Contrazioni preparatorie: quando iniziano e come riconoscerle?

Francesca Scarabelli A cura di Francesca Scarabelli Pubblicato il 14/03/2024 Aggiornato il 14/03/2024

Molte donne in dolce attesa sperimentano delle contrazioni uterine molto prima del momento del parto. Si tratta delle contrazioni preparatorie, o contrazioni di Braxton-Hicks, che servono a preparare l'utero al parto.

Contrazioni preparatorie

Il corpo di una futura mamma sperimenta diversi cambiamenti durante i mesi di gestazione per poter sostenere al meglio la crescita del proprio bambino e per prepararsi al momento del parto. Molte donne in dolce attesa si stupiscono e si preoccupano quando, già a partire dal secondo trimestre di gravidanza, cominciano ad avvertire dei piccoli crampi all’addome, chiedendosi se non sia troppo presto per avere delle contrazioni. In realtà si tratta di un fenomeno del tutto normale: sono le cosiddette contrazioni preparatorie, chiamate anche contrazioni di Braxton Hicks, che preparano il corpo al parto senza mettere a rischio il bimbo.

Quando iniziano le contrazioni preparatorie?

Le prime contrazioni possono essere un motivo di allarme per molte donne, soprattutto per quelle alla loro prima gravidanza, principalmente per il fatto che si possono verificare a partire addirittura da metà gravidanza. Le contrazioni uterine, chiamate anche contrazioni di Braxton-Hicks, si verificano però nella maggior parte dei casi intorno alla 32esima settimana di gravidanza, ma talvolta possono essere avvertite già a partire dal quinto o dal sesto mese. In questo caso si tratta di contrazioni preliminari, che solo molto più avanti si trasformeranno in contrazioni preparatorie al parto e poi in doglie vere e proprie. La sensazione è quella di un crampo all’addome simile a quelli che si sperimentano nel periodo delle mestruazioni, mentre la pancia si indurisce. È semplicemente la muscolatura che “si allena” per il parto, contraendosi e rilassandosi per effetto di diversi ormoni come ad esempio l’ossitocina e le prostaglandine. Non è detto che tutte le donne in dolce attesa abbiano le contrazioni di Braxton-Hicks, come non è scontato che si riesca sempre ad avvertirle: alcune gestanti se ne accorgono soltanto durante il monitoraggio cardiotocografico nelle ultime settimane di gravidanza.

Contrazioni preparatorie

Foto di Greyerbaby da Pixabay

Contrazioni di Braxton Hicks

La sensazione della pancia che si indurisce e si contrae in maniera non dolorosa e ad intervalli irregolari è tipica delle contrazioni di Braxton-Hicks, che costituiscono un lento allenamento del corpo della futura mamma per il parto: i muscoli uterini si rafforzano e aumenta i flusso di sangue verso la placenta. Queste contrazioni uterine vengono indotte da un ormone, l’ossitocina, e si verificano in maniera spontanea, anche se ci sono delle situazioni che possono favorirne la comparsa:

  • movimenti fetali;
  • vescica molto piena;
  • urti accidentali al pancione;
  • stimolazione sessuale;
  • disidratazione;
  • stanchezza eccessiva.

Come riconoscere le contrazioni e cosa fare

La contrazioni preparatorie si presentano come spasmi isolati dei muscoli dell’utero; non hanno quindi una frequenza e un ritmo precisi come le contrazioni del travaglio. Cominciano solitamente come un irrigidimento della parte superiore dell’utero, sensazione che poi si estende verso i lati e verso il basso e l’inguine. La sensazione per alcune donne è simile a quella dei crampi mestruali; allo stesso tempo si possono presentare anche dolori lombari e indurimento del pancione, che può muoversi in maniera anche visibile. In genere non provocano forti dolori, ma solo un senso di fastidio (anche se la percezione del dolore è diversa per ognuna di noi) e soprattutto non provocano una dilatazione.

Come distinguere le contrazioni preparatoria da quelle del travaglio?

