Covid-19: quali sono i rischi in gravidanza?

Metella Ronconi A cura di Metella Ronconi Pubblicato il 28/04/2021 Aggiornato il 28/04/2021

Per le donne che risultano positive al Covid-19 durante la gravidanza può esserci una maggior rischio di parto prematuro, mentre molto raramente il virus si trasmette al feto

Covid-19: quali sono i rischi in gravidanza?

La buona notizia per le donne incinte che contraggono il Covid-19 è che la malattia non sembra avere effetti gravi sul nascituro. I bambini sono per lo più risparmiati da una grave infezione respiratoria e spesso non si ammalano. Campioni dalla placenta, dal cordone ombelicale e dal sangue di madri e bambini indicano che il virus raramente passa dalla madre al feto.  Ma quali sono i rischi del Covid-19 in gravidanza?

I neonati non sono a rischio

Secondo un rapporto dell’Istituto superiore di sanità Indicazioni ad interim per gravidanza, parto, allattamento e cura dei piccolissimi di 0-2 anni in risposta all’emergenza Covid-19 la prevalenza e le manifestazioni cliniche della patologia da Covid-19 in gravidanza risultano essere sostanzialmente simili alla popolazione generale. La trasmissione verticale del virus Sars-CoV-2, ovvero dalla mamma al bambino, è possibile ma, secondo il Ministero della Salute, è da considerare un evento raro. Laddove i neonati risultino infettati, presumibilmente a seguito del contatto con la madre positiva durante o dopo il parto, non hanno presentato sintomi importanti e la condizione non desta particolari apprensioni.

Più problemi per la donna

Le donne in gravidanza sono più esposte al rischio Covid-19? E come proteggere il bambino? Non sorprende che i virus respiratori rappresentino una minaccia per le donne incinte, i cui polmoni stanno già lavorando più duramente del solito. Man mano che l’utero cresce, spinge contro il diaframma, riducendo la capacità polmonare e l’apporto di ossigeno diviso tra madre e feto. Inoltre, la gravidanza riduce il sistema immunitario in modo da non danneggiare il bambino. Ciò rende le donne più suscettibili alle complicazioni dovute alle infezioni. 

È quanto riporta un articolo pubblicato sulla rivista Nature che, a un anno dall’inizio della pandemia, raccoglie i risultati delle ricerche condotte in tutto il mondo e confronta i dati delle donne gravide con quelli delle donne della stessa età non incinte.

Parto prematuro

Secondo uno studio del Cdc statunitense, anche se il rischio di trasmettere l’infezione al neonato è molto basso, sembra che la covid-19 in gravidanza possa aumentare il rischio di parto prematuro.

La ricerca si è basata sui dati di 4.500 donne in attesa con Covid-19. 3.900 madri hanno fornito informazioni sull’età gestazionale del loro bambino: all’interno di questo gruppo, il 13% (500) dei neonati è venuto alla luce prima del tempo, una percentuale più alta rispetto alla media nazionale del 2019 che è del 10%.

 

 
 
 

Da sapere!

Ancora non è chiaro perché l’infezione da Covid-19 in gravidanza sia associata al rischio di parto prematuro. Una possibile ragione riguarda le “condizioni di base”: le donne che più di altre rischiano sono quelle affette da malattie pregresse, appartenenti a minoranze etniche o provenienti da situazioni socio-economiche più difficili, e quindi anche più a rischio di un contagio.

Fonti / Bibliografia

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola le settimane di gravidanza

Calcola la data presunta del parto

Calcola il peso del feto

Calcola la lunghezza del feto

Scegli il nome del tuo bambino

Controlla i valori Beta HC

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Vaccino anti-CoVid-19: non è vero che ostacola la fertilità. Anzi.

21/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Professor Matteo Bassetti

Non ci sono dati che autorizzino a sostenere che la vaccinazione contro l'infezione da Sars-CoV-2 interferisca sulla fertilità.   »

Fontanella anteriore chiusa in una bimba di 4 mesi: è preoccupante?

20/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Carlo Efisio Marras

Se l'accrescimento della circonferenza cranica è regolare e se lo sviluppo neuropsicologico è adeguato all'età, la chiusura precoce della fontanella non deve destare alcuna preoccupazione.   »

Come togliere il seno a un bimbo di 18 mesi (difficile da gestire)?

15/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Banale eppure risolutivo: per smettere di allattare, quando diventa un peso insostenibile, basta non offrire più il seno e passare alla tazza.   »

Bimbo di 4 mesi con fossette nella piega interglutea: c’è da preoccuparsi?

12/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Alessia Bertocchini

E' davvero raro che una piccola anomalia in prossimità dell'ano che vari specialisti hanno considerao priva di significato dal punto di vista medico possa essere la spia di spina bifida.   »

Bimbo con dolore forte al lato sinistro dell’addome

05/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Professoressa Annamaria Staiano

La causa più frequente di un dolore intenso nella parte alta e sinistra dell'addome è quella che i pediatri americani definiscono "stitichezza occulta".  »

Camera gestazionale piccola: c’è da preoccuparsi?

16/08/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se le dimensioni dell'embrione sono giuste per l'epoca, possono non essere significative quelle della camera gestazionale.  »

Fai la tua domanda agli specialisti