Calcolo peso ideale: quanto si deve ingrassare in gravidanza?

Silvia Finazzi A cura di Silvia Finazzi Pubblicato il 21/09/2022 Aggiornato il 21/09/2022

Il peso non deve diventare un’ossessione durante la gravidanza. Però è importante non esagerare. Ecco come procedere per il calcolo del peso ideale

calcola in peso ideale in gravidanza

C’è chi pensa che in gravidanza tutti gli strappi a tavola siano concessi o quasi, ma in realtà non è affatto così. Non è vero che una donna incinta può mangiare liberamente per due e assecondare tutte le sue voglie. Al contrario, è importante che le future mamme seguano un’alimentazione sana e bilanciata e non esagerino. Ma quanto si può ingrassare nei nove mesi? Ecco come fare il calcolo del peso ideale in gravidanza.

Quanto mangiare in gravidanza?

Durante la gravidanza è necessario prestare ancora più attenzione del solito alla propria dieta perché le esigenze nutrizionali cambiano. Non si può esagerare, ma non bisogna nemmeno rischiare di cadere nell’estremo opposto: essere ossessionate dai chili presi e limitarsi per paura di ingrassare troppo. Sia l’organismo della donna sia quello in via di formazione del feto hanno bisogno di energia e nutrienti: non si può pensare, quindi, di mangiare poco. In linea di massima, il fabbisogno calorico giornaliero è di 350 kcal nel secondo trimestre e 460 kcal nel terzo trimestre.

L’ideale è introdurre tutti i principali gruppi nutrizionali, in quantità leggermente superiori al solito, circa il 10% in più: carboidrati, preferendo quelli provenienti da cereali integrali; proteine, privilegiando quelle vegetali; e grassi, con una netta predilezione per quelli insaturi (e in particolare per l’olio di oliva).

 Come calcolare il peso da prendere in gravidanza?

Secondo gli esperti, una donna di corporatura e peso normali, con una gravidanza che procede normalmente, dovrebbe accumulare al massimo 12-13 chili durante le 40 settimane di gestazione. Invece una donna che era già in sovrappeso prima di rimanere incinta non dovrebbe aumentare più di 6-11 chili (dipende dal peso di partenza). Le donne sottopeso, infine, dovrebbero aumentare fino a 18 kg.

Tuttavia, non bisogna essere troppo rigidi perché ogni corpo, ogni gravidanza e ogni storia sono a sé. In ogni caso prendere 15 kg mangiando in modo sano è differente dal prenderne 10 mangiando qualsiasi cosa. 

 

 

 

 
 
 

In sintesi

Quando si inizia a prendere peso in gravidanza?

In genere, l’incremento di peso inizia a essere evidente nel secondo trimestre, in particolare dal quinto mese in poi.

Quanti chili si perdono subito dopo il parto?

In genere, con il parto si perdono 6-8 chili, corrispondenti al peso del bambino e ai liquidi. Tuttavia, è importante non essere ossessionati dal peso.

 

Fonti / Bibliografia

  • Aumento di peso in gravidanza: quanti chili in più? - Humanitas San Pio XL’idea di aumentare di peso spaventa diverse donne all’inizio della gravidanza; molte poi temono di non riuscire a tornare in forma dopo il parto. Sono paure comuni e legittime, da non criticare né sminuire. Se da un lato l’aumento di peso corporeo in gravidanza è del tutto naturale, dall’altro è bene ricordare che uno stile […]
Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola le settimane di gravidanza

Calcola la data presunta del parto

Calcola il peso del feto

Calcola la lunghezza del feto

Scegli il nome del tuo bambino

Controlla i valori Beta HCG

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Feto che cresce poco: può avere anomalie?

19/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Faustina Lalatta

Non è possibile stabilire se il feto abbia malformazioni o sia interessato da un'alterazione cromosomica semplicemente basandosi sul fatto che la sua crescita è al 3° percentile. Oggi si dispone di indagini di screening che possono dare informazioni sulla sua salute, ma se si decide di non effettuarle...  »

Bimba che dopo l’addio al pannolino si rifiuta di fare la cacca: che fare?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

Un piccolo rituale da osservare all'occorrenza, qualche accorgimento per rendere il momento confortevole, uniti a tanta pazienza e a un atteggiamento sereno a poco a poco riescono a indurre il bambino a utilizzare il vasino e, più avanti, la tazza del wc.  »

Dopo un aborto spontaneo quanto tempo ci vuole per cominciare un’altra gravidanza?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Augusto Enrico Semprini

Se un primo concepimento è avvenuto in pochi mesi, ci sono altissime probabilità (addirittura il 100%!) di avviare una nuova gravidanza entro sei mesi dall'aborto spontaneo.   »

Non mangiare frutta e verdura durante la gravidanza può essere pericoloso?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se si teme una carenza di vitamina C perché con l'inizio della gravidanza è nata un'avversione verso la frutta e la verdura, si può correre ai ripari assumendo quotidianamente, per esempio, spremute di agrumi o kiwi, che ne sono ricchissimi.   »

Gambe sollevate in gravidanza: possono aver danneggiato il bambino?

08/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Durante la gravidanza, quando preoccupazioni che oggettivamente non hanno ragione di sussistere non danno tregua, mantenendo la futura mamma in uno stato ansioso costante, può senz'altro essere opportuno ricorrere all'aiuto di uno psicoterapeuta. Le continue paure ingiustificate possono, infatti, essere...  »

Si può ridatare la gravidanza una seconda volta?

14/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La ridatazione ecografica può essere eseguita una volta sola nel primo trimestre (quando c'è più di una settimana di differenza tra il calendario ostetrico e le dimensioni effettive del feto), dopodiché se il bambino risulta più piccolo dell'atteso non si può più attribuire il dato a un concepimento...  »

Fai la tua domanda agli specialisti