Cisti ovariche: ecco come si scoprono

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 29/10/2014 Aggiornato il 29/10/2014

Per le cisti ovariche, la diagnosi si basa sulla visita specialistica e l’ecografia transvaginale. In alcuni casi però, servono anche altri esami

Cisti ovariche: ecco come si scoprono

Non sempre le cisti ovariche causano sintomi. Ecco perché può succedere che vengano scoperte per caso, durante controlli di routine o eseguiti per altri disturbi. In ogni caso, il percorso da seguire poi non cambia.

Ce ne sono di 4 tipi

Le cisti ovariche sono formazioni rotondeggianti, contenenti materiale liquido o semi solido, che compaiono sulla superficie o nei tessuti interni delle ovaie. Gli esperti ne distinguono quattro tipi fondamentali:

cisti follicolari, che si formano in seguito alla mancata rottura del follicolo, la struttura cava che si trova nell’ovaio e che si rompe per far fuoriuscire la cellula uovo pronta per essere fecondata;

cisti luteiniche, che derivano dalla trasformazione in ciste del corpo luteo. Quest’ultimo è la struttura che rimane sulla superficie dell’ovaio una volta che il follicolo si è rotto e che è destinata ad atrofizzarsi fino a scomparire;

cisti endometriosiche, che derivano dall’endometriosi, una malattia caratterizzata dalla diffusione di alcune cellule dell’endometrio (il rivestimento interno dell’utero) in sede anomala, come nell’ovaio;

ovaio policistico, un aumento dell’ovaio accompagnato dalla formazione di tante piccole cisti sulla sue superficie (esterna e interna).

Dal ginecologo per visita ed ecografia

In caso si sospetti la presenza di cisti ovariche è bene rivolgersi al ginecologo. Lo specialista esegue innanzitutto una visita, per ispezionare l’addome, le pelvi, il seno, i linfonodi. In questo modo può capire se c’è qualcosa che non va. Per avere la certezza, richiede quasi sempre un’ecografia transvaginale. Si tratta di un esame molto semplice: in pratica, consiste nell’introduzione nella vagina di una piccola sonda cosparsa di gel lubrificante che emette ultrasuoni. Questo permette all’operatore di vedere su uno schermo l’apparato genitale femminile interno. Rispetto all’ecografia pelvica classica, è forse leggermente più fastidiosa, ma non necessita di avere la vescica piena e permette di raccogliere un maggior numero di informazioni. L’ecografia può essere abbinata anche alla tecnica eco-color-doppler, che misura il flusso del sangue nella zona interessata. Ciò consente di capire l’origine della cisti.

Nei casi dubbi la laparascopia

Può capitare che sia necessario eseguire ulteriori accertamenti. Innanzitutto, il ginecologo può prescrivere una laparoscopia, che è una metodica diagnostica e curativa insieme. In pratica, attraverso tre piccole incisioni nell’addome, si introduce una sonda ottica che permette di visualizzare le ovaie ed eventualmente di asportare le piccole cisti.

Talvolta la risonanza magnetica

Più raramente, si richiede una risonanza magnetica o Rm. È una moderna tecnica diagnostica che fornisce immagini dettagliate del corpo umano. Prevede l’utilizzo di uno speciale macchinario che emette onde radio e campi magnetici al corpo della persona, inserito in un grande magnete: i dati vengono trasformati da un computer in immagini anatomiche delle porzioni analizzate, visualizzate attraverso un monitor.

Più raramente la Tac

La Tac è un esame diagnostico che si basa sull’uso di raggi X. Lo svolgimento è relativamente semplice. La persona viene invitata a stendersi su un lettino e a rilassarsi, riducendo al minimo i movimenti. Il lettino viene fatto scorrere di un’apposita apparecchiatura, mentre un tubo, fonte dei raggi X, ruota attorno alla parte da esaminare e raccoglie, attraverso un particolare sistema elettronico di registrazione, centinaia di immagini. Le immagini vengono poi elaborate da un apposito programma informatico e ricostruite in maniera tridimensionale.

Anche durante la gravidanza

È possibile che una donna rimanga incinta e allo stesso tempo manifesti una o più cisti. Non sempre, infatti, la presenza di cisti ostacola il concepimento. In questo caso, la diagnosi si basa quasi sempre sull’ecografia: Tac e Rm sono sconsigliate, se non strettamente necessarie. 

In breve

LE SOLUZIONI

Se la cisti all’ovaio provoca disfunzioni ovariche e irregolarità mestruali è necessaria una cura a base di ormoni. Nel caso in cui la cisti sia di dimensioni notevoli o sia di natura maligna, e in base anche all’età della donna, è necessario intervenire per asportarla.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola le settimane di gravidanza

Calcola la data presunta del parto

Calcola il peso del feto

Calcola la lunghezza del feto

Scegli il nome del tuo bambino

Controlla i valori Beta HC

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Ovaio policistico a 20 anni: in quanto tempo gli integratori fanno effetto?

19/05/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Nessun preparato compie miracoli: per contrastare la sindrome dell'ovaio policistico che viene messa in relazione con il sovrappeso è necessario prima di tutto modificare il proprio stile di vita, a partire dall'alimentazione.  »

Quali regole per prevenire la toxoplasmosi?

19/05/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Le regole che consentono di evitare il contagio da parte del Toxoplasma sono semplicissime ed efficaci.   »

Bimbo di sette mesi con un “buchetto” sopra il sederino: è preoccupante?

16/05/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Alessia Bertocchini

La presenza di una fossetta sacro-coccigea a fondo cieco, se non è associata ad altri segnali che possano far pensare a un problema della colonna vertebrale, non è significativa.   »

Fai la tua domanda agli specialisti