Molte future mamme si chiedono come distinguere le contrazioni di Braxton-Hicks da quelle del parto. Ci sono alcuni segnali che si possono prendere in considerazione, anche se in caso di dubbio il proprio punto di riferimento dovrà sempre essere il medico o il ginecologo:

  • le contrazioni preparatorie sono fastidiose, ma non dolorose come le contrazioni vere e proprie che precedono il parto;
  • avvengono a intervalli irregolari e discontinui;
  • si verificano al massimo tre volte in un’ora;
  • tendono ad attenuarsi progressivamente anziché intensificarsi;
  • non ci sono effetti sul collo dell’utero, quindi non avviene alcuna dilatazione della cervice;
  • si attenuano o spariscono se la futura mamma cambia posizione, si sdraia oppure cammina.
Contrazioni preparatorie

Foto di u_96tmu9c4 da Pixabay

Durata, frequenza e quando andare in ospedale

Le contrazioni uterine preparatorie possono durare circa 30-60 secondi e avvengono a intervalli irregolari e non ravvicinati tra di loro, in genere distanziati di almeno 15 minuti su un arco di tempo che può durare fino a tre ore, per poi cessare improvvisamente. Questi segnali del proprio corpo non devono preoccupare, a meno che non si presentino insieme ad altri sintomi come, ad esempio:

  • forti dolori addominali;
  • sanguinamenti o perdite vaginali;
  • emorragie;
  • riduzione dei movimenti del bambino.

In questi casi la cosa migliore è quella di avvertire immediatamente il proprio medico o il proprio ginecologo.

Cosa fare per attenuare le contrazioni di Braxton-Hicks?

Le contrazioni preparatorie di solito non sono dolorose, ma si può comunque alleviarne il fastidio con qualche piccolo accorgimento:

  • cambiare posizione o camminare;
  • sdraiarsi e riposare;
  • controllare la respirazione;
  • sorseggiare una bevanda calda;
  • fare un bagno con acqua tiepida o una doccia, ma solamente se non si è da sole in casa;
  • bere un paio di bicchieri di acqua.

In copertina foto di fezailc da Pixabay

 
 
 

In breve

Le contrazioni preparatorie, note anche come contrazioni di Braxton-Hicks, servono a preparare il corpo al parto. Vediamo insieme cosa c’è da sapere e come distinguerle dalle contrazioni vere e proprie che precedono il travaglio.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola le settimane di gravidanza

Calcola la data presunta del parto

Calcola il peso del feto

Calcola la lunghezza del feto

Scegli il nome del tuo bambino

Controlla i valori Beta HCG

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Si può dare l’acqua ai piccolissimi?

22/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

Ad allattamento ben avviato, quindi più o meno dopo le prime settimane di vita, se ragionevolmente si ritiene che il bebè possa avere sete (o se si notano segni di disidratazione, come il pannolino asciutto per molte ore) gli si possono offrire piccole quantità d'acqua. Se fa numerose poppate nell'arco...  »

Coppia con bisnonni in comune: ci sono rischi per i figli?

22/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Faustina Lalatta

Il grado di parentela dovuto a bisnonni in comune non aumenta la probabilità di concepire figli con malattie ereditarie. A meno che vi siano persone malate o disabili tra i consanguinei in comune,   »

Dopo 4 maschietti arriverà la bambina?

16/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Faustina Lalatta

Non è assolutamente detto che dopo quattro figli maschi il quinto sarà una femminuccia perchè a ogni gravidanza si ripresentano le stesse probabilità di aver concepito un maschio o una bambina.   »

Placenta bassa in 16^ settimana: si può prendere l’aereo?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Una sospetta inserzione bassa della placenta va confermata con l’ecografia transvaginale a partire dalla 20^ settimana, quindi circa un mese prima di questa data è prematuro diagnosticarla: proprio per questo un viaggio in aereo si può affrontare senza rischi.   »

Dopo tre cesarei si può partorire naturalmente?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Al travaglio di prova dopo un parto cesareo, noto con l'acronimo TOLAC dall'inglese trial of labour after cesarean, possono essere ammesse solo le mamme che abbiano già affrontato l'intervento solo una, massimo due volte.   »

Manovre effettuate durante l’ecografia: possono causare danno al feto?

04/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giovanni Battista Nardelli

Nessuna delle manovre manuali esterne effettuate dal medico per poter svolgere l'ecografia nel migliore dei modi può esporre il feto a rischi.   »

Bimbo di 4 anni con una tosse che non passa nonostante l’antibiotico

02/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

È un'eventualità frequente che i bambini della scuola materna passino più tempo a tossire che il contrario. Posto questo, l’antibiotico andrebbe usato quanto la tosse con catarro persiste per più di un mese senza tendenza alla remissione.  »

Fai la tua domanda agli specialisti