità dello streptococco.   »

PMA e perdite marrone dopo il transfer

28/02/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Francesco Maria Fusi

In un terzo delle gravidanze iniziate grazie alla procreazione medicalmente assistita si manifestano perdite che però non hanno significato né valore prognostico.   »

Aborto spontaneo: l’espulsione potrebbe non avvenire naturalmente?

26/02/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Dopo un mese da un'interruzione spontanea della gravidanza, se l'utero non si è ripulito spontaneamente, è prassi intervenire con il raschiamento. A volte, in alternativa, è possibile anche impiegare i farmaci.  »

Si può concepire di nuovo prima del capoparto?

12/02/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

La prima ovulazione dopo il parto può verificarsi quando ancora non si sono ripresentate le mestruazioni e questo vale anche se si allatta, quindi è possibile avviare una gravidanza prima che si manifesti il capoparto.   »

Fai la tua domanda agli specialisti