Cantare al pancione: il bebè piangerà di meno

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 28/04/2017 Aggiornato il 28/04/2017

Le mamme che cantano ninna nanne e canzoncine al loro bimbo quando è ancora nel pancione lo aiuteranno a piangere meno una volta nato. Ecco perché

Cantare al pancione: il bebè piangerà di meno

Il legame fra una mamma e il suo bambino è davvero unico e speciale. Cresce giorno dopo giorno, fin dalla gravidanza. E, infatti, numerosi studi hanno dimostrato che i comportamenti assunti nei nove mesi hanno molte ripercussioni sul bebè. Anche cantare al pancione è un’abitudine che lascia il segno, sia nel breve sia nel lungo periodo. La conferma arriva da una ricerca condotta da un team di studiosi italiani, dell’università di Milano-Bicocca, pubblicata sulla rivista “Women and Birth”.

Studiati i comportamenti delle future mamme…

Lo studio ha coinvolto 168 donne, che al momento dell’arruolamento erano incinte da 24 settimane. Tutte sono state seguite fino a qualche mese dopo il parto. Gli esperti le hanno invitate a rispondere ad alcuni questionari riguardanti i comportamenti assunti durante la gestazione e dopo la nascita del piccolo. In particolare, hanno chiesto loro se avessero l’abitudine o meno di cantare al pancione e al neonato. Sulla base delle loro attitudini le hanno divise in due gruppi: il primo era composto da 83 donne che rivolgevano spesso ninna nanne e altre canzoncine al bimbo dentro e fuori l’utero, l’altro invece da 85 donne “silenziose”.

… e dei loro bebè

Una volta nati i bambini, gli studiosi hanno osservato i loro comportamenti. Inoltre, hanno chiesto alle mamme di descrivere indole, atteggiamenti, abitudini dei bebè. Lo scopo era capire se i figli delle donne “canterine” si comportassero allo stesso modo di quelli delle altre. Non solo. Gli autori hanno anche valutato il legame mamma-bambino prima e dopo la nascita, attraverso due misurazioni scientifiche: il Prenatal attachment inventory (Pai) e la scala Mother-to-infant bonding scale (Mibs).

Più canto, meno pianto

Dall’analisi dei risultati è emerso che effettivamente cantare al pancione e al bebè produce diversi effetti. In primo luogo rafforza il rapporto mamma-bebè: se nei due gruppi non sono state rilevate differenze significative sull’attaccamento prenatale, era invece evidente un maggiore attaccamento alla mamma nei primi tre mesi di vita dei piccoli cresciuti con le ninna nanne. Più basso anche lo stress materno percepito (29,6% contro 36,5%). In secondo luogo, i bimbi nati dalle donne che durante la gravidanza e dopo il parto erano solite intonare canzoni e ninna nanne tendevano a piangere di meno dei loro coetanei. In particolare, gli studiosi hanno calcolato che l’incidenza di vagiti nel primo mese di vita era pari al 18,5% nel gruppo di bimbi nati da mamme canterine, mentre saliva al 28,2% nei bimbi che non erano stati esposti al canto materno.

Effetti benefici anche sulle coliche

Le coccole sonore hanno avuto effetti benefici anche nei confronti delle tanto temute coliche gassose. Infatti, gli esperti hanno notato che i bimbi che avevano potuto godere del canto materno, in caso di crisi, nel primo mese  di vita piangevano per circa un quarto del tempo rispetto agli altri. Risultati positivi si sono registrati anche nel secondo mese di vita.

 

 

 
 
 

In breve

FA BENE ANCHE AL SONNO

Cantare al pancione può avere effetti positivi anche sul sonno del bebè. Infatti, nei figli delle donne che cantavano durante e dopo la gravidanza il tasso di risvegli è stato pari all’1,5%, mentre nei bimbi nati da donne poco canterine è stato pari al 4,5%.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola le settimane di gravidanza

Calcola la data presunta del parto

Calcola il peso del feto

Calcola la lunghezza del feto

Scegli il nome del tuo bambino

Controlla i valori Beta HC

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

La “piaghetta” del collo dell’utero ostacola il concepimento?

05/03/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

L'ectropion della cervice non ostacola la possibilità di dare inizio a una gravidanza.   »

L’amore per la mamma è “automatico”?

01/03/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

L'amore che un piccolissimo prova per la madre è legato al fatto che è la madre a prendersi principalmente cura di lui.  »

Iperattivita e prodotti omeopatici

16/02/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

L'iperattività (se di iperattività si tratta davvero) è segno di una malattia seria, non si può pensare di affrontarla con il fai-da-te.   »

Fai la tua domanda agli specialisti