Quando serve il cerchiaggio in gravidanza?

Paola Risi A cura di Paola Risi Pubblicato il 30/09/2022 Aggiornato il 30/09/2022

Il cerchiaggio in gravidanza può aiutare a evitare il parto prematuro quando il collo dell’utero è debole e c’è il rischio che non “tenga” fino alla fine della gestazione

donna dal medico per il cerchiaggio

Il cerchiaggio è la piccola operazione chirurgica che la gestante può subire allo scopo di rinforzare la tenuta del collo dell’utero (la parte che collega la cavità uterina, in cui cresce il feto, alla vagina) nel caso la dilatazione abbia inizio prima del termine della gravidanza (ovvero entro la 38a settimana): per non correre il rischio di aborto o di parto fortemente prematuro, infatti, è necessario che la sua chiusura risulti ben salda fino a questa scadenza.

Come evitare l’accorciamento del collo dell’utero?

L’intervento consiste nell’applicazione di un nastrino da stringere attorno al collo dell’utero e può essere prescritto dal ginecologo in presenza di incontinenza cervicale, una complicanza che interessa meno dell’1 per cento delle gravidanze ma che tende a ripresentarsi nelle gravidanze successive, associata alla dilatazione precoce del canale cervicale che risulta quindi inadeguato a sostenere il “carico” contenuto del pancione e comincia a dilatarsi a partire dalla fine del primo trimestre di attesa, quando la pressione esercitata da questo peso inizia a divenire rilevante.

Cos’è l’incontinenza cervicale?

All’origine di questo disturbo possono essere indicati diversi fattori tra cui:

  • un’anomalia congenita (ovvero presente sin dalla nascita) del canale cervicale;
  • un problema causato da un pregresso intervento (quale un raschiamento o un parto che abbia danneggiato le pareti interne dell’utero);
  • una pressione eccessiva sul collo dell’utero dovuta a un carico intenso (per esempio in caso di gravidanza gemellare).

Nel corso delle visite periodiche il ginecologo ha modo di controllare le condizioni del canale cervicale e riconoscere alcuni segnali d’allarme:

  • l’eccessivo e/o precoce accorciamento e ammorbidimento del canale cervicale;
  •  la comparsa di contrazioni uterine anche lievi (simili ai crampi mestruali);
  •  la presenza di perdite vaginali rosate.

Queste condizioni possono correlarsi a un avvio anticipato della dilatazione cervicale e, in questo caso, il ginecologo tende a prescrivere farmaci mirati a ridurre le contrazioni (per esempio, la vasosuprina) oltre al riposo assoluto.
Nel caso tali rimedi non risultino efficaci e la gravidanza abbia oltrepassato la 13a settimana, potrebbe invece decidere di intervenire con un cerchiaggio, il che avviene quasi sempre se la gestante ha subito un precedente aborto per incontinenza cervicale.

 

 
 
 

In sintomi

Come si fa il cerchiaggio in gravidanza?

L’intervento, da effettuarsi in anestesia (di solito spinale), dura circa 15 minuti e viene praticato dal ginecologo secondo questa procedura:
– un nastro largo circa 5 millimetri in materiale sintetico viene “infilato” lungo il bordo del collo dell’utero in base alla tecnica “a borsa di tabacco” (in vari punti);
– il nastro viene poi stretto e annodato per chiudere il canale cervicale e impedire che se ne riavvii la dilatazione.
Al termine della 35a settimana (ossia una volta completato lo sviluppo del feto) il nastro viene rimosso per permettere alla cervice di riprendere ad accorciarsi e dilatarsi in previsione dell’imminente nascita del piccolo: in questa fase conclusiva la futura mamma può in genere condurre una vita normale, avendo però cura di evitare sforzi eccessivi e attività fisiche che possano associarsi ad urti all’addome.

 

Fonti / Bibliografia

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola le settimane di gravidanza

Calcola la data presunta del parto

Calcola il peso del feto

Calcola la lunghezza del feto

Scegli il nome del tuo bambino

Controlla i valori Beta HC

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Gravidanza e vaccino contro difterite-tetano-pertosse: il richiamo va fatto ogni volta?

06/12/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Il richiamo del vaccino trivalente DTP è raccomandato a ogni nuova gravidanza per garantire al nascituro un "bagaglio immunitario" in grado di proteggerlo da difterite, tetano, pertosse fino a quando non verrà sottoposto lui stesso alla vaccinazione.  »

Sono davvero a rischio di diabete gestazionale?

01/12/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

Quando si inizia la gravidanza in una condizione di obesità e, in più, si aumenta di peso rapidamente già a partire dal primo trimestre il rischio di sviluppare il temibile diabete gestazionale diventa alto, soprattutto se l'esame della curva da carico di glucosio evidenzia un'iperproduzione di insulina....  »

Donna Rh negativo: anche dopo un aborto si sviluppano anticorpi contro il sangue Rh positivo?

30/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Esiste un esame che permette di appurare se la donna ha sviluppato anticorpi contro il fattore Rh positivo: si chiama Test di Coombs indiretto e si esegue come un normale prelievo di sangue.  »

Pap test in gravidanza: conviene farlo?

28/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Posto che è il ginecologo curante a dover decidere l'intervallo di tempo tra un pap test e l'altro, in base al risultato ottenuto l'ultima volta che è stato effettuato, in generale non occorre farlo in gravidanza, se sono passati meno di tre anni dall'ultimo.   »

Fai la tua domanda agli specialisti