Carie nei bambini: si combatte già nel pancione

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 11/10/2016 Aggiornato il 11/10/2016

La salute dei denti comincia in gravidanza perché la lotta alla carie nei bambini prima comincia, meglio è

Carie nei bambini: si combatte già nel pancione

La salute dentale dei bambini ha inizio già durante la gravidanza: grazie, infatti, a una accurata e specifica prevenzione effettuata dalla futura mamma durante i nove mesi si svilupperebbero molte meno carie nei bambini.

Sottovalutati i problemi ai denti

Secondo una recente ricerca effettuata negli Usa dall’istituto Cigna, più del 40% delle donne, non si sottopone ad alcuna visita di controllo per mancanza di tempo, scorretta informazione o per motivi economici,  sebbene il 76% del campione confermi di aver sofferto di gengive sanguinanti o mal di denti nei nove mesi e solo poco più della metà possa vantare una salute orale “molto buona” o “eccellente”. Più di un terzo del campione, il 36%, afferma, infine, che dall’ultima visita dentistica è passato più di un anno.

Cambiamenti ormonali e denti

I cambiamenti ormonali durante la gravidanza,  possono peggiorare alcune malattie orali. Se, a questa condizione, si aggiunge una minore attenzione all’igiene dentale, una particolare dieta e l’uso di alcune medicine, allora il quadro generale può diventare preoccupante. Alcuni farmaci, infatti, possono rendere la bocca secca, causando così un aumento della carica batterica e problemi ai denti e alle gengive. Inoltre, una dieta ricca di zuccheri e amidi può aumentare l’insorgenza della placca e, dunque, possibili problemi allo smalto.

Una corretta educazione orale

Dalla ricerca americana è emerso come, una corretta informazione sull’educazione orale da parte del ginecologo o del pediatra, possa aiutare concretamente a prevenire le più comuni malattie dentali: solo il 43% delle donne che non ha discusso di salute dentale durante le visite ginecologiche ha poi fatto una visita odontoiatrica dopo il parto, contro il 63% di quelle che hanno affrontato la questione. Molte neomamme, più di un terzo delle intervistate (36%), affermano di aver meno cura dell’igiene dentale rispetto al periodo pre-gravidanza, principalmente per mancanza di tempo.

Il ruolo del pediatra

Anche i pediatri possono fare molto per contribuire alla buona salute orale dei nascituri, considerando che ben il 34% del campione di future mamme afferma di non aver ricevuto consigli in tal senso. Solo il 50% delle mamme, infatti, pulisce le gengive del neonato ogni giorno, mentre la percentuale sale al 65% se il pediatra ha consigliato loro di farlo.

 

 

In breve

IGIENE ORALE FIN DA SUBITO

Una volta spuntati i primi dentini, si può cominciare a lavarli con un spazzolino specifico per i più piccoli, anche per insegnare al bambino la “ritualità” di un gesto che deve diventare un’abitudine quotidiana.

 

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola le settimane di gravidanza

Calcola la data presunta del parto

Calcola il peso del feto

Calcola la lunghezza del feto

Scegli il nome del tuo bambino

Controlla i valori Beta HC

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Bimbo di sette mesi che fa … jumping

03/06/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

Non è una buona idea far saltare il bambino tenendolo sotto le ascelle: molto meglio lasciarlo libero a terra, in attesa che impari a gattonare.  »

Educazione di una piccina: quali istruzioni vanno seguite?

27/05/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

I bambini non sono robot: non ci si può aspettare che basti impartire una semplice dritta per ottenere i comportamenti desiderati.   »

Fertilità della donna dopo i 40 anni: cosa la influenza?

19/05/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Francesco Maria Fusi

L'età anagrafica condiziona fortemente la possibilità di concepire. Ma non solo: altri fattori entrano in gioco e tra questi c'è il peso corporeo.  »

Fai la tua domanda agli specialisti