Cannabis in gravidanza danneggia il feto come l’alcol e la cocaina

Miriam Cesta A cura di Miriam Cesta Pubblicato il 04/12/2019 Aggiornato il 04/12/2019

La cannabis in gravidanza modifica nel bebè la regione cerebrale che gestisce le emozioni, il piacere e diverse funzioni cognitive

Cannabis in gravidanza danneggia il feto come l’alcol e la cocaina

Se la futura mamma fuma cannabis in gravidanza i danni che vengono procurati al feto sono del tutto paragonabili a quelli indotti dalla cocaina e dall’alcol. La notizia arriva da uno studio pubblicato su Nature Neuroscience dai ricercatori dell’Università di Cagliari guidati da Miriam Melis, che hanno lavorato in collaborazione con l’Accademia delle Scienze Ungheresi a Budapest e l’Università del Maryland a Baltimora.

Modifica il cervello del nascituro

I risultati della ricerca mettono in evidenza come durante la gravidanza l’uso della cannabis e in particolare l’esposizione al suo principale componente psicoattivo – il tetraidrocannabinolo, in sigla Thc – modifichi nel nascituro – allo stesso modo di cocaina e alcol – la regione cerebrale importante per le emozioni, il piacere e le diverse funzioni cognitive, rendendo la prole suscettibile ai suoi effetti sulla psiche – agitazione eccessiva, incapacità a valutare i rischi, difficoltà nel mantenere l’attenzione e nel prendere decisioni – già durante i primi anni di vita e la preadolescenza.

Rimedio per la nausea

Una scoperta molto importante, spiega la prima autrice dello studio, perché la cannabis è la droga illegale più usata nel mondo dalle donne incinte, a volte assunta come rimedio per la nausea o per l’ansia. E perché la crescente legalizzazione della cannabis ha portato a una diffusa percezione di una sua sostanziale innocuità, mentre innocua certamente non può essere considerata dalle donne in dolce attesa dal momento che, come sottolinea Melis, “se assunta durante la gravidanza può modificare un’area cerebrale molto importante del feto”.

Cinque anni di ricerche

Lo studio, iniziato nei laboratori del Dipartimento di Scienze Biomediche dell’Università di Cagliari nel 2014, ha visto successivamente il coinvolgimento dei due centri di ricerca internazionali ed è stato finanziato dal National Institute on Drug Abuse statunitense.

 

 

Da sapere!

Gli autori dello studio auspicano che la loro scoperta aiuti il processo di consapevolezza riguardo le conseguenze negative dell’uso della cannabis in gravidanza sullo sviluppo del sistema nervoso centrale dei bambini.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Non sento il bimbo muoversi: perché?

09/12/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Fino alla 23ma settimana di gravidanza può essere difficile sentire i movimenti del bambino, ma di qui a poco si riusciranno a percepire in modo inequivocabile.   »

HPV ad alto rischio oncogeno: come avviene il contagio?

03/12/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dott.ssa Elena Bozzola

La trasmissione del Papilloma virus responsabile del carcinoma della cervice avviene quasi esclusivamente per via sessuale.   »

Vaccinazione anti-rotavirus: la ricerca dice sì, senza alcun dubbio sì

27/11/2019 Gli Specialisti Rispondono di Professore Alberto Villani

Gli ultimi studi compiuti in modo serio e rigoroso sulla vaccinazione antirotavirus hanno evidenziato che si tratta di uno strumento più che sicuro (e prezioso) per la salvaguardia della salute dei piccolini.  »

Fai la tua domanda agli specialisti