Contrordine: gli Omega 3 in gravidanza non servono al bimbo nel pancione

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 16/05/2017 Aggiornato il 16/05/2017

Gli integratori di Omega 3 presi durante i nove mesi non sono risultati associati a un migliore sviluppo neurocognitivo del bambino. In ogni caso prima di assumere un integratore è sempre bene consultare il ginecologo

Contrordine: gli Omega 3 in gravidanza non servono al bimbo nel pancione

È quano emerso da uno studio durato molti anni condotto da Maria Makrides della South Australian Health and Medical Research Institute ad Adelaide, Australia.

Il test sul DHA

La ricerca riguardava, in particolare, gli integratori a base di DHA, uno degli acidi grassi essenziali della famiglia degli Omega 3. Gli esperti hanno condotto i test su due gruppi di gestanti, confrontando gli effetti: al primo gruppo di donne sono stati somministrati 800 milligrammi di DHA al giorno, mentre all’altro è stata data una pillola di placebo per tutta la seconda metà della gravidanza.

Non ci sono differenze

A 18 mesi dalla nascita, gli esperti hanno notato che non esisteva alcuna differenza sostanziale fra i due gruppi di bambini  in merito a sviluppo neurocognitivo, motorio e del linguaggio. Successivi test, ripetuti a 4 anni di età, hanno confermato che i bambini nati da madri che avevano assunto integratori a base di DHA non avevano sviluppato migliori funzioni cognitive e di linguaggio rispetto ai coetanei dell’altro gruppo. Addirittura è stato notato un possibile effetto negativo: i bambini, le cui mamme avevano assunto DHA in gravidanza, mostravano problemi comportamentali e disfunzionalità di determinati aspetti cognitivi a 4 e 7 anni.

Servono ulteriori studi

Si tratta, però, di un risultato ancora tutto da indagare e confermare. Il consiglio dei ricercatori è quello di non esagerare con gli integratori durante l’attesa, quanto potrebbero risultare poco utili per il benessere del bambino.

 

 

 

Da sapere!

Un altro studio condotto dall’Università della California ha riscontrato benefici con gli integratori Omega 3 nei cardiopatici, ovvero in chi ha avuto un infarto, un ictus o è ad alto rischio di insufficienza cardiaca.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Bimbo di tre anni che colora fuori dai bordi

23/01/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

E' normale che a tre anni il bambino non riesca ancora a colorare una sagoma senza uscire dai bordi, quindi insistere affinché lo faccia rappresenta solo un'inutile forzatura.   »

Bimba che vuole solo il papà dopo l’arrivo della sorellina

20/01/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Luisa Vaselli

Dopo la nascita di un fratellino, è positivo che il maggiore crei un legame speciale con il padre e la mamma, anziché sentirsi messa da parte, dovrebbe esserne contenta.   »

L’uso del cellulare è nocivo in gravidanza?

13/01/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Aldo Messina

Durante la gestazione, è davvero poco probabile, anzi si può quasi escludere, che l'utilizzo del telefonino possa avere ripercussioni negative sul bambino.   »

Fai la tua domanda agli specialisti