Cosa fare per proteggersi dalla luce blu?

Alberta Mascherpa A cura di Alberta Mascherpa Pubblicato il 01/04/2022 Aggiornato il 01/04/2022

La luce blu può avere un impatto negativo su pelle e occhi soprattutto in fasi delicate come la gravidanza e la crescita. Ecco cosa fare per proteggersi dalla luce blu

Cosa fare per proteggersi dalla luce blu?

Si chiama Blue Light o più semplicemente luce blu. Emessa dai dispositivi elettronici, può avere effetti dannosi sulla cute e sugli occhi soprattutto in momenti delicati come la gravidanza e la crescita. Ecco cosa fare per proteggersi dalla luce blu.

Chi  emette luce blu?

Chiamata anche luce visibile ad alta energia (High-Energy Visible Light – HEV), è innanzitutto una radiazione visibile al nostro occhio emessa dal sole. Quella di cui maggiormente si parla oggi però è la luce blu artificiale emessa dai tanti device elettronici di cui ogni giorno facciamo uso, dagli smartphone ai pc, dai tablet agli schermi dei televisori. La luce blu rende infatti più leggibili e nitidi testi e immagini sui dispositivi.

Cosa provoca la luce blu?

«Ad oggi, la luce blu (Blue Light – BL) emessa dallo schermo non ha dimostrato causare danni diretti alla pelle» spiega la dottoressa Alessandra Vasselli, cosmetologa e membro del comitato scientifico Aideco, Associazione italiana dermatologia e cosmetologia. «La luce blu del sole invece genera stress ossidativo nella cute, così come tutte le altre radiazioni dello spettro UV, visibile, infrarosso e limitrofi. La luce blu è inoltre coinvolta nei processi di iperpigmentazione cutanea, soprattutto nei soggetti di pelle più scura (fototipi da III a VI) e in condizioni particolari come la gravidanza, quando per la stimolazione ormonale cresce la produzione del pigmento da parte dei melanociti».

La luce blu fa male ai bambini?

«L’esposizione prolungata a BL/HEV può disturbare il nostro orologio interno, con conseguenze sulla salute mentale e fisica. I LED blu in particolare, quando troppo intensi, potrebbero essere più dannosi per categorie a rischio come bambini ed anziani, soprattutto per quanto riguarda i disturbi del sonno e dei ritmi circadiani» commenta l’esperta.

A cosa serve la luce blu?

«La BL è nota anche per alcuni suoi effetti benefici sulla pelle. Ad esempio, ha dimostrato una certa efficacia nel trattamento dell’acne grazie al suo potenziale attivo sulla componente batterica di questa patologia, oltre che blandamente antinfiammatorio sulla pelle. Non a caso per problemi come acne, couperose, vitiligine o psoriasi sono disponibili oggi specifici prodotti solari a sostegno del concetto di “foto-protezione dedicata”. Tali formulazioni permettono selettivamente il passaggio di bande specifiche di radiazioni, utili per il trattamento delle diverse affezioni cutanee. In presenza di acne, questi prodotti fanno passare una quota di luce blu, molto vicina all’ultravioletto, utile nella terapia del paziente acneico, così come una particolare porzione di UVB, utili ad esempio per la terapia della vitiligine» conclude la dottoressa Vasselli.

 

 

 
 
 

In sintesi

Cosa è la luce blu?

La vita di tutti, ormai, è legata a doppio filo con quella di device come smartphone, tablet o computer, ed è proprio per questo che si è cominciato a parlare in modo approfondito della luce blu che questi dispositivi emettono. Soprattutto si è iniziato a interrogarsi sull’effetto che ha sulla salute delle persone, sia per quanto riguarda alcuni bio-processi che sulla pelle.

Come difendere la pelle dalla luce blu?

Per tutti e in modo particolare per le donne in gravidanza e per i più piccoli vige la regola di limitare l’esposizione ai device elettronici, limitandosi allo stretto necessario se si lavora e monitorandone con attenzione l’utilizzo nei più piccoli. Per la pelle del viso possono essere utili prodotti cosmetici messi a punto in maniera specifica per proteggere la cute dalla luce blu e limitarne gli effetti dannosi.

 

Fonti / Bibliografia

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Dodicenne con tosse abbaiante, incessante, resistente alle cure

30/01/2023 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

Una volta escluse le cause organiche, occorre pensare che la comparsa di una tosse che non risponde ad alcuna cura e non dà tregua durante la giornata sia in relazione con un disagio emotivo che può avere come origine un problema legato alla scuola (e ai compagni).   »

Contrazioni precoci: può accadere anche nella seconda gravidanza?

27/01/2023 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Bisogna mettere in conto che l'accorciamento della cervice, determinato dalla comparsa, molto prima del tempo, di contrazioni uterine, è un'eventualità che può ripresentarsi a ogni successiva gravidanza.   »

Integrazione di vitamina D: fino a che età è consigliata?

16/01/2023 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

La decisione di continuare a somministrare al bambino la vitamina D anche dopo l'anno di vita va presa con l'aiuto del pediatra curante, che ben conosce i propri piccoli pazienti grazie ai controlli periodici.   »

Fai la tua domanda agli specialisti